Magazine Salute e Benessere

Carne rossa: consumo eccessivo responsabile di 9 malattie

Creato il 16 maggio 2017 da Informasalus @informasalus

carne
Il consumo di carni rosse, lavorate e non, aumenta il rischio di mortalità legata a numerose malattie.

Dal cancro alle malattie del cuore, ictus, malattie cerebrovascolari, malattie respiratorie, diabete mellito, infezioni, malattie renali e malattie epatiche croniche. Il consumo di carni rosse, lavorate e non, aumenta il rischio di mortalità legata a numerose malattie. È quanto conferma un nuovo studio, il più grande sinora condotto su questo alimento.
Lo studio è stato condotto dal National Cancer Institute di Bethesda che ha preso in considerazione i dati di una grande indagine chiamata NIH-AARP, su sei stati (California, Florida, Louisiana, New Jersey, North Carolina e Pennsylvania) e due grandi aree metropolitane degli Stati Uniti (Atlanta e Detroit). L'analisi è durata ben 16 anni e ha coinvolto oltre 536.969 americani adulti di età compresa tra i 50 e i 71 anni.
I ricercatori americani hanno concluso che esiste una correlazione fra consumo di carni rosse e “processata” e incremento medio della mortalità del 26%.
Tra i responsabili di questo effetto secondo I ricercatori vanno inclusi il ferro eme delle carni rosse e i nitriti/nitrati di quelle processate. Altri aspetti coinvolgono le sostanze cancerogene che si producono durante alcuni tipi di cottura (segnatamente quelle alla griglia), come amine eterocicliche e idrocarburi aromatici policiclici, contaminanti dei mangimi animali, nonché un ridotto consumo di frutta e verdura che in genere si accompagna a una dieta particolarmente ricca di carne.
La mortalità è stata inferiore del 25% fra chi preferiva pesce e carni bianche rispetto a chi optava spesso per la carne rossa.
“Questo è lo studio più grande, finora, che mostra un aumento dei rischi di mortalità per diverse cause associate al consumo di carne rossa trasformata e non trasformata e sottolinea l'importanza del ferro eme, dei nitrati e dei nitriti nella valutazione dei percorsi relativi ai rischi sanitari associati all'assunzione di carni rosse”, ha spiegato Arash Etemadi, del National Cancer Institute di Bethesda.



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog