Magazine Diario personale

...e usala quella lingua cavolo!

Da Patalice
...e usala quella lingua cavolo!Ed oggi vorrei approfondire il fattore L: 
L I M O N E.
No, non nel senso dell'agrume!giuro che non voglio farvi una tiritera sugli effetti benefici dell'acqua limonosa al mattino, ne di quanto possa essere buono questo frutto, ne tantomeno della sua coltivazione, della quale so e mi interessa al pari delle condizioni climatiche in Ecuador.
Il LIMONE del quale sto parlando è quello che ci si tira quando siamo ingrifati.
Volete chiamarlo bacio alla francese perché fa più fine?Fate pure, ma cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia, perciò... 
Il LIMONE, dicevamo, è una pratica usuale in special modo durante gli anni dell'adolescenza, quando gli ormoni girano a tremila, e le ascelle (pezzate e flatulenti) parlano per loro.
Il LIMONE non parla d'amore, ma di passione, di istinto, di carne (ma di quella accessibile anche ai vegani), di momento.
Il LIMONE non è eternità, non è promessa, non è progettazione, non è legame: il LIMONE è quell'istante perfetto che si può consolidare con quel bacio appassionato che si cerca in due.
La cosa più bella del LIMONE è che non lo puoi mai definire "bacio rubato", che è un termine aberrante, perché le sensazioni, se le rubi, sei un mentecatto sentimentale punto e basta; perché si può rubare un bacio, anche peggio, ma questo no, lo devi volere, perché per chiamarlo davvero LIMONE, ci sono due lingue che si giocano la partita della vita in campo! ...e usala quella lingua cavolo!Prima, mi rivolgevo a quella gran fetta di pubblico che sono gli adolescenti, o giù di lì, perché è proprio in quell'anfratto temporale che si rimescola tutto, e viene fuori il meglio ed il peggio: nessuna vergogna per un po' di lingua esibita, e nessun decoro sul dove ed il quando.La condizione ideale per il proliferare del LIMONE.
Da adulto ci si scopre pavidi, scossi pragmaticamente dal buon costume, che finisce sempre un po' (tanto) per sfilacciarci la spontaneità dai tessuti, rendendoci tutti schiavi del così si fa, perché fan tutti.
Orribile.
La rivincita del LIMONE accade così nelle zone d'ombra più inauspicabili, in quelle parentesi clandestine che si riscoprono quando ci si stufa di omologarsi a quelli bravi, e si inizia la rincorsa verso l'oceano dell'imprevedibile, che è la scossa unica, della quale sentiamo il bisogno.
Il LIMONE ci fa, a noi che i sedicenni li abbiamo doppiati, vacca di quella gallina a piedi nudi, sentire vivi! Qui ed ora.Ad assaporare un momento che, ci si auspica, abbia un alito fresco; che ci riporti indietro a quando tremavamo per gli occhi inquisitori dei genitori, ed iniziavamo a sentire i fremiti di un'educazione sentimentale impastata con il Top Girl ed i racconti dei compagni più navigati. 
Chissà perché si è persa l'abitudine al LIMONE...No, anzi, chissà perché l'abbiamo persa noi grandi... che nella palestra dove vado, c'è una coppia di ventenni che vive in simbiosi apneica che è una bellezza...
Qualche istruzione per l'uso del LIMONE agli over 30......e usala quella lingua cavolo!
* anche l'occhio (altrui) vuole la sua parte!Evitate quindi di metterci tutti voi stessi, seduti al tavolino di un bar durante l'aperitivo, che a nessuno interessa l'esibizione delle vostre papille all'azione!
* vietata la vergogna!Il limone non ha pudore.Questo significa che, quando limonate, dovete farlo con tutti voi stessi, non con un pezzettino di lingua buttato lì così a fare il suo... no no, metteteci cuore e muscoli giusti numi!
* attenzione ai denti!Se, da ragazzine, il dramma intrinseco, era l'aparecchio, sappiate che da grandi è la foga. Rispondi ad una semplice domanda: fa caldo, molto caldo, e ti trovi di fronte il tuo gelato preferito, che fai? Lo lecchi assaporandolo o ti ci avventi come un leoncino?La risposta dice tutto.Svela che tipo di baciatrice sei, e se sei la leonessa di turno, lo schianto dente a dente, orripilante a dire poco, è quasi più che certo.
* l'abitudine fa l'uomo esperto.La lingua è un muscolo. Non puoi giustificare anni di inattività limonatoria, con minuti su minuti su ore su giorni su settimane, di chiacchiere... non è la stessa cosa! Riprendere potrebbe essere come andare in bicicletta: potreste non aver mai scordato come si fa!Anzi, addirittura, c'è il rischio siate più bravi... ma non è sempre così... a volte l'inutilizzo gioca tiri mancini, e quello che era il vostro cavallo di battaglia, quel bacio alla francese che si tramandava fosse leggendario, è tutto chiuso là, in quegli anni d'oro... Non disperate!Potete recuperare.Come in tutte le cose, sacrificio e pratica!  

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog