Magazine Viaggi

Lavorare freelance in Germania: i passi da fare

Creato il 20 marzo 2017 da Mysocialtravel

Il sogno di molti è sempre più spesso quello di lavorare come freelance o libero professionista. Ci sono molte professioni che lo permettono, quasi tutte quelle che richiedono solo un computer e poco altro per essere svolte. Tutte le professioni nel digitale possono ad esempio essere tranquillamente svolte da home office, ma anche tantissime altre professioni da ufficio. Ho appena saputo che in Olanda esiste da poco addirittura una legge che permette ai lavoratori di richiedere ed ottenere il lavoro in home office e, personalmente, penso che il futuro sarà sempre più così. Per molti tipi di professioni sarà magari necessario andare in ufficio almeno due o tre giorni alla settimana, per riunioni o incontri con i clienti, ma molto del lavoro potrà essere svolto da casa o da dove meglio si crede. Trovo questa legge avanti anni luce e utile sia per i dipendenti che per i datori di lavoro: quando si prende coscienza di quanto vale il proprio tempo,  si fa di tutto per farlo fruttare in modo produttivo! Ma veniamo al dunque e vediamo quali sono i passi da fare se hai deciso di lavorare freelance in Germania!

Lavorare freelance in Germania

Lavorare  freelance in Germania è molto semplice. Ci sono alcune informazioni importanti da sapere e alcuni passi base da compiere però, se si è arrivati da poco in Germania o se state pensando di trasferirvi.

Se invece vivete già in Germania e avete deciso di aprire la vostra piccola attività da freelance, andate direttamente al punto 5!

1. La residenza- Anmeldung

Come prima cosa, dopo aver scelto dove trasferirvi, dovrete trovare un alloggio. Questo passo è fondamentale per registrarsi come residenti nel paese, perchè senza residenza, non potrete aprire la vostra partita iva tedesca! In questo post trovate alcuni consigli su come trovare una casa in Germania!

Dopo aver trovato una sistemazione, si deve procedere entro 15 giorni alla registrazione della residenza, detta Anmeldung. Questo è quello che so, perchè in caso contrario si potrebbe incappare in una multa. Tuttavia, una volta registrati nel suolo tedesco, ci sono alcune cose importanti da sapere. Prima di tutto, durante l’Anmeldung viene chiesta la religione di appartenenza, oppure dedotta (italiani=cattolici). Anche se non si va a messa da 12 anni, ma si è ancora battezzati, bisogna dichiararsi cattolici. Questo perchè poi dalla busta paga verranno detratte delle tasse per la chiesa, tasse anche abbastanza alte. Dunque dichiarando il falso, si rischia di incappare in una multa molto salata.

2. Aprire un conto bancario tedesco 

Il secondo step sarà quello di aprire un conto tedesco, anche questo passo non può essere saltato per iniziare a lavorare freelance in Germania. Quasi tutte le banche offrono servizi anche in inglese, dunque aprire un conto non dovrebbe rivelarsi un’attività troppo complicata. Vi consiglio questo articolo: ” I conti bancari in Germania adatti per chi non parla tedesco“.

3. Assicurazione sanitaria tedesca

Dal momento in cui si fa l’ Anmeldung, che, abbiamo visto, dovrebbe essere compiuto entro 15 giorni dall ’arrivo in Germania, si hanno tre mesi di validità della tessera TEAM, l’assicurazione sanitaria italiana valida in Europa. In caso si inizi a lavorare, anche autonomamente, è necessario però stipulare un’assicurazione sanitaria tedesca, che, nel caso vogliate lavorare freelance in Germania, è da pagare per intero (per i dipendenti, i datori di lavoro pagano il 50% dell’importo). Queste questioni variano comunque per tipo di attività e per quanto si guadagna.

4. Identifikationsnummer

Al momento dell’Anmeldung, o pochi giorni dopo, vi verrà consegnato un numero di identificazione. Questo corrisponde un po’ al nostro codice fiscale anche se non viene utilizzato in molte situazioni. Per lavorare freelance però vi verrà richiesto, quindi portatelo con voi!

5. Gewerbeamt, l’ufficio commerciale

A questo punto non dovrete fare altro che recarvi al municipio della vostra città, dove si trova un ufficio commerciale per aprire la pratica. Potete cercare Gewerbeamt + il nome della vostra città e dovreste trovare l’indirizzo necessario. All’ufficio potrete spiegare l’attività che intendete aprire e vi verranno forniti i formulari necessari. Ad esempio, per una piccola attività freelance, dovrete chiedere di aprire un “Kleingewerbe”, in questo caso potrete lavorare in modo freelance se guadagnate meno di 17.500 € all’anno. Se invece avrete dei collaboratori, o volete aprire un altro tipo di attività, che richieda un capitale iniziale e preveda guadagni molto più elevati, il vostro caso sarà “Selbstständiger”. Se svolgete anche un altro tipo di lavoro dipendente, dovete richiedere un “Nebengewerbe”.

L’impiegato chiederà che tipo di attività desideriate svolgere, ad esempio grafica o redazione di  testi. Potete anche indicare qualcosa di più generale, ad esempio comunicazione digitale e consulenze, o qualsiasi attività vogliate svolgere. Dopo aver fornito copia dei documenti d’identità e compilato un formulario, vi chiederanno di pagare circa 20€ e da quel giorno stesso potrete iniziare a lavorare. Semplice, no?

6. L’ufficio delle imposte- Finanzamt

Dal giorno in cui siete stati all’ufficio commerciale, avrete poi due settimane per compilare un formulario dettagliato sulla vostra attività e prospettive di guadagno, da consegnare al Finanzamt della vostra città. Una volta consegnato, entro sei settimane vi arriverà a casa il vostro Steuernummer, che corrisponde alla p.iva italiana.

lavorare come freelance in germania

7. Le fatture e la dichiarazione dei redditi

A questo punto, dopo che riceverete lo Steuernummer, potrete scrivere la vostra prima fattura! Non dimenticatevi di compilare anche la dichiarazione dei redditi, sia che guadagnate che in caso contrario, altrimenti assumeranno che avete in ogni caso guadagnato e vi chiederanno di pagare le tasse.

Dunque, lavorare freelance in Germania non è affatto complicato, richiede solo un po’ di informazione, poca burocrazia, e poi si può iniziare! Se questo articolo vi è stato utile, condividetelo sui social 🙂

lavorare_freelance_in_germania


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog