Magazine Lifestyle

Il vero antistress è la parolaccia

Creato il 17 luglio 2017 da Scaccoalleregine @ScaccoALeRegine
I libri da colorare per adulti sono cosa ormai in auge da tempo.
Tutti nell'ordine li abbiamo: adocchiati, desiderati, comprati, colorati per due centimetri quadrati, abbandonati in un cassetto, scaraventati giù dalla finestra.
Io volevo collezionare tutti quelli belli di Johanna Basford ma, poiché la mia costanza è pari a quella di Ridge con le mogli, ho comprato l'edizione da poveri alla Lidl e infatti un mandala pastelloso e poi le altre pagine sono state utilizzate per spiaccicare gli insetti molesti.
Il vero antistress è la parolaccia
Il business ha funzionato - tutti abbiamo almeno un libro da colorare -, il beneficio dell'antistress no, fallimento totale.
Il mio antistress alle elementari era picchiare i compagni, ora secondo voi i pruriti della mia rabbia si potrebbero placare colorando un lezioso fiorellino? Questo non credo.
Pensate invece di colorare una paginetta in cui troneggia un bel vaffanculo.
Non è forse questo il vero antistress? Già, infatti ho deciso che i miei libri da colorare ideali sono quelli che raccolgono il turpiloquio più pregno e di sicuro non sono l'unica ad aver pensato di risparmiare i soldi delle lezioni di yoga colorando imprecazioni. Tant'è che la materia si amplia, le edizioni aumentano e alle parolacce in italiano si affiancano pure quelle in napoletano.
Fatemi anche il libro da colorare con le citazioni di Gomorra e sto a posto per tutta l'estate.
Il vero antistress è la parolaccia
Il vero antistress è la parolaccia
Il vero antistress è la parolaccia
Il vero antistress è la parolaccia
Porca puttana! Calma la tua rabbiaFottiti! Sto colorandoIl mio libro di parolacce da colorareAnimali, Fiori e InsultiColoring Book Parolacce NapoletaneMetti giù il culo e colora88 Pennarelli Stabilo24 Pastelli Giotto Stilnovo
Il vero antistress è la parolaccia
Il vero antistress è la parolaccia
| Instagram Photo Credit : @martina.carnovale - @rubytara81 - @parolacce_napoletane |

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog