Magazine Salute e Benessere

Caldo: cinque consigli per proteggere i bambini

Creato il 26 giugno 2017 da Informasalus @informasalus

bambini estate

Da giorni il nostro Paese è nella morsa del caldo, con temperature percepite sopra i 40 gradi. Come fare per proteggere i bambini da questa ondata di calore che sta colpendo l’Italia?
1. Evitare le ore più calde
Dalle 11 alle 16 è opportuno non esporre i bambini al caldo eccessivo, ma proteggerli in ambienti confortevoli e freschi. È fortemente sconsigliato portare i piccoli in spiaggia in questi orari, è fortemente sconsigliato. Sarebbe più opportuno mettersi in viaggio, oppure visitare un altro luogo naturale in orari meno caldi.
2. Bere molta acqua
Per evitare di disidratarsi è indispensabile Integrare i liquidi persi a causa delle eccessive temperature e ciò vale in particolare per i bimbi. In questi periodi di caldo eccessivo, bere un quantitativo di acqua superiore rispetto alla quotidianità è indispensabile per il normale funzionamento del corpo. Anche consumare determinati cibi come la frutta e la verdura può aiutare a reintegrare i sali minerali persi. Per i neonati è sufficiente il latte materno.
3. Vestiti chiari e leggeri
Si consiglia di indossare capi freschi che facilitino la traspirazione come, per esempio, il cotone può essere l’ideale. Anche i colori sono significativi: il bianco e quelli chiari non assorbono i raggi solari e sono sicuramente più adatti rispetto a quelli scuri.
4. Crema solare
È necessario proteggere la pelle dei più piccoli dai raggi UV attraverso delle creme adatte alla loro giovane età. Leggere l’INCI e consultare il pediatra per capire quale prodotto sia più adatto per la loro pelle delicata.

5. Rinfrescare gli ambienti con moderazione

E' indispensabile non esagerare con l’aria condizionata: gli sbalzi di temperatura potrebbero creare problemi al bambino. Prediligere, dunque, dei ventilatori che raffreschino l’ambiente e ricordarsi di non dirigere mai il getto d’aria direttamente sul bambino. Ciò vale sia per gli ambienti della casa, sia per l’auto.



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog