Magazine Cinema

Festival di Cannes 2014: l’apertura nel segno di Nicole Kidman

Creato il 15 maggio 2014 da Oggialcinemanet @oggialcinema

Festival di Cannes 2014: l’apertura nel segno di Nicole Kidman

15 maggio 2014 • Festival di Cannes 2014, Speciale Festival di Cannes, Speciale Festival OAC, Vetrina Cinema

Nicole Kidman/Grace Kelly. Inizia con il confronto tra queste due icone della storia del cinema la 67° edizione del Festival di Cannes. Ad aprire la manifestazione è infatti Grace of Monaco di Olivier Dahan, che vede la star di Moulin Rouge nei panni dell’attrice moglie del principe Ranieri III. Un film che è arrivato sulla Croisette accompagnato dai suoi protagonisti (oltre alla Kidman anche Tim Roth e Paz Vega, quest’ultima nel ruolo di Maria Callas), dal regista francese, da centinaia di fan, accampati davanti al red carpet già da questa mattina, e ovviamente da tutte le polemiche nate nei giorni scorsi dopo il comunicato nettamente critico emesso dal principato monegasco.

Ma d’altronde Cannes è Cannes e le polemiche non mancano mai, anzi ne sono il sale allo stesso modo del cinema e delle sue star. Star che anche quest’anno saranno presenti in buon numero sulla Croisette. Attesi sul tappeto rosso infatti Meryl Streep, tra gli interpreti di The Homesman di Tommy Lee Jones, il sex symbol Ryan Gosling che fa il suo esordio dietro la macchina da presa con l’atteso  Lost River,  Berenice Bejo che torna a farsi dirigere da Michel Hazanavicius, che l’aveva lanciata con The Artist, ed ancora Kristen Stewart, Juliette Binoche, Robert Pattinson diretto nuovamente da David Cronenberg in Map to the Stars, Mark Ruffalo, Steve Carrell e Channing Tatum fantastico terzetto di Foxcatcher di Bennett Miller.

Tanti volti internazionali, quindi, ma anche grandi autori. Mike Leigh, Ken Loach, i fratelli Dardenne, la giapponese Naomi Kawase, Olivier Assayas, il giovane talento canadese Xavier Dolan, ma soprattutto Jean-Luc Godard, che torna in competizione a Cannes con un film il cui titolo è già una promessa di genialità: Addio al linguaggio.

E l’Italia? Per quanto ci fosse stata un po’ di amarezza nel vedere un solo film italiano in concorso – Le meraviglie di Alice Rohrwacher, che speriamo possa piacere alla presidentessa della giuria Jane Campion -, dobbiamo invece essere fieri della nostra presenza al Festival. Non solo perché nella sezione Un Certain Regard vedremo il nuovo film di Asia Argento, Incompresa, e nella Semaine de la Critique l’opera prima di Sebastiano Riso con Micaela Ramazzotti, Più buio di mezzanotte, ma anche e specialmente perché è proprio il cinema italiano ad essere il vero protagonista degli omaggi di questa 67° edizione. Sulla locandina del Festival troneggia un’immagine di Marcello Mastroianni in , film che verrà proiettato in versione restaurata, Sophia Loren verrà omaggiata con una proiezione di Matrimonio all’italiana ed infine la kermesse si chiuderà con Il buono, il brutto, il cattivo di Sergio Leone che verrà presentato niente meno che da Quentin Tarantino. Anche se le polemiche sono il sale di Cannes, in questo caso non possiamo e non dobbiamo essere noi italiani a farle. Per cui godiamoci quest’ennesimo grande festival.

di Antonio Valerio Spera per Oggialcinema.net

Crediti immagini:
1. Jeanne Balibar, Paz Vega – 14/05 | GRACE OF MONACO
2. Paz Vega – 14/05 | GRACE OF MONACO
3. Tim Roth and Nicole Kidman – Photocall – Grace of Monaco © FDC / M. Petit
4. Olivier Dahan – Photocall – Grace of Monaco © AFP
5. Olivier Dahan – Press conference – Grace of Monaco © FDC / C. Duchene
6. Film team – Photocall – Grace of Monaco © FDC / M. Petit

Alice RohrwacherAsia ArgentoCannesCannes 2014Festival di CannesFestival di Cannes 2014Grace of MonacoIncompresaLe meraviglieMarcello MastroianniMeryl StreepNicole KidmanOlivier DahanPaz VegaPiù buio di mezzanotteSebastiano RisoSergio LeoneSophia LorenTim Roth


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :