Magazine

I sardi nella battaglia di Lepanto

Creato il 30 maggio 2011 da Pallequadre
Quello che molti ignorano è il ruolo chiave che hanno avuto i sardi nell'esito della battaglia del 7 Ottobre 1571.
Ma andiamo con ordine.
La battaglia che assunse il nome di "battaglia di Lepanto" vedeva contrapposte le nazioni cristiane del mediterraneo occidentale contro il grande impero ottomano.
L'impero Ottomano era talmente potente da richiedere l'attacco congiunto di diverse forze cristiane: Spagna, Venezia, Genova, lo stato pontificio (che finanziò il tutto), i savoia, il granducato di Toscana e i cavalieri di Malta. L'alleanza cristiana era capitanata da Don Giovanni d'Austria.
Don Giovanni d'Austria è noto sopratutto per la sua carriera militare, infatti venne scelto come comandante della flotta cristiana.
Il comandante aveva la possibilità di scegliere fra 26 mila militari (maltesi, spagnoli, genovesi e veneziani, fra cui c'erano 3 mila nobili) per comporre l'equipaggio della nave amiraglia, le sue guardie del corpo insomma. Un corpo d'elìte, che doveva dare al nobile la certezza che sarebbe stato all'altezza del compito.
La scelta cadde sui sardi, 400 archibugieri reclutati dagli spagnoli nel tercio di cerdena (non so come si inserisce quel carattere), che avevano impressionante il brillante stratega durante alcune battaglie marittime.
E la scelta fu più che azzeccata: i sardi erano dei grandi guerrieri, e respinsero diversi attacchi alla nave ammiraglia. Furono loro che assaltarono tre volte la nave ammiraglia ottomana, dove il comandante Mehmet Alì Pascià rimase ferito.
In seguito venne ucciso da un perfetto colpo di archibugio da uno dei militari sardi, e la sultava venne conquistata.
La morte del comandante è sempre un durissimo colpo per un esercito, che infatti si ritirò dopo una sonora sconfitta. L'intervento dei sardi è stato decisivo, e in segno di gratitudine Don Giovanni d'Austria lasciò il vessillo della sua nave ai sardi, che la portarono alla chiesa si san Domenico di Cagliari, a dimostrazione del ruolo chiave avuto dai sardi in quella storica battaglia.
Il vessillo si trova ancora li, esposto in una teca, un pò sbiadito dal tempo, ma sempre testimone del coraggio dei sardi

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Lepanto (La battaglia dei tre imperi), di Alessandro Barbero (Laterza)

    Lepanto battaglia imperi), Alessandro Barbero (Laterza)

    Leggo sempre con grande interesse Alessandro Barbero. Lepanto è una ricostruzione sontuosamente imponente. Barbero, nella sua produzione, alterna, a volte, test... Leggere il seguito

    Da  Angeloricci
    CULTURA, LIBRI
  • I Tudors

    Tudors

    è una serie televisiva creata nel 2007 e basata sulla storia della vita di Enrico VIII Tudor. La serie, composta di quattro stagioni per complessive 38... Leggere il seguito

    Da  Paultemplar
    SERIE TV, TELEVISIONE
  • Libeccio (I)

    Libeccio

    Il vento che viene dal mare entra nella stanza dalla finestra socchiusa. Libeccio. Ad Aprile capita. Aprile è il più crudele dei mesi. Anche gli altri non... Leggere il seguito

    Da  Bartel
    TALENTI
  • I nomi

    nomi

    Come è noto, la nostra Costituzione pur stabilendo che “la sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione” (Art. 1... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • I germogli

    germogli

    Da dove parto?Dalla serata al ristorante L'aldiqua di Forlimpopoli, quando ci hanno servito un'insalatina con lattuga e germogli di lenticchie (e io ho passato... Leggere il seguito

    Da  Chicchi
    CUCINA
  • I milionari

    L'incipit del libro di Luigi Alberto Cannavale Luigi e Giacomo Gensini:"Secondigliano, fino al terremoto, finiva di botto. In modo netto. Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Confutationes (I)

    «Il critico vive di seconda mano. Egli scrive su qualcosa. La poesia, il romanzo o il dramma bisogna darglieli; la critica esiste in virtù del genio altrui»... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA