Magazine Cucina

Cheesecake light ai fichi

Da Cucinaamoremio
Cheesecake light ai fichiIo l’ho fatto con i fichi neri ma può essere fatto con qualsiasi altro frutto. 

Base:

200 gr di biscotti assortiti (o fette biscottate + 1 cucchiaio di zucchero)
40 gr di burro
40g di succo di frutta (o una tazzina di caffè)
 

500 gr ricotta (o metà ricotta e meta fiocchi di latte o robiola)
60g di farina 0
3 uova fresche
estratto di vaniglia
100 gr di zucchero

Copertura:

200g di marmellata di fichi
2 cucchiai d’acqua
o
4 o 5 fichi freschi e 1 cucchiaio di zucchero
Tritate le fette con lo zucchero in un mixer, una volta il composto è diventato tipo sabbia (NON tipo polvere), aggiungete il burro fuso e il succo o caffè, versate il composto, ora sabbia bagnata, in una teglia apribile di circa 26 cm di diametro, formando un fondo compatto premendo molto bene con le nocche delle dita. Mettete in frigorifero per almeno un’ora.

In una ciotola unite la ricotta setacciata, o più praticamente passata al “minipimer”, con le uova a temperatura ambiente montate in precedenza con lo zucchero e la vaniglia. Amalgamate bene il tutto mischiando dal basso verso l’alto con cura e versatelo sul fondo di fette biscottate messo in frigorifero.
Mettete in forno già caldo a 170° per circa 1 ora (verificate la cottura con la lama di un coltello, una volta infilata nel centro del dolce deve uscire pulita).
Una volta sfornato, fatelo raffreddare completamente, sformatelo delicatamente aiutandovi con la lama di un coltello passandola tutt’intorno (ideale sarebbe quella di un coltello per bambini, in plastica, così non graffia la teglia), quindi ricoprite il dolce con la marmellata sciolta con l’acqua e fatta bollire per un paio di minuti oppure i frutti e lo zucchero facendoli bollire per 5 minuti.
Fate raffreddare, mettete sulla superficie e dopo averlo tenuto in frigorifero per almeno un’ora servitelo. 

Con questa ricetta vorrei partecipare al contest: Cheesecake light ai fichi

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Commenta