Magazine Lifestyle

I mestieri della moda: CONTENT EDITOR

Creato il 02 settembre 2011 da Ilariacaroli
La Moda non è solo stilisti, modelle, fotografi e truccoparrucco.
La Moda è comunicazione, è marketing, è stores.
Ma chi comunica, chi vende, chi crea gli stores?
Chi fa la Moda?

A tutte queste domande risponderò ogni settimana facendovi conoscere
I MESTIERI DELLA MODA

I mestieri della moda: CONTENT EDITOR
CONTENT EDITOR

Chi è Paola?
Sono una ragazza giovane, tra qualche mese avrò 25 anni, amante
della moda e soprattutto dei viaggi. Insieme al mio ragazzo partiamo
appena c'è l'occasione! Non sono milanese, anzi, non mi ci sento per
niente milanese, anche se non sono molto lontana da qui. Sono nata in
provincia di Milano, a Legnano. Questo significa che tutte le mattine
faccio avanti e indietro per la città, tra treni e metropolitane o
tangenziali trafficate, ma vuol dire anche tornare a casa e poter
stare all'aria aperta e vicina alla mia famiglia e agli amici di
sempre, cosa che amo. Per me tutto è una nuova sfida e cerco di non
tirarmi mai indietro, ma anzi di buttarmi a capofitto in tutte le
opportunità che mi capitano. Sono iperattiva, incapace di stare ferma,
paranoica, pensierosa, casinista, ma molto concentrata sui miei
obiettivi. Fissata con il Web, ogni tanto cerco di depurarmi
staccandomi dai Social Network totalmente per qualche giorno!
Il tuo lavoro?
In questo momento sono "Content Editor" per Donnamoderna.com,
questo significa che scrivo articoli e gallery per il sito della
rivista, organizzando il mio lavoro in base alle novità, alle
tendenze, a quello che succede nel mondo. Insomma, ogni giorno ci si
deve inventare qualcosa di nuovo! Oltre a questo, da qualche tempo
collaboro anche con un'agenzia di comunicazione, per la quale, detta
in paroloni, sono Social Media Manager, cioè curo il lato social di
alcuni brand.
Gioie e dolori?

Beh, sicuramente l'ambiente non è semplice, la competizione è
forte. Io se devo essere sincera me ne frego abbastanza! Già arrivarci
comunque è dura, perché purtroppo è molto chiuso. Mi sono resa conto
ad esempio che quando arriva il periodo della Settimana della Moda,
fuori dalle sfilate le facce che si vedono sono sempre le stesse. Devo
dire che io sono stata molto fortunata a poter avere questa esperienza
in Mondadori. E poi se sei un collaboratore come me, c'è il lato
positivo di poterti organizzare il tempo come desideri, lavorando
anche da casa, ma quello negativo di dover sempre rincorrere i
colleghi, soprattutto quelli delle altre testate, quando vorresti
collaborare per altre riviste.
Il tuo percorso?
Mi sono laureata all'Università Cattolica in Lingue e
Comunicazione. Appena finiti i tre anni, ho iniziato uno stage per la
Baldini Castoldi Dalai Editore, dove sono stata tra i curatori del
Dizionario della Moda. Dopo questo stage ho collaborato per caso come
assistente stylist per Sposabella, rivista di Condé Nast, e dopo
qualche mese mi hanno offerto di scrivere per loro per un po'. Nel
frattempo ho sempre scritto per Il Giorno della mia città. Intanto mi
mancava troppo studiare, così mi sono iscritta alla Specialistica in
Statale in Lettere e Filosofia. Devo dire di essere molto fiera di
questa scelta, per me lo studio è sempre stato molto importante (la
mia mamma è insegnante!) e volevo completare al meglio il percorso e
avere una laurea magistrale. Sono molto contenta di essere riuscita a
laurearmi nei tempi stabiliti, pur lavorando full time. Studiavo nei
weekend, ma ne è davvero valsa la pena. E' una scelta di cui non mi
sono pentita neanche nei momenti più incasinati, in cui far quadrare
tutto era un incubo!
Cosa consigli a chi vuole seguire le tue orme?

Consiglio sicuramente di non fermarsi a mandare quattro email in
croce. Non vi risponderà nessuno. Dovete cercare di distinguervi,
anche nel curriculum. A quelli del settore arrivano tante di quelle
email al giorno che non si accorgono nemmeno di buttare via la vostra.
Cercate di conoscere più gente possibile, scrivete a più gente
possibile, telefonate, cercate un contatto diretto con le persone.
Proponete articoli, un'email con scritto i vostri studi non è
sufficiente. E poi dimostratevi pieni di voglia di imparare.
Cancellate totalmente ogni briciola di presunzione, non l'apprezzerà
nessuno. Iniziate subito, prima possibile. Io sono sempre stata
dell'idea che non importa avere votoni all'Università se non hai
esperienza pratica. Se sei all'inizio, devi farti le ossa - e il mazzo.
I mestieri della moda: CONTENT EDITOR
  
      
      
      
      
      
	   
	  

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine