Magazine Cucina

riso carnaroli semilavorato pere, noci e fermentino

Da Nicolescevaroli

“Devo assolutamente approfittare delle ultime pere per preparare questa ricetta” mi sono detta! Ed eccomi qua con un piatto prelibato, dal sapore delicato ma allo stesso tempo sorprendente ed insolito.

Nella mia cucina oggi è arrivato il riso carnaroli della linea San Marco, un semilavorato mappato di una azienda del Veronese con cui ho già collaborato in passato. Sono fiera di farvi conoscere i loro prodotti perché ho piena fiducia nel loro lavoro. La loro storia comincia nei primi anni 50, un azienda familiare quella dei Cremonesi passata di generazione in generazione. Al comando oggi c’è Tommaso un ragazzo che conosco da quando sono piccola, ha qualche anno in meno di me ma lavora davvero sodo. E’ bello vedere l’impegno delle persone, vedere quando si impara il mestiere di un padre, di un nonno.

L’ultima volta che sono stata in azienda mi hanno parlato di questi nuovi prodotti semilavorati mappati cioè tracciabili sul territorio. Sulla confezione si trova il numero di un buono ente nazionali risi, un ente pubblico visibile a tutti, che indica in base all’annata da quale pezzatura proviene la materia prima.

riso carnaroli semilavorato pere, noci e fermentino

Ingredienti

(per 3-4 persone)

250gr di riso carnaroli San Marco semilavorato

1 pera kaiser

un pezzetto di porro

1 manciata di noci

250ml di yogurt di soia (al naturale, senza zucchero)

succo di limone

sale, pepe, aglio in polvere

un bicchiere di vino bianco

brodo vegetale

Cominciate con un paio di giorni di anticipo preparando il fermentino. Mescolate lo yogurt con il succo di un limone, sale, pepe ed un pizzico di aglio in polvere che ricreerà vagamente il gusto del formaggio. Fate colare questo composto attraverso un colino a maglia molto fine per 2 giorni in frigorifero. Se non avete il colino a maglia fine potreste usarne uno normale avendo l’accortezza di aggiungere qualche foglio di tulle o garza ben pulita in modo da filtrare bene. La parte liquida dello yogurt in un paio di giorni colerà e rimarrà soltanto la parte solida che somiglierà alla consistenza di un formaggio spalmabile.

Procedete tagliando a pezzettini la pera con la buccia. Tagliate a pezzetti il porro. Tritate le noci. 

Tostate per qualche secondo il riso ed il porro in un tegame dai bordi alti, aggiungete il bicchiere di vino e fate asciugare. Aggiungete qualche mestolo di brodo di verdure bollente e mescolate. Unite la pera, metà delle noci e continuate fino a che il riso è pronto: croccante ma masticabile. Aggiustate di sale.

Aggiungete un ultimo mestolo d’acqua, un filo d’olio, mescolate, mettete il coperchio e spegnete il fuoco. Fate riposare 3 minuti ed impiattate, aggiungendo in ogni piatto qualche cucchiaino di fermentino di soia e delle noci tritate. Come decorazione verde ho usato del porro fresco, crudo.

riso carnaroli semilavorato pere, noci e fermentino

Per contattare la riseria ed avere informazioni su come acquistare i loro prodotti vi lascio un contatto mail: info@cremonesi1951.it. Il loro spaccio si trova a Bovolone in via Madonna, 380.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines