Magazine Motori

Prova per voi: Honda X-ADV

Da Motociclistidatavola

 Prova per voi: Honda X-ADV

Il test dello scooter ibrido Honda


Sul numero di Aprile di InMoto, proprio in fondo, c'è il solito articolo di Federico Garbin per la sua rubrica HowManyRoads. Prima di procedere con la lettura di questo post sarebbe interessante che lo leggeste.
Se non avete voglia di leggerlo allora ecco un'altra prescrizione: se pensate che l'Honda X-ADV sia un obrobrio, che non merita di esistere, che fa cagare, che è un cancello, che fa schifo, allora non leggete questo post. Questo perchè sono consapevole che questo mezzo attira un sacco di giudizi ma per formularne uno bisognerebbe liberarsi dei pregiudizi. Se ne avete, ed è legittimo, fermatevi adesso. Perchè io non ho le capacità persuasive per farvi cambiare idea e, soprattutto, non ho lo scopo di farvi cambiare idea. Però questo mezzo non è per le mezze misure, è per i pregiudizi. Quindi o siete curiosi o tenetevi la vostra idea.
Veniamo, invece, alla nostra prova. Ringraziamo Alberto e la concessionaria R&D per averci avvisato subito di avere il mezzo a disposizione e per avercelo fatto provare con grande calma. Partiamo cercando di capire cos'è, intanto. E' uno scooter? Alla vista direi di sì. E' una moto? Certe soluzioni potrebbero farci rispondere positivamente anche a questo quesito. Sarebbe bello un sondaggio su larga scala per far capire quale parametro ci fa dire che un mezzo è uno scooter o una moto, ora che le leve di sinistra di tante moto stanno sparendo, che i tunnel centrali di tanti scooter obbligano allo scavalcamento per salire, insomma, dove finisce uno ed inizia l'altro? Io non lo so, dico che questo mezzo è uno scooter perchè così lo presenta Honda e lo fa per essere più innovativa. Fa figo presentare uno scooter adventure...presentare una moto automatica con assetto off-road è meno smart, meno attrattivo, faresti più fatica a fare il lancio del mezzo con Mariano Di Vaio che lo porta in giro per la città, dovresti usare un altro testimonial. Chiamandolo scooter il mercato è più ampio. Forse il vero modo per capire di cosa si parla sarebbe di sapere quale marginalità gli viene applicata sopra da Honda per la vendita al pubblico, dato che in genere sono due livelli distinti, per moto e scooter. Ma stiamo cercando una risposta ad una domanda che forse non è neppure interessante.
Allora partiamo da una valutazione che è sempre soggettiva: ma è bello? Ecco, per leggere la mia risposta serve una premessa. Correva l'anno 1995, io avevo 17 anni e guidavo il mitico MBK Booster. E mi piaceva un botto. Facevo i vialetti del mare intraversandomi sul sabbione e mi sentivo Edi Orioli. Poi, la sera grazie alla sella bi-posto ero spesso in compagnia.
Ecco, a me questo Honda piace da sempre.
Ma veniamo alla prova. Se fosse uno scooter dovrebbe essere facile, comodo, protettivo, agile e divertente. Beh, direi che risponde ai requisiti del X-ADV. In termini di ergonomia, a mio avviso, ha solo un paio di limiti. Uno, è alto da terra. Nonostante la sella rastremata aiuti a toccare terra devo ammettere che a me servono gli avampiedi. Questo è un limite, specialmente quando si deve zampettare da fermi. Il secondo limite ergonomico è che il tunnel centrale è pieno, quindi per scendere bisogna scavalcare la sella da dietro, come con le moto. E sella alta da terra, sella grande da scooter, gamba corta del tester...insomma, non è la manovra che mi riesce con maggiore eleganza. Non salivo e scendevo come fossi un elfo a cavallo. Sembravo più uno sheriffo obeso, ferito ad un arto da un freccia indiana che cerca di salire a cavallo dopo aver bevuto un po' troppo.
Parliamo comunque di due limiti che l'abitudine al mezzo fa superare di sicuro, nel senso che dopo 3-4 volte uno si organizza e capisce come funziona senza sembrare un cetaceo.
Fra le cose che colpiscono c'è sicuramente la protezione, il cupolino regolabile copre bene. Tenuto ad un'altezza intermedia toglie aria ma non il rumore. E questo è importante, anche perchè aiuta bene a capire a che velocità stiamo andando. Mi spiego, la moto ha tanti elementi che ti fanno capire a che velocità vai, la posizione solidale col mezzo, il motore che è più esposto e si percepisce maggiormente, insomma, tanti elementi. Sullo scooter è  meno diretto. Con questo X-ADV mi sono ritrovato ad andare più forte di quel che stessi pensando.
Cos'altro possiamo aggiungere. Ecco, le sospensioni. Mi son ritrovato fermo ad un semaforo e ho fatto la prova SAG, come faccio in bicicletta. Beh, la forcella dell'X-ADV si abbassa molto. E' molto morbida. Andando in giro per la città ti rendi conto che copia ogni buca, ogni binario, ogni sassolino. Insomma, non lascia niente al pilota, son tutte le sue, copia tutto. Mi piacerebbe poterlo provare in un lungo giro appenninico, per capire se questa caratteristica nelle lunghe percorrenze è fastidiosa, anche se ho avuto la sensazione che dentro gli steli della forcella idraulica, meccanica, elettronica, magia, sciamanesimo, metafisica, psicofisica e altro facciano un buon lavoro. Almeno ho avuto conferma che nei curvoni non c'è l'effetto "Citroen Due Cavalli" e lo scooter è stabile e l'avantreno molto solido.
Sui freni cosa dire, sono freni da scooter, quindi facili. Quindi non mi ci sono trovato benissimo. Nel senso che sono freni quasi morbidi in avvio, per non bloccare e non "spaventare" nessuno, che però reagiscono se pinzati con decisione. Io sono abituato a dei freni da SBK, dove se esagero vado in giro con la moto come cappello e la sensazione le prime due frenate non mi è piaciuta. Ma anche questa passa, basta solo farci un po' la mano.
Altro da dire ce ne sarebbe ma ci vorrebbe tempo e spazio. Honda ha riversato molta della sua tecnologia top in questo prodotto, il motore è brillante e divertente, il cambio è il famoso Dual Clutch che abbiamo già visto anche sull'Africa Twin, il sistema di avviamento è con transponder, quindi con la chiave/transponder in tasca, il cruscotto è ampio e ben leggibile, addirittura con troppe info (tipo la data, cosa me ne faccio di sapere la data...ahahahaha).
Veniamo ad una conclusione. Allora questo Honda X-ADV cos'è? Mah, io rimango dell'idea che sia uno scooter, uno scooter di quelli moderni, quelli con una ciclista riuscita, motori performanti e tutti i crismi dei mezzi sicuri e divertenti di oggi. A questo Honda aggiunge qualcosa, che è l'idea di poterci fare un po' di off. Quanto? Boh, per un ragazzino che faceva i traversi sugli stradelli del mare forse pure troppo. Sicuramente non sarà mai una moto per andare nel deserto. O meglio, non sarà una di quelle moto che porta tutti nel deserto, poi c'è gente che il deserto lo fa in Vespa, per dire. Però immagino certe escursioni, certe uscite dalla retta via, tanti panorami da raggiungere facendo due tornanti in mezzo al nulla. Insomma, di possibilità di usarlo anche impolverato ce ne sono, prima di arrivare alla Dakar come riferimento.
Eccoci ai consueti.
COSA CI PUOI FARE? Tutto. Magari non della pista, per quello meglio il TMax, fra gli scooteroni o l'intramontabile Zip, signore indiscusso fra i cordoli.
COSA NON CI PUOI FARE? Mah, questo ti porta nel 95% delle strade che il 95% dei biker ha in mente di fare.
QUANTO SALE? Per me nulla. Poi, sempre per me, parliamo di uno scooter e non di una moto, così è ancora meglio.
Prova per voi: Honda X-ADV

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines