Magazine Cinema

Aspettando The Avengers

Creato il 25 aprile 2012 da Phoebes
Oggi esce in Italia il film The Avengers (e se tutto va bene andrò a vederlo stasera stessa!). Ora, a me i film sui supereroi piacciono, e in particolare ho molto apprezzato i due su Iron Man. Quando ho saputo che facevano un film un cui ne mettevano insieme un gruppetto, confesso che un po’ ho storto il naso, mi sono detta: va bè, probabilmente lo guarderò, ma solo perché c’è anche Iron Man! Poi ho scoperto che il regista era Joss Whedon, e allora l’interessa per questo film è un po’ cresciuto. Poi di recente con Firefly mi sono di nuovo innamorata di questo regista e autore, e ho cominciato a vedere qualche trailer di questo film… e adesso non sto più nella pelle dalla voglia di andarlo a vedere!!!E allora in attesa dell’uscita del film ho pensato di farmi una “cultura” e vedere anche gli altri film dedicati ai Vendicatori, ed ecco qui i miei commenti.

Captain America – Il primo Vendicatore

Aspettando The Avengers

di Joe Johnston

Voto: 6 e 1/2/10

— Perché io?
— Perché l’uomo debole conosce il valore della forza, conosce il valore del potere.
Steve Rogers e Abraham Erskine

America, 1942. Steve Rogers è un giovane patriota che vorrebbe fare il suo dovere e andare a combattere in Europa, ma è basso, gracile e di delicata costituzione, perciò viene scartato ad ogni visita medica a cui si sottopone, imbrogliando ogni volta sulla provenienza per avere più possibilità. All’ennesimo tentativo viene infine reclutato dal professor Erskine per un progetto particolare, ovvero creare una nuova “arma” da mandare contro i nazisti: un super soldato. Steve viene scelto come cavia.

Tra i vari supereroi della Marvel Capitan America, non so perché, non mi è mai stato molto simpatico. Ho deciso di vedere questo film solo perché, come ho detto prima, volevo conoscere gli antefatti di questo personaggio prima di vedere The Avengers.Bè, ho fatto bene, non tanto per il film in sé che è caruccio ma nulla di più, quanto per altri due motivi.Il primo è che effettivamente la storia di Capitan America non la conoscevo proprio, né la immaginavo così! Infatti questo film è ambientato negli anni ’40, durante la Seconda Guerra Mondiale.Il secondo sono gli attori e i personaggi che compaiono nel film: il cattivo è infatti interpretato da Hugo Weaving, mentre tra i buoni abbiamo Tommy Lee Jones nei panni di un generale, per non parlare del dottor Erskine/Stanley Tucci. Ma la sorpresa più grande è stato scoprire che a collaborare col progetto c’era anche un giovane Howard Stark, padre del nostro Tony/Iron Man! Ecco quindi perché in Iron Man 2 Tony Stark si ritrova in casa lo scudo di Capitan America! Era stato costruito da suo padre! :)Ah, e già che ci siamo con gli attori, Stan Lee non manca di fare la sua apparizione anche in questo film, in un piccolo cameo nei panni di un militare di alto grado! :)Come ho detto, siamo durante la Seconda Guerra Mondiale, quindi i nemici sono i nazisti, ma non i nazisti in generale, un gruppo che si fa chiamare Hydra (perché il loro motto è “se tagli una testa ne spunteranno altre due”, come accadeva al mitologico animale). Il loro capo è Johann Schmidt, un esaltato che mischia scienza e leggende col mito del superuomo e vuole conquistare il mondo.Il nostro protagonista invece è il classico giovane sfigato, mingherlino e vittima dei bulli. Devo dire che a vederlo all’inizio del film fa un po’ impressione perché hanno modificato l’attore Chris Evans per renderlo piccolo e rachitico, ma era sempre lui, si riconosceva!

Come ho detto il film è caruccio ma non mi ha entusiasmato particolarmente. La parte più interessante è finale: Capitan America si sacrifica per salvare l’America precipitando con l’aereo di Schmidt al Polo Nord. Poi, se non ho capito male, l’aereo viene ritrovato ai giorni nostri e il Capitano non è morto, è rimasto tipo ibernato, infatti si risveglia nel nostro presente, quindi quasi settant’anni dopo quella sua ultima missione, e viene contattato da Nick Fury. Alla fine dei titoli di testa vediamo una scena che è la stessa che si vede nel trailer di The Avengers, quando Fury va da Rogers per “reclutarlo”.
Gli altri personaggi mi sono parsi tutti un po’ poco approfonditi, alcuni si vedono quasi di sfuggita, anche il miglior amico di Steve è poco caratterizzato, forse perché destinato prevedibilmente a morire.

Non ho poi capito il senso di avere i tedeschi che tra di loro parlano con accento tedesco… o parlano direttamente in tedesco, oppure tanto vale farli parlare correttamente, non ha senso che tra di loro debbano parlare in inglese con accento tedesco!Altra cosa che non ho capito… perché in italiano hanno lasciato non tradotto il nome “Captain America”. Ok nel titolo, mi può andare anche bene, ma anche nel film viene chiamato così, e suona proprio strano, avrei trovato più normale chiamarlo “Capitan America”, come siamo abituati!

Informazioni sul film

Aspettando The AvengersTitolo: Captain America – Il primo Vendicatore
Titolo originale: Captain America: The First Avenger
Regia: Joe Johnston
Anno: 2011
Paese: USA
Genere: storico, azione, guerra, fantascienza, supereroi
Soggetto: basato su Captain America di Joe Simon e Jack Kirby
Sceneggiatura: Christopher Markus, Stephen McFeely
Colonna sonora: Alan Silvestri
Casa di produzione: Marvel Studios
Distribuzione: Paramount Pictures
Attori: Chris Evans (Steve Rogers/Capitan America), Hugo Weaving (Johann Schmidt/Teschio Rosso), Hayley Atwell (Peggy Carter), Tommy Lee Jones (Colonnello Chester Phillips), Sebastian Stan (James “Bucky” Barnes), Dominic Cooper (Howard Stark), Toby Jones (Arnim Zola), Stanley Tucci (Abraham Erskine)
Sito ufficiale

L’incredibile Hulk


Aspettando The Avengers

di Louis Leterrier

Voto: 7 e 1/2/10

HULK… SPACCA!!
Hulk

Bruce Banner è uno scienziato che ha collaborato col Governo degli Stati Uniti nella creazione di un’arma speciale: dei soldati fisicamente potenziati. Al progetto partecipavano anche la dottoressa Ross, fidanzata di Bruce, e il di lei padre, un Generale.
Banner ha sperimentato la sua invenzione su se stesso, ma qualcosa è andato storto e si è trasformato in un mostro.
Anni dopo lo troviamo in Brasile, che si nasconde dal Governo, fa esercizi per controllare la sua rabbia e cera un antidoto.

La curiosità di vedere questo film ce l’avevo già prima che mi venisse questa passione per i Vendicatori perché ne avevo sentito parlare bene, e poi mi incuriosiva la scelta degli attori, tutti nomi che apprezzo molto. E in effetti questo film è sicuramente molto più bello di Captain America, anche se non arriva ai livelli di Iron Man! :)


Aspettando The Avengers
Innanzi tutto ho trovato interessate il modo di presentare la vicenda: gli antefatti vengono mostrati nei titoli di testa, senza dialoghi, solo immagini in cui vediamo l’esperimento andato male, la violenza ricaduta anche su Betty, la sua fidanzata. Quando inizia il film troviamo Banner in Brasile che lavora in una fabbrica di bibite. Inutile dire che ci resterà per poco! Perché succede una cosa parecchio schifosa: si ferisce ad una mano, e una goccia di sangue finisce in una delle bottiglie (che schifo! Ti viene voglia di non comprare mai più prodotti confezionati!), e il Generale Ross risale a lui perché la persona che compra e beve da quella bottiglia subisce qualche strano effetto collaterale. Racconto questa piccola vicenda perché lo sfortunato compratore è interpretato da Stan Lee, che non manca mai di presenziare in un cameo nei film tratti dai suoi fumetti! :)E visto che stiamo parlando di cameo, colgo l’occasione per citarne un altro presente in questo film: nella parte di un addetto alla sicurezza dell’Università di Banner c’è Lou Ferrigno, l’indimenticabile Hulk del piccolo schermo! :)

Comunque, Banner non è totalmente isolato dal mondo mentre si nasconde in Brasile: è infatti in contatto con un misterioso Mr Blue che pensa di poterlo aiutare. Ho toppato alla grande su questo personaggio, perché prima pensavo che fosse in realtà qualcuno che lo stava imbrogliando, d’accordo magari col generale, poi non so perché ho pensato potesse essere il nuovo fidanzato di Betty (altro personaggio frainteso, tra l’altro, perché ero sicura si sarebbe subito schierato dalla parte del Generale, invece è stato il primo a cercare di fargli notare come Hulk avesse cercato di proteggere Betty). Invece questo Mr Blue è uno scienziato che davvero voleva aiutare Bruce, ma che si esalta non poco per la sua particolarità e vorrebbe continuare a studiarla e sperimentarla, e alla fine combina un casotto creando l’Abominio, il rivale storico di Hulkuccio nostro. In definitiva mi ha lasciata un po’ perplessa questo personaggio perché non ho capito da dove è saltato fuori, come sono entrati in contatto e come mai Bruce si fidava di lui. Non so, forse sono cose che i fan del fumetto sanno benissimo, ma io no!

