Magazine Società

La grande bellezza. Un film sulle élite italiane

Creato il 05 marzo 2014 da Subarralliccu @subarralliccu

134776-thumb-full-la_grande_bellezza_trailer_uffic

L’Italia non era ancora un Paese unito e nel dibattito pubblico già infuriava la critica feroce contro le sue classi dirigenti. Un attacco che alla radice è sostanzialmente aristocratico. Perso il loro antico potere di casta, i nobili contestavano aspramente la società rivoluzionata dall’avanzata borghese e liberale. Negli ottocenteschi Viceré di De Roberto, così come nel novecentesco Gattopardo di Tomasi di Lampedusa, i borghesi sono “poveri arricchiti”, omuncoli senza grazia, senza valori e senza storia, decadenti già prima di aver conquistato il vertice della società.

Per la cultura aristocratica italiana, quella borghese è una élite rozza e pericolosa, perché usa a misurare tutto col metro del danaro. I borghesi sono incapaci di generosità, di lealtà, di coraggio: tutte doti che il pregiudizio di casta riconosce ai soli aristocratici. E anche il proletariato, alla fine, accetta questa lettura, perché in Italia è buono solo quello che è antico e la casta lo è senz’altro più del merito.

Forse anche per questo, tra Ottocento e Novecento, la critica anti-borghese è un argomento centrale anche della narrativa progressista. Prima i radicali e i repubblicani, poi i socialisti e i cattolici adottano uno schema polemico tutto diretto a distruggere la borghesia. Prende forma qui l’immagine di un’Italia senza borghesia, priva cioè di quel motore economico e morale che altrove (in Francia, in Inghilterra, negli USA) ha contribuito alla costruzione di un paese moderno, civile, europeo: borghese appunto.

L’antiborghesismo cresce a dismisura per tutto il Novecento. Le due guerre mondiali distruggono lo Stato liberale e il termine borghese diventa un’offesa da rivolgere al compagno dissidente.

La Grande Bellezza per gli italiani è tutto fuorché essere borghesi. È l’impegno civile dei cattolici o dei comunisti; è la costruzione di identità separate e separatiste, altre dallo stato; di nuovi indipendentismi statalisti; di prossime secessioni palingenetiche. Per dirla con Piero Gobetti, l’Italia del Novecento è diventata un paese di perfetti dannunziani. Popolo di poeti e urlatori, di balconari della domenica, di rivoluzionari che odiano l’uomo comune e adorano l’uomo solo al comando, sopra la legge e oltre il presente. 

Questo futurismo parolaio e anti-borghese è la cifra distintiva della civiltà italiana dei nostri tempi. I progressisti ci hanno provato in tutti modi a sganciarsi da simile modello egemonico e nazional-popolare allo stesso tempo. Ma hanno fallito. Continuamente. La Grande Bellezza è un racconto lucido, malizioso e ubriaco di questo fallimento. Di questa sinistra nata rivoluzionaria e decaduta alla condizione di bigotta di Stato. Di quella destra forgiatasi tra le fiamme delle barricate e morta (morta dentro) a furia di frequentare i salotti della società borghese che aveva sempre fucilato con le parole (e non solo).

La Grande bellezza dice anche questo. Secondo il mio trascurabile parere.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un cavallo per la strega

    cavallo strega

    “Un cavallo per la strega” di Agatha ChristieScritto nel 1961, “Un cavallo per la strega” è uno dei romanzi gialli di Agatha Christie, stampato dalla Arnoldo... Leggere il seguito

    Da  Simone D'Angelo
    SOCIETÀ
  • Un passo avanti per la giustizia

    passo avanti giustizia

    Lo scorso 30 gennaio 2014, a Giarre nel catanese, è stato inflitto un duro colpo alla criminalità locale, da parte dei carabinieri della Dia. Leggere il seguito

    Da  Makinsud
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ, SUD ITALIA & ISOLE
  • La realtà? Più complicata di un puzzle

    realtà? complicata puzzle

    Ultimi articoli Interferenza dell’Onu e interferenza della Chiesa, che differenza c’è? 15 February 2014 La piccola-grande Maria Teresa Scibona su LA NAZIONE. E... Leggere il seguito

    Da  Rosebudgiornalismo
    ATTUALITÀ, CULTURA, SOCIETÀ
  • Un errore burocratico ne minaccia la vita

    errore burocratico minaccia vita

    In questi giorni sembra vana la vittoria, riportata un mese fa nel quartiere di Picanello a Catania (clicca qui per l’articolo) riguardo la denuncia fatta ad... Leggere il seguito

    Da  Makinsud
    INFORMAZIONE REGIONALE, I NOSTRI AMICI ANIMALI, SOCIETÀ, SUD ITALIA & ISOLE
  • La Grande Bellezza è un film noioso?

    Grande Bellezza film noioso?

    Attenzione. Nell'articolo è descritta la trama del film. Ma puoi leggerla lo stesso. Se arriverai in fondo all'articolo capirai che non fa tanta differenza... Leggere il seguito

    Da  Nineteeneightyfour
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Un posto per la nostra storia

    posto nostra storia

    Molti ricorderanno la campagna partita da questo blog nel mese di gennaio del 2013, affinché l’amministrazione comunale commemorasse con i dovuti onori Nino... Leggere il seguito

    Da  Domenico11
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Pisa: uccide la moglie dopo un litigio

    Sandra Fillini, donna di 53 anni è stata uccisa dal marito 55enne, a coltellate, durante una lite. Castelnuovo Valdicecina (Pisa) è la scena del crimine, Robert... Leggere il seguito

    Da  Nicola933
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