Magazine Astronomia

Gigante rossa nella spirale dell’addio

Creato il 20 marzo 2017 da Media Inaf

Un team internazionale di astronomi è riuscito a osservare da vicino il percorso a spirale del gas che circonda una gigante rossa e la sua compagna. Il sistema binario si chiama LL Pegasi e si trova a 3.400 anni luce da noi. La scoperta è stata possibile grazie all’utilizzo del radiotelescopio Alma (Atacama Large Millimiter/submillimiter Array), che si trova a nord del Cile.

«Quello che stiamo vedendo in grande dettaglio è lo stadio finale di vita di una gigante rossa, mentre espelle con un forte vento gran parte della sua massa», dice Mark Morris, professore di fisica e astronomia all’Università della California e coautore dello studio.

Dopo aver confrontato le osservazioni con le simulazioni al computer, gli scienziati hanno potuto concludere che la forma assunta dal gas che circonda la stella è dovuta a una compagna con un’orbita molto ellittica. La ricerca è stata pubblicata sull’ultimo numero della rivista Nature Astronomy.

«A causa del moto orbitale della gigante rossa, che sta emettendo gas con un forte vento, la struttura del materiale che circonda la stella ha assunto una forma a spirale, simile ai getti d’acqua di un irrigatore da giardino che ruota su se stesso», spiega Morris.

Alma è un impianto costituito da 66 antenne radio che operano alle lunghezze d’onda radio brevi (millimetriche e submillimetriche). Grazie a questo strumento e alle sue eccezionali capacità osservative, i ricercatori sono stati in grado di creare un’immagine tridimensionale del gas che circonda LL Pegasi, e di vedere che la forma a spirale è causata dalla presenza della stella compagna con un’orbita fortemente ellittica.

Le immagini coprono molte rivoluzioni complete attorno alla stella gigante e offrono indizi sull’evoluzione del sistema lungo un arco di tempo pari a 5000 anni. «La forma insolita di questo sistema ci permette di capire come evolvono le orbite quando una delle due stelle perde la maggior parte della propria massa», conclude Morris.

Per saperne di più:

Guarda il servizio video su Inaf Tv:


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog