Magazine Cinema

Bafta 2014: "La grande bellezza" di Paolo Sorrentino si impone anche agli Oscar britannici; "12 anni schiavo" è il miglior film, "Gravity" il miglior film britannico

Creato il 17 febbraio 2014 da Luca Ottocento
Bafta 2014:
Continua la marcia trionfale verso gli Oscar de La grande bellezza. Dopo il prestigioso Golden Globe di qualche settimana fa, il film di Paolo Sorrentino si è aggiudicato anche il premio per il miglior film in lingua non inglese ai Bafta. Annunciati un paio di ore fa, gli Oscar britannici assegnati annualmente dalla British Academy of Film and Television Arts hanno visto trionfare 12 anni schiavo come miglior film dell'anno e Gravity come miglior film britannico. Qui sotto potete leggere l'elenco completo dei vincitori: Miglior film 12 anni schiavo di Steve McQueen

Miglior film britannico

Gravity di Alfonso Cuarón
Miglior attore protagonista Chiwetel Ejiofor per 12 anni schiavo
Miglior attrice protagonista Cate Blanchett per Blue Jasmine
Miglior attore non protagonista
Barkhad Abdi per Captain Phillips – Attacco in mare aperto Miglior attrice non protagonista Jennifer Lawrence per American Hustle
Miglior film di animazione Frozen di Chris Buck e Jennifer Lee Miglior regista Alfonso Cuarón per Gravity
Miglior sceneggiatura originale David O. Russell e Eric Singer perAmerican Hustle

Miglior sceneggiatura non originale Steve Coogan e Jeff Pope per Philomena
Miglior film non in lingua inglese La grande bellezza di Paolo Sorrentino
Miglior fotografia Emmanuel Lubezki per Gravity
Miglior montaggio
Dan Hanley e Mike Hill per Rush


Migliore scenografia Catherine Martin e Beverly Dunn perIl grande Gatsby
Migliori costumi Catherine Martin per Il grande Gatsby
Miglior trucco e parrucco
American Hustle
Miglior colonna sonora originale

Steven Price per Gravity

Migliori effetti speciali
Gravity


Miglior suono
Gravity

Miglior documentario
The Act of Killing – L'atto di uccidere

Miglior cortometraggio britannico
Room 8 di James W. Griffiths
Miglior cortometraggio d'animazione britannico
Sleeping with the Fishes di Yousif Al-Khalifa
Miglior contributo britannico al cinema Peter Greenaway Miglior debutto britannico Kieran Evans per Kelly + Viktor Migliore star emergente Will Poulter

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Gravity

    Gravity

    2013: Spazio ProfondoCuaron apre Venezia 70 e piuttosto che dire, mostra. Una vicenda che, nonostante sia tradizionale dal punto di vista contenutistico... Leggere il seguito

    Da  Ussy77
    CINEMA, CULTURA
  • Gravity

    Gravity

    L'infinito, il silenzio, il buio: lo spazio è la trinità ambigua e affascinante che conquista l'uomo con la promessa di un limbo senza peso, lontano abbastanza... Leggere il seguito

    Da  Alesya
    CINEMA, CULTURA
  • Gravity

    Gravity

    USA, Regno Unito 2013 Titolo Originale: Gravity Regia: Alfonso Cuaròn Sceneggiatura: Alfonso Cuarón, Jonás Cuarón Cast: Sandra Bullock, George Clooney Durata: 9... Leggere il seguito

    Da  Shaqino
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione di Gravity: ridefinire cos’è la sfiga

    Recensione Gravity: ridefinire cos’è sfiga

    Devo premettere che lunedì sera mi sono presentato al cinema convinto che fosse già uscito Machete e che sarebbe stato quello il film da recensire questa... Leggere il seguito

    Da  Signorponza
    CINEMA, CULTURA
  • Gravity

    Gravity

    di: Alfonso Cuaron con: Sandra Bullock, George Clooney - USA/GB 2013 - 90 min Che differenza passa tra la meraviglia e la suggestione? Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • gravity

    gravity

    (Usa-Uk 2013) Mi spiace usare parolacce da saggio universitario o, peggio ancora, da comunicato stampa come “esperienziale” o “immersivo”. Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA
  • Gravity

    Gravity

    Del regista Alfonso Cuaron, Gravity è stato il film di apertura della 70° Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. La storia è quella del naufragio... Leggere il seguito

    Da  Marta Impedovo
    CINEMA, CULTURA