Magazine Cultura

Le mille gru di carta di Sadako Sasaki

Creato il 24 ottobre 2010 da Edizionialtravista
Le mille gru di carta di Sadako Sasaki

Forse pochi di voi conoscono la storia di Sadako Sasaki, una bambina che, quando il 6 agosto 1945 venne sganciata la bomba Little Boy su Hiroshima, aveva solo due anni. Nel novembre del 1954, un fastidioso gonfiore sul collo costrinse Sadako a letto per alcuni giorni. A Capodanno il gonfiore si era esteso alla faccia, e piccole macchie color porpora erano comparse sulla gamba sinistra della bambina. Il 18 febbraio del ’55 la diagnosi: leucemia. Il 21 il ricovero all’ospedale della Croce Rossa, con appena un anno di vita da vivere, prima che i globuli bianchi proliferassero impazziti nel suo sangue, portandole via l’ossigeno.
Fu Chizuko, un’amica, a regalarle l’origami: una piccola gru di carta nella quale erano racchiuse una leggenda e una speranza. Secondo una antica leggenda, infatti, chi avesse piegato mille origami raffiguranti una gru avrebbe potuto esprimere un desiderio che gli dei avrebbero esaudito. Sadako sognava di esorcizzare la morte, di sconfiggere quella sua malattia, di continuare a sperare nella Vita, la vita dell’intera umanità. La storia di Sadako terminò la mattina del 25 ottobre 1955. C’è chi dice che le sue mani si fermarono dopo 644 origami; per altri, il numero di mille fu abbondantemente superato. Il nome della nostra casa editrice “Edizioni La Gru” vuole essere un inchino a Sadako, alla sua speranza e alla sua forza perché la sua vita e quelle gru non vengano mai dimenticate. Nel 1958 all’interno dell’Hiroshima Peace Memorial venne posta la statua di Sadako, ritratta con le braccia aperte protese verso il cielo mentre una gru spicca il volo proprio dalle sue mani. Alla base della statua si possono leggere queste parole: “Questo è il tuo pianto. La nostra preghiera: Pace nel mondo”.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Le "Onde"...

    "Onde"...

    Una mattina, mi svegliai e entrai in cucina per far colazione, accesi la radio: un giornalista stava intervistando di buon'ora un compositore, un musicista,... Leggere il seguito

    Da  Giovannipaoloferrari
    CULTURA, MUSICA
  • Le scarpe

    scarpe

    Forse una delle invenzioni più importanti della storia del costume, le scarpe tra Sette e Ottocento saranno al centro dell'approfondimento di questo post... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA, MODA E TREND, STORIA E FILOSOFIA
  • “Le acrobate”

    acrobate”

    1997: Le acrobate di Silvio Soldini Uno dei più bei film italiani (e non solo) degli ultimi tempi. Accostato più volte ad Antonioni per lo stile asciutto, Silvi... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Le "paroline"

    "paroline"

    I miei studenti si lamentano sempre di avere problemi con le PAROLINE italiane. Con paroline intendono sia le preposizioni ed i pronomi, sia tutte quelle... Leggere il seguito

    Da  Scuolasara
    CULTURA
  • Le osterie

    osterie

    A me piacciono gli anfratti bui delle osterie dormienti, dove la gente culmina nell’eccesso del canto, a me piacciono le cose bestemmiate e leggere, e i calici... Leggere il seguito

    Da  Pioggiadinote
    CULTURA, DANZA, PALCOSCENICO
  • Le Vent.

    Fra cap’e collo, su Ponte Mollobada, te s’arza la sottanasta ariva’ la tramontanaFra cap’e colloSu Ponte MolloTiettelo stretto er foularinoNon è mica er... Leggere il seguito

    Da  Vix
    CULTURA, MUSICA
  • Le reve

    reve

    Spettacolo acquatico che si tiene nel teatro del Wynn.Io non ero mai stata ad uno spettacolo a Las Vegas, ma devo dire che la loro fama ha veramente ottime... Leggere il seguito

    Da  Mery12
    CULTURA, FOTOGRAFIA, LIFESTYLE