Magazine Calcio

Serie B: Pisa penalizzato di tre punti, ma non è l’unica cattiva notizia

Creato il 20 marzo 2017 da Tuttocalcio @cmercato24h

Come una tassa da pagare, è arrivata la penalizzazione di tre punti comminata dal Tribunale Federale

La si attendeva da Dicembre, ed eccola giunta questa mattina, il Tribunale Federale ha comminato tre punti di penalizzazione al Pisa, ecco di seguito uno stralcio della sentenza:  “inibizione di mesi 5 (cinque) per il Sig. Lorenzo Giorgio Petroni così determinata: mesi 3 (tre) pena base più, in continuazione, ulteriori 2 (due) mesi; – penalizzazione di 3 (tre) punti in classifica, da scontarsi nella corrente stagione sportiva, per la Società AC Pisa 1909 SSrl così determinata: 1 (uno) per le ritenute Irpef e i contributi Inps luglio e agosto 2016, 1 (uno) per le ritenute Irpef e i contributi Inps settembre e ottobre 2016, 1 (uno) per gli emolumenti dovuti per le mensilità di settembre e ottobre 2016”.

Adesso la classifica vede il Pisa terz’ultimo con 30 punti, davanti a Trapani con 29 e Ternana con 26, adesso  ci si attende una reazione da parte di giocatori e tecnico che dovranno dare il massimo per non retrocedere.

Le pessime notizie non finiscono qui, se per il Latina ci si attende  a breve una penalizzazione di 4 punti per stipendi ed Irpef non pagati negli scorsi mesi, brutte notizie giungono da Avellino, i sette punti richiesti dal Tribunale potrebbero avere uno sconto. Ricordiamo che 4 punti sono stati richiesti per il presunto illecito nel match contro la Reggina, e 3 per quello contro il Modena,  l’Avellino a quanto si vocifera, è quasi sicuro di poter dimostrare la propria estraneità ai fatti del match contro la Reggina. Se così fosse sarebbe un’ulteriore mazzata per la squadra toscana, che vedrebbe una squadra in meno coinvolta nella volata salvezza. La classifica con le due ulteriori penalizzazioni vedrebbe la Ternana a 26 punti, il Latina a 28, il Pisa a 30, Brescia 32, Vicenza 33.

L'articolo Serie B: Pisa penalizzato di tre punti, ma non è l’unica cattiva notizia proviene da Calciodipendenza.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog