Magazine Diario personale

Le Grandi Letture

Creato il 18 aprile 2017 da Lavostraprof

Alla fine, qualche lettura c’è stata davvero (lavoratori, veri lavoratori, parlate pure male, ironizzate, prendete in giro, insultate noi della scuola: sopporteremo).
Io, per lo meno, sopporterò, aiutata dal fatto che, finalmente, ho fatto le vacanze pasquali con tutte le verifiche corrette e consegnate (un, due, fatta verifica, consegnata il giorno dopo, via);
e ho letto.
E ora vi dico cosa:
Il vagabondo delle stelle“, di Jack London, consigliatissimo, anche nella prima edizione italiana con traduzione che vabbè e tante belle parole che oggi sarebbero considerate errori ortografici;
Tess dei d’Urberville“, di Tomas Hardy; rilettura dopo anni et annorum, consigliato, davvero, un bel romanzone che vi porta in un altro mondo ma non in un’altra dimensione spirituale;
Winesburg, Ohio“, di Sherwood Anderson, una serie di bei racconti che in realtà rimbalzano intorno alle stesse figure di una stessa cittadina, per cui li ritrovate e li seguite, anche solo per cenni, qui e là; mooolto consigliato;
L’ibisco viola“, di Chimanda Ngozi Adichie, da evitare se siete stufi di storie di crescita e romanzi di formazione; da leggere assolutamente se volete seguire le trasformazioni civili, politiche e personali di una ragazzina in un Paese che tente di liberarsi dalle pastoie del colonialismo;
Le nostre anime di notte“, di Kent Haruf, altra cittadina, altro racconto, molta più pacatezza e apparente tranquillità; forse non così strabiliante come la trilogia di Holt, ma una carezza sull’anima;
Orgoglio e genocidio, l’etica dello sterminio nella Germania nazista“, di Burgio e Lalatta Costerbosa, un saggio filosofico e storico, che Burgio in particolare rende interessante e accessibile, sulla collaborazione della popolazione tedesca (a vari stadi e livelli) nel genocidio perpetrato in suo nome. Illuminante (e ancora in lettura, eh).

disclaimer: sì, sono una lettrice veloce, e leggo anche mentre aspetto che si scaldi l’acqua per la pastasciutta.



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog