Magazine Salute e Benessere

In nome del padre

Creato il 19 marzo 2017 da Lasfinge @micamenefrega
In nome del padreNon solo oggi è la festa del papà, ma ho notato che molto più che negli anni passati tutti, ma proprio tutti, ne parlano: viva i papà, che bello essere papà, festeggiamo i papà e via di seguito con originalità su questo tenore. A cosa dobbiamo dunque questo plauso crescente per la figura paterna?
  • Una occasione per le campagne di marketing? Si questo senza alcun ragionevole dubbio.
  • Un incoraggiamento al "sesso forte" a fare i padri, piuttosto che i cavoli propri (come tradizionalmente sono usi) fornendo in contropartita valorizzazione e consenso sociale? Forse... e potrebbe pure essere una buona idea.
  • Una strisciante campagna a favore della natalità in una Italia che tra crisi economica e lavoro femminile non tutelato (se sei incinta ti licenziano) non può farcela a far ringiovanire la popolazione se continua a pretendere di gravare esclusivamente sulle spalle delle donne? Anche, chissà... certo i tempi cambiano.
  • La possibilità di rendere sicuramente dimostrabile la paternità biologica grazie agli esami del DNA? Eh già: gli antichi dicevano: "Mater semper certa est, pater numquam" ed  ancora oggi uomini felicemente sposati si riferiscono più o meno scherzosamente alla propria prole con la locuzione: "I figli di mia moglie". Sta di fatto che sul piano culturale la motivazione fondamentale della cultura maschile, quella che ha perpetuato per secoli la segregazione femminile ed i tabù sessuali, è stata quella di assicurarsi la paternità biologica degli eredi.
Anche oggi del resto, quanti padri ricorrono al test del DNA? Abitualmente la paternità è "presunta" per dirla in termini giuridici per i figli che nascono all'interno di una unione coniugale oppure consensualmente riconosciuta da entrambi i genitori al di fuori del matrimonio. Esisteva e pare che esista ancora la possibilità di riconoscimento testamentario di un figlio: cioè qualcuno che non si è mai occupato di te in vita potrebbe riconoscerti come figlio in sede di testamento. Che senso avrebbe? Mah! Se c'è una eredità forse, ma non è necessario alcun riconoscimento per disporre del proprio patrimonio in sede testamentaria: una cattiveria inutile insomma...
Per quanto mi riguarda amo molto il pensiero di Fedor Dostoevskij:"Chi genera un figlio non è ancora un padre: un padre è chi genera un figlio e se ne rende degno"
Voi cosa ne pensate?

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog