Magazine Medicina

Ottenuta cartilagine con la stampa 3D delle cellule staminali

Creato il 17 maggio 2017 da Conservazionecordoneombelicale @SorgenteSalute

Cellule staminali sopravvivono al processo di stampa 3D di un pezzo di tessuto cartilagineo
Conservazione cordone ombelicale - GuidaDi: Redazione

I ricercatori svedesi hanno riportato un nuovo successo del connubio tra stampa 3D e cellule staminali. Un team dell’Università di Gothenburg ha stampato del tessuto di cartilagine usando cellule staminali. Le cellule sono sopravvissute al processo e hanno cominciato a moltiplicarsi e a formare condrociti, gli elementi base del tessuto cartilagineo. All’esame medico, il tessuto artificiale appare identico a quello ordinario.

Il team ha usato cellule provenienti da pazienti che si erano sottoposti a interventi al ginocchio. L’unione con la nanocellulosa ha permesso alle cellule staminali di sopravvivere al processo di stampa. A questo punto i ricercatori le hanno trattate con fattori di crescita particolari, così da stimolarne la corretta differenziazione.

Il traguardo più rilevante è stato l’alto tasso di sopravvivenza alla stampa 3D delle cellule staminali. Lo studio ha però evidenziato anche come non sia importante avere grosse quantità di cellule vive. Bastano relativamente poche cellule per ottenere il tessuto necessario.

Lo studio è un importante passo in avanti per la creazione di cartilagine in vitro. In futuro si potrebbe usare il tessuto così ottenuto per riparare i danni da osteoartrite o simili. Ci vorranno però altri studi, in quanto la cellulosa usata per supportare le cellule staminali potrebbe non essere ottimale per l’essere umano.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog