Magazine Cultura

Il Santuario, il Vescovo e l'Architetto

Creato il 10 luglio 2016 da Alfa
Il Santuario, il Vescovo e l'Architetto
Il grande afflusso di pellegrini e, conseguentemente, di offerte indusse le autorià religiose a progettare un ampliamento del santuario di Boca. L'idea di costruire un porticato che unisse la chiesa allo scurolo fu lanciata nel 1819 dal Vescovo di Novara Giuseppe Morozzo. Per completare l'opera si dovette addirittura deviare il corso del torrente Strona per far spazio alle nuove costruzioni. Gli abitanti si prestarono entusiasti all'impresa, che prometteva di rendere il santuario ancora più splendido e visitato.A proposito del Vescovo Morozzo, c'è da dire che resse la diocesi per circa 25 anni e fu un gran promotore di nuove edificazioni religiose. Tra queste, ad esempio, l'abbattimento del castello altomedievale sull'Isola di San Giulio per fare spazio al nuovo seminario. Ai nostri tempi un simile decisionismo si schianterebbe contro la tutela dei monumenti storici. All'epoca il desiderio del nuovo prevaleva su ogni altra considerazione.Fu proprio questo clima a creare l'occasione giusta per un giovane e talentuoso architetto nativo di Ghemme, ma residente a Maggiora, che sarebbe passato alla storia per le sue arditissime costruzioni, che sfidavano i limiti delle tecniche costruttive dell'epoca.Alessandro Antonelli che in seguito costruirà a Torino la Mole Antonelliana e a Novara la cupola del San Gaudenzio, non potendo intervenire sulla pianta del santuario di Boca propose di lavorare sulla verticalità, progettando un campanile alto 119 metri. Antonelli, oltre al talento del progettista, pare avesse anche un'altra abilità: quella di essere un grande affabulatore, capace di incantare i committenti e convincerli della bontà dei propri progetti.Le opere presero quindi il via, ma le difficoltà si fecero presto sentire. Le condizioni metereologiche sfavorevoli, come il freddo e la penuria di acqua, che impedivano di portare avanti i lavori nel periodo invernale in cui ci sarebbe stata a disposizione molta manodopera libera dalle coltivazioni; la scarsità di materiali; e non ultima una crescente opposizione da parte degli abitanti. Che in particolar modo si opposero allo spostamento della sacra immagine della cappella. "Lì è sempre stata, lì deve restare!"Segno questo che oggetto della tenace devozione popolare non era solo l'immagine, ma anche la roccia su cui era fondata l'edicola.A rendere il tutto più complicato c'erano forse anche alcune voci che aleggiavano attorno all'Antonelli e a uno strano e misterioso edificio che aveva voluto costruire poco distante dal santuario.

Ma di questo vi parlerò la prossima volta...


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Verdecammino

    Verdecammino

    di Fabio Todeschini – hi è il Profeta Verde e qual è il suo Sentiero? In questo saggio Fabio Todeschini accosta due figure enigmatiche e misteriose,... Leggere il seguito

    Da  Ciessedizioni
    CULTURA, LIBRI
  • Il bene

    bene

    Nel quarto del millennio sul pianeta Terra, nell'universo la Papamobile umanizzata benedice: la Luna con la Luna e Saturno con Saturno. Marte con che cosa? con... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Il Motovelodromo

    Motovelodromo

    Accadde in un quieto pomeriggio di primavera del 1977, quando indossai una maglietta bianca con strisce gialloblù e la scritta F.C.I. Torino. Leggere il seguito

    Da  Pim
    CULTURA
  • Il cartello

    cartello

    Autore: Don WinslowOrigine: USAAnno: 2015Editore: EinaudiLa trama (con parole mie): sono passati anni dalla fine della battaglia tra Art Keller, agente della... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione:Serie: Santuario di RJ Scott

    Recensione:Serie: Santuario Scott

    L'anno scorso ho avuto il piacere di scoprire nel mio girovagare su Amazon, una bellissima serie dal titolo Santuario di RJ Scott. Devo dire che all'inizio non... Leggere il seguito

    Da  Madeline
    CULTURA, LIBRI
  • Il club

    club

    di Pablo Larrain con Roberto Farías, Antonia Zegers, Alfredo Castro, Alejandro Goic, Alejandro Sieveking Cile, 2015 durata, 98’ È ormai palese ai più come... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Il santuario di Monte d’Accoddi, spigolature su un singolare toponimo della...

    santuario Monte d’Accoddi, spigolature singolare toponimo della Sardegna, Roberto Casti

    Il santuario di Monte d’Accoddi, spigolature su un singolare toponimo della Sardegna di Roberto CastiOrigine e significato del nome Il santuario preistorico di... Leggere il seguito

    Da  Pierluigimontalbano
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA

Magazine