Magazine Musica

Cambio di stile - (sez.Premio Natale Patti)

Da Aperturaastrappo
Cambio di stile - (sez.Premio Natale Patti)“Fino a qualche decennio fa, in ogni processo per violenza carnale, l’avvocato difensore dell’imputato non mancava mai di citare poche parole di Ovidio nell’Ars amatoria:  grata est vis puellae. La forza gradita alle fanciulle che, nella mente di un autore di duemila anni fa, stava a significare la giusta, diciamo così, pressione  che un uomo doveva esercitare per spezzare la doverosa ritrosia femminile, così che quest’ultima non si trasformasse in facilità e scarsa serietà”.
L’incipit a Maria non era piaciuto granché. Freddo, didascalico, pure un poco pedante. Così, aveva pensato: come si fa a produrre nel lettore quel pathos che una vicenda simile dovrebbe scatenare? Le avevano chiesto di raccontare la sua storia, il suo incubo camuffato da amore. Una rivista di provincia, con pochi affezionati lettori, che raccontava fatti di provincia e che non superavano quei confini. Le cose erano emerse perché lei aveva compiuto un gesto non di provincia. Aveva permesso che tutto venisse  allo scoperto: un putiferio, di quelli appunto di provincia, nei quali si formano due schieramenti  belligeranti, modernisti e conservatori, giusto per dare dignità a pensieri non sempre limpidi e onesti.Perché il suo piccolo (o grandissimo) dramma era stato di quelli che mal si raccontano. Perché il fatto in sé poteva apparire modesto, o esagerato, o magari frutto di una femmina capricciosa e poco rispettosa del marito. Maria era una maestra delle elementari, il marito un capomastro in una ditta edile della zona. Non sembravano una coppia ben assortita, anche se questi ragionamenti, in materia di amore o matrimonio, hanno poco senso. Comunque all’occhio della gente tutto pareva scorrere pacificamente, e anche affettuosamente. Eppure Maria non  percepiva così il rapporto.  Sentiva  una cappa perenne, un abito sempre più stretto che impediva di respirare bene.  Il marito era un tipo brusco. A lei era piaciuto per i modi virili e sbrigativi, che però potevano nascondere la forza di dare protezione. Ed era assimilabile a questa visione anche nei momenti di ravvicinata intimità. Per un certo periodo. Solo che, col trascorrere del tempo, forse cambiata era Maria, o forse il marito, lei cominciò a percepire altro. Quelle che all’inizio le erano sembrate strette di passione, cominciarono a sembrarle abbracci di possesso, e la dolce violenza cominciò a sbiadire nell’aggettivo. No, non è giusto definirla violenza, nessun tribunale gliela avrebbe riconosciuta. Il cambio che lei percepiva era nella pretesa nascosta nei gesti, si sentiva come a disposizione di una autorità superiore che decideva anche per suo conto. Ma lei, nella sua testa, la chiamava violenza. Non lasciava lividi corporali, ma solo tumefazioni mentali, fratture del desiderio. La percezione esatta di quella che il linguaggio giuridico chiama (orribili a dirsi e pensarsi) obblighi o doveri coniugali. Si sentiva usata, non amata o desiderata.Quando lui minuziosamente la frugava, Maria non avvertiva l’inizio di un lieve e felice percorso verso un lungo piacere finale. Si sentiva invasa, occupata quasi militarmente, arresa prima di combattere. E perché non dire di no? Ci aveva pensato infinite volte. Ma capiva che lui non avrebbe capito. E poi aveva paura. Non perché avesse sperimentato in passato dei modi sgradevoli e violenti. Ma per timore dell’ignoto. Come è un uomo grande grosso e volitivo privato dei suoi “diritti”? Storie di cronaca, e amiche loquaci, le avevano aperto squarci di vita mica gradevoli. Inoltre, i modi si facevano sempre più stringenti, fisicamente parlando. La passione per lei somigliava sempre più a un rigor mortis, ma da viva. Lui la circondava con tutto il suo corpo, da non lasciarle spazio, e lei si irrigidiva  impotente, sperando di diventare ancora più minuta di quanto non fosse già. Al respiro del piacere subentrava l’apnea o dei lunghi respiri come se cercasse di calmarsi. Aspettando la fine del tutto. L’unico vero piacere.E si decise. Parlò. Provò a spiegare  perché non si sentisse coinvolta, perché il dolore e la vergogna fossero i sentimenti più forti, perché sentiva che l’amore non era più  il motivo di questi gesti intimi. Usò parole dolci, sommesse, semplici. Ma lui capì solo che lei aveva a che dire sulla sua virilità. Troppe fisime, rispose lui con paziente intolleranza, hai solo bisogno di sano sesso e meno chiacchiere nella testa. E quella stessa sera mise in pratica la teoria. Riducendola al solito stoccafisso. Alla fine ci fu anche il commento: “Hai visto che è andato tutto bene?” “Vedrai che ti passa” fu la minacciosa profezia. E fu lì che Maria comprese che non sarebbe cambiato e che il resto sarebbe stata violenza pur senza schiaffi e calci. Ma perché non lasciarlo? Sì, lo avrebbe fatto. Ma non le bastava, si chiedeva quante altre subissero la stessa condizione nella quale essere donne non era una qualità ma un attività di servizio. In questo mondo invisibile della famiglia si consumano violenze sottaciute, non drammatiche da cronaca, senza titoli, ma umilianti e dolorose. Col corpo integro e lo sfacelo dell’anima.Maria riguardò l’inizio dell’articolo. Non le piaceva proprio. Si chiese chi mai l’avrebbe creduta. Dubitava che un giudice le avrebbe dato ragione. Decise comunque di cambiare stile  letterario. E cominciò un nuovo testo. “Gentile maresciallo…”

Francesco Colonna


Il premio Natale Patti nasce da un'idea delle associazioni Kaleidos e Giulia.Con la collaborazione di AAS e www.facciunsalto.it

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • E dopo Natale… Santo Stefano. La leggenda

    dopo Natale… Santo Stefano. leggenda

    Il 26 dicembre, il giorno subito dopo Natale, si festeggia Santo Stefano. Ma…Come mai al Santo è dedicata una giornata di festa? Leggere il seguito

    Da  Musicstarsblog
    CULTURA, MUSICA
  • Vacanze di Natale

    Vacanze Natale

    Non, non è un riferimento al classico dei cinepanettoni, ma sono le foto scattate durante le vacanze. Il parco di Monza dopo la neve, villa Sormani ad... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Vacanze di Natale 2

    Vacanze Natale

    E veniamo alle foto di oggi, fresche fresche, lungo la passeggiato del lago del Segrino, vicino Canzo. Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Tronchetto di Natale

    Tronchetto Natale

    Il tronchetto di Natale (Bûche de Noël), è un rotolo di soffice pasta biscotto farcito con una crema di marron glacee e ricoperto di ganache al cioccolato. Leggere il seguito

    Da  Anna Pernice
    CUCINA, RICETTE
  • Purcedduzzi (dolci di Natale)

    I “Purcedduzzi”o “Turcedduzzi” sono tipici dolci del periodo Natalizio Vediamo la ricetta: Ingredienti SOO granami di semola di grano duro 500 grananti di... Leggere il seguito

    Da  Lella
    RICETTE
  • Le zeppole di Natale alla sorrentina

    zeppole Natale alla sorrentina

    Le zeppole sono un dolce tipico del Cilento e della penisola sorrentina e amalfitana da gustare durante le feste di Natale. Sono frittelle di pasta, a forma di... Leggere il seguito

    Da  Skip
    CULTURA
  • Un Natale a pois

    Natale pois

    Già vi avevo detto di averle comprate e di essermi fatta questo regalo. Me ne sono innamorata a prima vista, sognavo da un po’ di tempo una calza a pois, con de... Leggere il seguito

    Da  Madameg
    LIFESTYLE, MODA E TREND, PER LEI