Magazine Informatica

Come configurare una internet key su Mac OS X

Creato il 06 agosto 2010 da Mario
Agosto è tempo di vacanze, e senza l’ADSL di casa chi volesse restare sempre connesso deve scendere a compromessi utilizzando delle Internet Key per restare collegato con il resto del mondo.
Dal punto di vista delle offerte me la sento di consigliarvi quelle di Wind e Tim, che ho personalmente testato.
Per 9€ offrono rispettivamente 50 e 40 ore di connessione, entrambe con scatti di 15 minuti.
A parità di condizioni di ricezione ovviamente consiglio Wind per l’offerta più vantaggiosa, se però andate in vacanza in un posto abbastanza sperduto con Tim ci sono maggiori possibilità di avere a disposizione una rete veloce.
Dal punto di vista del software necessario, per Windows si trova praticamente tutto mentre per Mac OS X se il vostro operatore non mette a disposizione il software l’unica soluzione è quella di configurare manualmente la connessione.
Per prima cosa dovete installare i driver della vostra internet key, generalmente disponibili sul sito del produttore. Cercando in rete dovreste essere in grado di trovare i link su qualche forum specializzato.
A questo punto dovete configurare opportunamente la connessione. Nelle preferenze di sistema, scegliete il pannello di configurazione della rete e aggiungete le impostazioni per la vostra chiavetta.
Come configurare una internet key su Mac OS XImpostate come numero da chiamare *99# e se volete tenere sott’occhio la durata delle connessioni spuntate l’opzione per visualizzare lo stato della connessione della barra dei menù.
Come configurare una internet key su Mac OS XNelle impostazioni avanzate selezionata un modem generico, specificando che volete utilizzare la connettività tramite GPRS (GSM/3G) e inserendo l’APN del vostro gestore: per Tim ibox.tim.it, mentre per Wind internet.wind.it
Come configurare una internet key su Mac OS XA questo punto il gioco è fatto, godetevi le vacanze senza restare troppo isolati dal resto del mondo.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Commenta