Magazine Informazione regionale

Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?

Creato il 09 dicembre 2016 da Romafaschifo
Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?

Ieri il sindaco di Roma ha inaugurato uno degli alberi-di-Natale-di-Piazza-Venezia più insulsi, spelacchiati e tristi di sempre. Invece di sollecitare spirito festaiolo, la povera conifera - peraltro collocata in una vergognosa rotonda automobilistica: i 5 Stelle dovevano cambiare tutto dunque perché riconfermare la location? - fa venire solo una gran senso di depressione facendo passare la voglia di fare acquisti, compere e istigando a portare i propri soldi altrove. Buio, sciatto, male allestito, senza un'idea o uno spunto creativo, l'abete è comunque motivo d'orgoglio dell'amministrazione (questa foto orrida usata per il confronto non è stata divulgata dai poteri forti ma postata dalla simpatica Virginia Alemanno sul suo profilo). Perché "per realizzarlo abbiamo speso solo 15 mila euro". Già, ma se il risultato che hai è un danno d'immagine, assolutamente controproducente, allora i 15 mila euro sono pure troppo, sono perfino soldi buttati: era meglio non far nulla. L'alternativa non è tra il fare le cose sprecando o il farle risparmiando; l'alternativa è piuttosto tra il fare le cose bene, sperando e auspicando che abbiano un ritorno in termini di immagine e quindi economico, e tra il farle male. Se si devono fare male è meglio non farle affatto; e il nostro albero di Natale è fatto male. Per carità, rispecchia le condizioni della città e in questo è sincero, ma resta comunque la totale inadeguatezza.

Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?
Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?
Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?
Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?
Foto da roma.corriere.it/foto-gallery/cronaca/16_dicembre_08/piazza-venezia-raggi-accende-l-albero-piazza-venezia-86c31612-bd79-11e6-bfdb-603b8f716051.shtml
Il giorno precedente, tradizionalmente per Sant'Ambrogio, anche a Milano è stato acceso l'albero di Natale principale, in Piazza Duomo (un'isola pedonale, non una rotonda autostradale). L'albero è scintillante e quasi impressionante per dimensioni. È stato inaugurato dopo una grande festa, la piazza gremitissima, spettacoli di teatro e danza, i ragazzi del Coro dell'Antoniano a intonare canzoni natalizie e migliaia di telefonini ad immortalare l'accensione.
Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?
Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?
Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?
Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?
Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?
Foto da fashionblog.it/post/444983/albero-natale-2016-milano-duomo-la-cerimonia-daccensione
Qualcosa come 28 metri di altezza, 54mila luci, 400 palle di Natale, 6km di cavi. Ma quindi il Comune di Milano è più spendaccione di quello di Roma e vuole buttare i soldi di chi paga le tasse in facezie? Fermo restando che queste non sono meramente spese bensì investimenti sull'immagine della città e dunque sulle sue potenzialità di riuscita economica, bisogna comunque dire che no, il Comune di Milano non spende di più. Il Comune di Milano semplicemente fa ogni anno una gara e assegna la realizzazione dell'albero - su sua supervisione, chiaro - ad una grande realtà privata. Quest'anno è Pandora, la multinazionale nordeuropea dei gioielli. Chiaramente queste società portano non solo il beneficio economico di sponsorizzare l'operazione, ma anche tutto un expertise sul mondo degli eventi. Grazie a Pandora insomma l'operazione-albero di Natale girerà moltissimo sui social, diventerà una destinazione, contribuirà a fare branding della città di Milano nel mondo. Ci guadagna il marchio Pandora, ci guadagna il marchio Milano. E dunque tutti i milanesi nessuno escluso.

Naturalmente a Milano questa esperienza non è la sola. L'albero in Galleria - straordinario coi suoi giochi di luce - è pagato da Swarovski, quello a Piazza Gae Aulenti da Esselunga e quello alla Darsena da Vodafone. Tutto a costo zero per l'amministrazione che, al contrario, incassa soldi e campagne pubblicitarie internazionali che mai si sarebbe potuta permettere e che fortificano l'awareness globale della città senza che Palazzo Marino metta un centesimo. Ecco che così i 15mila euro della Raggi, raccontati come virtuosi, diventano viziosi, sciocchi, stupidi. Ridicoli.

Tutta l'operazione Pandora, poi, ha un punto di caduta assolutamente benefico e charity. Pandora punta a far crescere la consapevolezza del pubblico con una campagna che punta a fare attenzione quando e come si consuma. E dove. Un bel lavoro sul concetto di "donare" che gira con un hashtag sulle reti sociali e ha come punti fissi i tanti store Pandora.

Tornando a Roma, qualcuno pensa che potremo persuaderci del fatto che il nostro albero ottempera alle mitologiche leggi delle Tre Erre così bene enunciate dalla nostra sindaca al momento dell'inaugurazione: Riduzione, Riciclo, Riuso. Tutto benissimo, se non ci fosse una quarta R: Ridicoli!

Perché l'albero di natale di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :