Magazine Cinema

Keira Knightley: la carriera

Creato il 30 settembre 2011 da Persogiadisuo
Oggi esce nei cinema l'ultimo film con Keira Knightley, icona del blog di questo mese che finisce. Un'occasione pe ripercorrere la sua carrierra...Keira Knightley: la carrieraKeira Knightley: la carrieraKeira Knightley: la carrieraKeira Knitghley, nata il 26 marzo 1985 in Regno Unito, è senz’altro una delle migliori attrici nate negli anni ’80, grazie a una versatilità e una disposizione a mettersi in gioco che l’ha portata a spaziare da commedie brillanti (la deliziosa Bend it like Beckham- Sognano Beckham o l’insopportabile, ma di enorme successo, Love Actually), a blockbuster per famiglie (la fortunatissima trilogia dei Pirati dei Caraibi), passando per un horror (The Hole) e action (Domino, King Arthur) ma specializzandosi soprattutto in drammi in costume di registi esordienti o poco noti, che in alcuni casi le hanno portato molto successo come quelli di Joe Wright (Orgoglio e Pregiudizio e Atonement-Espiazione).

In seguito a questi due grandi successi di critica e agli esorbitanti incassi dei Pirati dei Caraibi, la stella di Keira è sembrata però offuscarsi negli ultimi anni, a causa di film sulla carta interessanti ma ignorati dal pubblico (Seta, The Duchessa, Last Night, The Edge of Love, che da noi non è stato neppure distribuito o London Boulevard che da noi è arrivato con quasi un anno di ritardo, fino all’atteso ma di fatto ignorato Non lasciarmi ).Keira Knightley: la carrieraOra grazie a Cronenberg e il suo Dangerous Method che l'ha portata al Festival di Venezia, la sua stella è tornata a brillare in una pellicola che è sì un film d’autore ma anche un’opera in grado di attirare pubblico e riconoscimenti. Grazie alla fortuna della serie de I Pirati dei Caraibi, dalla quale si è però saggiamente tirata indietro al terzo capitolo, ha potuto dedicarsi anche a molte opere commercialmente deboli se non fallimentari, che però le hanno permesso di lavorare in produzioni indipendenti e con registi promettenti ma ancora sconosciuti.

Pochissime altre attrici possono vantare una carriera così coerente e coraggiosa:
• Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma (Star Wars: Episode I - The Phantom Menace), regia di George Lucas (1999): un esordio col botto
• The Hole, regia di Nick Hamm (2001): un horror claustrofobico e interessante
• Sognando Beckham (Bend It Like Beckham), regia di Gurinder Chadha (2002): il film inglese di maggior successo dell’anno, una piacevolissima commedia multietnica
Keira Knightley: la carriera• La maledizione della prima luna (Pirates of the Caribbean: The Curse of the Black Pearl), regia di Gore Verbinski (2003): godibile fiaba per famiglie, fu un autentico colpo di fulmine per il sottoscritto e un successo enorme in tutto il mondo. • Love Actually - L'amore davvero (Love Actually), regia di Richard Curtis (2003): altro enorme successo al box office, è diventato un classico delle commedie romantiche, ma personalmente l’ho trovato davvero fastidioso.Keira Knightley: la carriera• King Arthur, regia di Antoine Fuqua (2004): tanta pubblicità, poca sostanza• The Jacket, regia di John Maybury (2005): piccolo film da recuperareOrgoglio e pregiudizio (Pride & Prejudice), regia di Joe Wright (2005): con la nomination all’Oscar ad appena 19 anni arriva la definitiva consacrazione.Domino, regia di Tony Scott (2005): un film esagerato, al limite del virtuosismo: da amare o da odiareKeira Knightley: la carriera
• Pirati dei Caraibi - La maledizione del forziere fantasma (Pirates of the Caribbean: Dead Man's Chest), regia di Gore Verbinski (2006): aumentano gli incassi e la durata, ma diminuisce drasticamente la qualità.Keira Knightley: la carrieraPirati dei Caraibi - Ai confini del mondo (Pirates of the Caribbean: At World's End), regia di Gore Verbinski (2007): sempre meglio al botteghino (un’autentica garanzia) e sempre peggio in termini di valore cinematografico. Espiazione (Atonement), regia di Joe Wright (2007): Il triangolo Wright, Knightley e letteratura torna a fare scintille: una pioggia di nomination agli Oscar, ma il film è poco più che discreto.Keira Knightley: la carriera• Seta (Silk), regia di François Girard (2007)- dalla brevissima e squisita novella di Baricco vengono tolte ogni traccia di lirismo e delicatezza: la dimostrazione del talento di Keira, unico motivo per vederlo. La scena finale, di lei che mentre si allontana nel mare guarda lo spettatore vale l’intera visione.• The Edge of Love, regia di John Maybury (2008): commedia con Sienna Miller ambientata nei primi del ‘900 da noi inedita.La duchessa (The Duchess), regia di Saul Dibb (2008): magnifici costumi e parrucche, ottima idea di partenza, ma alla fine è una rivisitazione all’inglese di Marie AntoinetteKeira Knightley: la carriera• Last Night, regia di Massy Tadjedin (2010)- l’amore tra Keira e la letteratura sembra infinito: è l’esordio alla regia di una scrittrice, passato però inosservato nonostante il cast.• Non lasciarmi (Never Let Me Go), regia di Mark Romanek (2010): altra trasposizione attesissima che però non scuote i botteghini• London Boulevard, regia di William Monahan (2010): finalmente una storia ambientata ai giorni nostri, ma i risultati sono gli stessi.• A Dangerous Method, regia di David Cronenberg (2011): Cronenberg racconta i padri della psicanalisi: un film attesissimo che ha deluso per la sua “normalità” e il suo stampo poco cronenberghiano, ma che proprio per questo potrebbe diventare un classico. Da stasera al cinema, da non perdere!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

COMMENTI (1)

Da Clarisa Nach
Inviato il 01 agosto a 02:46
Segnala un abuso

La trovo brutta, questa Keira Knightely... (o come si scrive)... trovo che abbia un aspetto fastidioso, che non comunica nulla di positivo. Intanto è troppo magra e troppo alta (verrà anche bene in pellicola ma dal vivo deve sembrare un alieno - in senso negativo)... Poi non lo so, nei film mi sembra sempre inadatta a interpretare i personaggi che interpreta, sia fisicamente che per i modi. E' la donna del fuoriluogo, secondo me, e non capisco il perché di tanto successo. Dovevano farla sfilare e basta, perché è sulla passerella (di moda, per carità) che è nel suo contesto e non stona. Da tutte le altre parti, bo... non mi piace proprio!!

Commenta