Magazine Africa

Bill Gates con l'UE per lo sviluppo sostenibile in Africa

Creato il 17 febbraio 2017 da Marianna06

Immagine correlata

Bill Gates (foto) al fianco dell'Ue per lo sviluppo sostenibile dei Paesi africani. E' il senso della visita del tycoon oggi a Bruxelles, che in una conferenza stampa congiunta con l'Alto rappresentante Federica Mogherini, sollecita anche gli Stati Uniti "ad aumentare il budget per gli aiuti esterni".

Questo tipo di "aiuti, anche quando si fanno cose miracolose, affrontano sempre la sfida della lontananza. Dire agli elettori in Usa e in Europa, di aver salvato decine di milioni di persone dall'Hiv" in Africa "è sempre una sfida enorme. Penso che oggi negli Usa, così come in molti altri Paesi, dobbiamo veramente diffondere la notizia. Il budget è molto stretto e secondo me gli aiuti dovrebbero aumentare", afferma Gates.

"Questo è un momento molto importante per sostenere la causa - aggiunge -. Incoraggiarsi con altri Paesi a restare generosi dà la massa critica. Faremo del nostro meglio per diffondere la notizia".

Con Bill Gates e la Fondazione Gates "condividiamo che il miglior modo per costruire la sicurezza per i nostri cittadini è investire in sviluppo sostenibile nel resto del mondo. Gli illustrato il Piano esterno di investimenti, in particolare in Africa, per raggiungere obiettivi di sviluppo sostenibile" mettendo assieme i settori pubblico e privato.

"Chiaramente la Fondazione Gates è un importante interlocutore in questo", ha spiegato l'Alto rappresentante Ue. Il tycoon americano ha spiegato di condividere "gli obiettivi europei per lo sviluppo ed in particolare quello del continente africano", definendo "straordinario" l'impegno dei Paesi dell'Unione. "Sono eccitato dal Piano di investimenti esterno e abbiamo parlato di come raggiungere gli investitori del settore privato. Dobbiamo avere una prospettiva di lungo termine su questo. Quella dell'Unione europea è un'importante partnership". (Fonte Agenzia ANSA)

        a cura di Marianna Micheluzzi (Ukundimana)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :