Magazine Cultura

I dieci migliori film sulla droga

Creato il 19 febbraio 2013 da Tizianogb
I dieci migliori film sulla droga Esiste un sotto-genere, nel variopinto mondo della celluloide, che è quello dei film sulla droga, altrimenti detti drug-movies. Quella che segue è la mia personale classifica dei migliori dieci mai prodotti fino ad oggi.  Opere tutelate con www.patamu.com
La classifica dei migliori film sulla droga: la Drug-movies top tenI dieci migliori film sulla droga
  1. Trainspotting (1996): tratto dall'omonimo romanzo del 1993, il film rivelazione degli anni novanta, il capolavoro che ha rivelato al mondo intero la bravura eclettica di Danny Boyle e la penna al vetriolo di Irvine Welsh, cintura nera del politicamente scorretto. Una colonna sonora da urlo e un cast di nuovi talenti del cinema britannico (su tutti: Ewan McGregor e Robert Carlyle), fanno di trainspotting il numero uno dei film sulla droga, quello che più di ogni altro è riuscito nell'intento di raccontare ad un vasto pubblico il mondo delirante, anarchico e squallido dei tossicodipendenti professionisti, senza i falsi moralismi di altre opere e neanche un briciolo di commiserazione. Squisitamente pop.
  2. Drugstore cowboy (1989): Diretto da Gus Van Sant ed interpretato da un formidabile Matt Dillon, qui in una delle sue migliori interpretazioni di sempre, Drugstore cowboy è il racconto disilluso ed esemplare di una banda di tossicodipendenti dedita ai furti nelle farmacie. Con la sua solita sapienza narrativa, Van Sant confeziona un drug-movie semplicemente perfetto, una storia ad orologeria dal ritmo ipnotico e coinvolgente. La sceneggiatura è dello stesso Gus Van Sant e vanta la collaborazione dello scrittore beat che più ha esplorato e raccontato il variegato mondo delle droghe e dei tossicodipendenti: William Burroughs. Farmacologico.
  3. Easy rider (1969): Il cult per eccellenza degli anni sessanta. Le droghe come stile di vita e fonte di guadagno in questo grezzo capolavoro diretto da Dennis Hopper ed interpretato con grazia lisergica da Peter Fonda, lo stesso Hopper e un eccelso Jack Nicholson. Un road-movie che ha segnato un'epoca e ha impresso indelebilmente nella memoria collettiva i paesaggi desertici della California, culla della contro-cultura hippy e simbolo eterno della trasgressione psichedelica, dell'America libera e selvaggia. Un'inno al viaggio (sia mentale che fisico) e soprattutto un film sulla droga vista come apertura mentale e viaggio introspettivo, all'interno di se stessi. Psichedelico.
  4. Il cattivo tenente (1992): Diretto da Abel Ferrara ed interpretato da Harvey Keitel. Per la recensione di questo film e relativa comparazione con il sequel del 2009 vi rimando al post su I due cattivi tenenti, che trovate qui.

  5. Paura e delirio a Las Vegas (1998): Tratto da uno dei romanzi più allucinogeni di tutti i tempi, Paura e delirio a Las Vegas è un altro di quei film che hanno assunto da subito lo status di cult ciniematografico sociale e culturale. Johnny Deep e Benicio del Toro sono i protagonisti assoluti di questo delirio psichedelico-demenziale, frutto delle meningi intossicate da ogni genere di droga esistente in natura del dottor Gonzo, alias Hunter S. Thompson. Un viaggio esilerante e perverso nei meandri colorati e folli della città del peccato, Las Vegas, alla ricerca del sogno americano e dello sballo perfetto. Geniale. 
  6. Il cattivo tenente: ultima chiamata New Orleans (2009): Diretto da Werner Herzog ed interpretato da Nicholas Cage. Per la recensione di questo film e relativa comparazione con il film di Ferrara del 1992 vi rimando al post su I due cattivi tenenti, che trovate qui.
  7. Requiem for a dream (2000): Un film in tre atti di Darren Aronofsky, regista dei recenti The Wrestler e Il cigno nero. La storia decadente di tre amici tossicodipendenti, più la madre di uno di loro, raccontata con tocco autoriale e un notevole dispendio di effetti visivi. Allucinato.
  8. Amore tossico (1983): Un film pasoliniano, dall'impronta neo-realista, che racconta la vita di tutti i giorni di un gruppo di tossicodipendenti romani. Uno dei film sulla droga più crudi e realistici mai prodotti, in cui il vizio dell'eroina viene mostrato in tutto il suo degrado e squallore. Interpretato da veri tossicodipendenti, amore tossico è un film scioccante, sinceramente brutale. Un po' il Christiane F. italiano. Pasoliniano.
  9. Christiane F.-Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino (1981): Il film shock che ha portato all'attenzione dell'opinione pubblica il problema dell'eroina. Un vero vademecum sull'abisso morale e fisico degli eroinomani. La colonna sonora è firmata David Bowie, che compare nel film nei panni di se stesso, durante un concerto. Angosciante.
  10. Cocaina (1988): un classico degli anni ottanta, interpretato da un notevole James Wood e un'altrettanto brava Sean Young. La discesa negli inferi della cocaina di una giovane coppia della middle-class americana. Un film dal chiaro intento moraleggiante, che però si lascia guardare e pur nella sua schematicità riesce a ben rappresentare gli atteggiamenti tipici di chi è schiavo del vizio. Old Style. 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Sogni di gloria: piccolo cult all’italiana.

    Ci sono film che nascono già come piccoli cult, di nicchia, amatissimi soprattutto dal pubblico più giovane. È il caso di Sogni di gloria di John Snellinberg. Leggere il seguito

    Il 07 novembre 2014 da   Onesto_e_spietato
    CINEMA, CULTURA
  • Trainspotting, io cambierò

    Trainspotting - Mark Renton (Ewan McGregor)Demoni, riscossa e memoria. Non capita tutti i giorni di rivedersi un film rimasto nel passato da diciott'anni. A me ... Leggere il seguito

    Il 07 novembre 2014 da   Neverland
    CINEMA, CULTURA
  • Interstellar: "There's a starman waiting in the sky"

    Christopher Nolan costruisce il più classico dei viaggi spazio-temporali per tuffarsi con coraggio nel buco nero dell'ignoto e trasformare la magia del... Leggere il seguito

    Il 07 novembre 2014 da   Valentinaariete
    CINEMA, CULTURA
  • The Breakfast Club

    La trama (con parole mie): cinque adolescenti che non potrebbero essere più differenti tra loro - una star del football, un secchione, una reginetta, un... Leggere il seguito

    Il 07 novembre 2014 da   Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Renato Guttuso… Realismo magico?

    MI SCUSO COI LETTORI CHE MI SEGUONO SU PAPERBLOG, DOVE I MIEI ARTICOLI VENGONO SPESSO PUBBLICATI INCOMPLETI. PER UNA LETTURA INTEGRALE VI PREGO DI ANDARE... Leggere il seguito

    Il 06 novembre 2014 da   Federbernardini53
    CULTURA
  • Thursday's child

    La trama (con parole mie): alle spalle mesi di letargo della settima arte, con l'avvicinarsi della fine dell'anno finalmente qualcosa pare cominciare a muoversi... Leggere il seguito

    Il 06 novembre 2014 da   Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Lucy, drogarsi fa bene, lo dice Besson.

    Il nuovo film di Besson è un brodolone metafisico-urban-fantasy come il suo stile ci ha abituati, rientra in effetti nella sua lista di super-donne, dopo... Leggere il seguito

    Il 06 ottobre 2014 da   Irene_snapi
    CINEMA, CULTURA

Commenta