A proposito di cose che non sapevo… da quello che dice il Generale ad un certo punto del film mi è parso di capire che gli esperimenti di Banner erano un po’ la continuazione di quelli visti in Capitan America! Il Generale dice che hanno cercato di perfezionarli, ma a mio parere aveva funzionato meglio negli anni ’40! :)


Aspettando The AvengersGià che ci sono continuo con le cose che non sapevo: non sapevo che in questo film ci fosse anche Tim Roth! Che piacevolissima sorpresa! E’ veramente uno strafico nei panni di Emil Blonsky, un maggiore dell’esercito di origini russe che si autodefinisce un combattente, e si esalta per l’esperimento Banner, tanto che si farà iniettare anche lui il siero. In un primo momento va tutto bene, in lui il siero funziona, aumenta forza e resistenza, ma lo fa rimanere umano. Solo che lui vuole di più, e alla fine si trasforma nel mostro che nei fumetti viene chiamato Abominio (con Hulk nell’immagine a sinistra), brutto brutto brutto!!!!

Come ho detto, questo film m’è piaciuto sicuramente di più di Captain America, probabilmente per il motivo che ho citato nel commento al precedente film, e cioè che Hulk è più il mio tipo di supereroe: uno che non voleva esserlo, che in fin dei conti poi non lo è nemmeno tanto, pieno di problemi, ecc ecc. Inoltre, come ho detto, mi sono piaciuti molti gli attori, Tim Roth in primis, ma ovviamente anche Edward Northon, e molto anche Liv Tyler, peccato però che il suo personaggio fosse più marginale di quanto pensassi.
Non manca purtroppo anche in questo film qualche scemenza, per esempio l’elicottero che precipita con tipo una decina di persona a bordo, e muoiono tutti tranne il Generale e la figlia, ma nel complesso il film mi ha soddisfatto, e mi è piaciuto molto il finale: dopo aver sconfitto l’Abominio, Hulk scappa, e poco dopo rivediamo di nuovo Banner in isolamento, stavolta in Canada. Fa i suoi soliti esercizi, ma c’è una piccola differenza: quando il contatore sullo scherzo azzera il conto dei “giorni senza incidenti” e Bruce aprendo gli occhi ci mostra che sono verdissimi (e che quindi sta arrivando Hulk), lo scienziato sorride (QUI l’immagine). E poi dopo come al solito c’è una piccola scena di “collegamento” (stavolta però prima dei titoli di coda) in cui compare Tony Stark (^____^) che va a parlare col Generale Ross di una “squadra” che stanno mettendo insieme…. Sempre più non vedo l’ora di vedere The Avengers!!! :D

Ultimo commentino: molto bella anche la locandina del film, con un malinconico Bruce Banner schiena contro schiena col maestoso Hulk, di spalle. Davvero molto significativa, oltre che bella da vedere!

Informazioni sul film

Aspettando The AvengersTitolo: L’incredibile Hulk
Titolo originale: The Incredible Hulk
Regia: Louis Leterrier
Anno: 2008
Paese: USA
Genere: azione, fantascienza, supereroi
Soggetto: Zak Penn (basato su L’incredibile Hulk di Stan Lee e Jack Kirby)
Sceneggiatura: Zak Penn e Edward Norton (non accreditato)
Colonna sonora: Craig Armstrong
Casa di produzione: Marvel Studios, Valhalla Motion Pictures
Distribuzione: Universal Pictures
Attori: Edward Norton (Bruce Banner), Liv Tyler (Betty Ross), Tim Roth (Emil Blonsky), William Hurt (Generale Thaddeus “Thunderbolt” Ross), Tim Blake Nelson (Samuel Sterns), Ty Burrell (dott. Leonard “Doc” Samson), Christina Cabot (magg. Kathleen “Kat” Sparr)
Sito ufficiale

Thor


Aspettando The Avengers

di Kenneth Branagh

Voto: 7 e 1/2/10

I vostri avi la chiamavano magia, e voi la chiamate scienza. Io provengo da un luogo dove sono la medesima cosa.
Thor

Su un pianeta chiamato Asgard vivono degli esseri immortali conosciuti dagli uomini come dei. Odino è il loro re, e Thor il giovane principe, suo figlio maggiore, che presto ascenderà al trono. Ma Thor è impulsivo, arrogante e presuntuoso, e in uno dei suoi colpi di testa combina un bel casino rompendo la tregua con i loro nemici, i Giganti di Ghiaccio, abitanti di Jotunheim. Per questo suo tradimento Odino lo esilia su Midgard, uno dei Nove Mondi collegati dall’albero Yggdrasill. Questo pianeta non è altri che la Terra. Qui Odino spedisce anche Mjolnir, il martello di Thor, imprimendogli un sigillo magico: Chiunque impugnerà questo martello, se ne sarà degno, possiederà il potere di Thor. Il giovane dovrà quindi imparare a riguadagnarsi il potere perduto.

Confesso che non mi andava di vedere questo film, pensavo di fermarmi con gli altri due, ma poi ho scoperto che il regista era Kenneth Branagh, regista (e anche attore) che apprezzo, e ho pensato potesse valerne la pena! E sicuramente così è stato perché 1) è forse quello che mi è piaciuto di più di questi tre e 2) penso sia davvero importante a livello di trama per quanto riguarda The Avengers, infatti presenta alcuni personaggi che rivedremo in quest’altro film.

L’inizio è un po’ noioso soprattutto perché molto prevedibile. Interessanti però i Giganti di Ghiaccio e il loro modo di combattere: creano lì per lì le loro armi ghiacciandosi le braccia. Interessanti anche le armi dei compagni di Thor, peccato che questi personaggi siano stati poco approfonditi (non ricordo neanche i loro nomi!) A proposito di nomi… che casino! Thor è un dio della mitologia nordica, e moltissimi nomi, personaggi e miti da essa provenienti sono presenti in questo film, e hanno quei nomi assurdi tipo Il Signore degli Anelli… se non fosse stato per la Wikipedia difficilmente me ne sarei ricordato qualcuno!

Non conoscevo per niente il personaggio di Thor dei fumetti, e devo dire che lui non mi ha entusiasmato particolarmente perché è piuttosto prevedibile. E’ impetuoso, vuole sempre fare la guerra senza sapere cosa significa, e dopo il suo esilio dovrà maturare e quando sceglierà di sacrificarsi per salvare gli umani diventerà finalmente degno di impugnare Mjolnir. Ah, e grazie al suo martello è anche in grado di volare! Non lo sapevo!

Come ho detto l’inizio l’ho trovato un po’ noioso, solo quando finalmente Thor arriva sulla Terra le cose si fanno più interessanti, e il film diventa anche a tratti divertente, come quando tutti lo prendono per matto e lo stendono ogni volta mentre lui grida “Come osi fare questo al figlio di Odino” ecc., e poi la protagonista femminile lo investe due volte con la macchina! Ammetto che questo mi ha fatto proprio ridere! :D

LokiIl personaggio che ho preferito è il fratello minore di Thor, Loki. Anche se fin dalla sua prima apparizione è stato subito chiaro che il suo destino era segnato (o moriva o diventava cattivo) non so perché ma mi è stato fin da subito simpatico, e mi ha poi conquistato quando si scopre che non è veramente figlio di Odino, ma è il figlio di Laufey, il re dei Giganti di Ghiaccio. Che posso farci, mi piacciono questi personaggi tormentati da una natura a metà strada tra due mondi, e mi ha fatto molta pena la sua sofferenza nello scoprire di essere stato ingannato per tutta la vita! Vero è che aveva iniziato a tradire Asgard anche prima di scoprire la verità sulle sue origini!
Alla fine ucciderà il suo vero padre per salvare Odino, perché il suo scopo finale non era di conquistare Asgard ma di distruggere completamente Jotunheim e sterminare i Giganti di Ghiaccio. Nel finale quando il padre adottivo non comprende né approva il suo gesto, si lascia precipitare nel nulla, ma… nella scena dopo i titoli di coda lo rivediamo (ovviamente), e se non ho capito male sarà lui il cattivo di The Avengers! Sono proprio contenta di rivederlo!

Phil CoulsonNon mancano in questo film guest star e citazioni dell’universo Marvel. Ovviamente è presente il solito cameo di Stan Lee, stavolta nella parte di uno dei tizi che cerca di estrarre il martello di Thor dalla roccia su cui è precipitato. Poi durante il film vengono citati Tony Stark e Bruce Banner (anche se quest’ultimo non direttamente), e vediamo in una breve scena l’agente dello S.H.I.E.L.D. Occhio di Falco che farà parte del Vendicatori. Infine, rivediamo l’agente Phil Coulson, già conosciuto e già molto da me apprezzato in Iron Man e Iron Man 2!! Ho scoperto che questo personagigo è nato coi film, non esisteva già nel fumetto come gli altri: bè, bella invenzione, perché mi piace molto!!! :D E se non ho capito male lo rivedremo anche in The Avengers! Evviva! :)

Insomma, film bellino, soprattutto per i personaggi (nonché gli attoroni: Natalie Portman e Anthony Hopkins in primis) che lo compongono, trama abbastanza scontata ma comunque coinvolgente, finale aperto ad un sequel. Mi chiedo se The Avengers sarà ambientato direttamente dopo questo o più in avanti, perché il film finisce con Thor che ha distrutto il ponte, e quindi non può tornare sulla terra, quindi mi chiedo se nel film ci mostreranno come fa a tornare, oppure se quello sarà dato tutto per scontrato (e spiegato forse appunto in un Thor 2). Bè, per fortuna non mi manca molto per scoprirlo! :)

Informazioni sul film

Aspettando The AvengersTitolo: Thor
Titolo originale: Thor
Regia: Kenneth Branagh
Anno: 2011
Paese: USA
Genere: supereroi, fantastico, azione
Soggetto: J. Michael Straczynski, Mark Protosevich (dai fumetti della Marvel)
Sceneggiatura: Ashley Miller, Zack Stentz, Don Payne
Colonna sonora: Patrick Doyle
Casa di produzione: Marvel Studios, Paramount Pictures
Distribuzione: Universal Pictures
Attori: Chris Hemsworth (Thor), Natalie Portman (Jane Foster), Tom Hiddleston (Loki), Anthony Hopkins (Odino), Stellan Skarsgard (Eric Selvig), Kat Dennings (Darcy Lewis), Clark Gregg (Phil Coulson), Colm Feore (Laufey), Ray Stevenson (Volstagg), Idris Elba (Heimdall), Jaimie Alexander (Sif), Tadanobu Asano (Hogun), Joshua Dallas (Fandral), Rene Russo (Frigga), Jeremy Renner (Clint Barton), Samuel L. Jackson (Nick Fury)
Sito ufficiale

Un po’ di frasi

[prese dalla Wikipedia]

Il suo bersaglio è ovunque.Zola a proposito di Schmidt(Da Captain America)— Hail HYDRA! Cut off one head and two more-— [Shots and kills him] Let’s go find two more.— Hail HYDRA! Se tagli una testa altre due spunt…
— (gli spara e lo uccide) Troviamo le altre due.Un soldato dell’Hydra e il Colonnello Phillips(Da Captain America)Non è una brutta cosa rendersi conto che non si hanno tutte le risposte. Poi cominci a fare le domande giuste.Il dottor Eric Selvig(Da Thor)— [staring at the Destroyer] Is that one of Stark’s?— I don’t know. That guy never tells me anything…— (guardando il Distruttore) E’ roba di Tony Stark?
— Non lo so. Quello non mi dice mai niente!Gli agenti Jasper Sitwell e Phil Coulson(Da Thor)Agent Phil Coulson: [to Thor] Donald, I don’t think you’ve been completely honest with me.Thor: Know this, son of Coul. You and I, we fight for the same cause; the protection of this world. From this day forward you can count me as your ally, if, you return the items you have taken from Jane.Jane Foster: Stolen!Agent Phil Coulson: Borrowed.Agente Phil Coulson: (a Thor) Donald, non credo che lei sia stato del tutto sincero con me.
Thor: Sappi questo, figlio di Coul*: voi e io combattiamo per la stessa causa, proteggere questo mondo. Da oggi in avanti conterete su di me come alleato se… restituirete gli oggetti requisiti a Jane.
Jane Foster: Rubati!
Agente Phil Coulson: Presti in prestito.(Da Thor)
* Il cognome Coulson letteralmente significa “figlio di Coul”. Nell’adattamento italiano questa battuta di Thor è andata persa, ma mi piaceva così ho modificato la traduzione! :)

Argomenti



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Commenta