Magazine Cultura

Sol Negro - Dawn Of A New Sun

Creato il 05 dicembre 2013 da Iyezine @iyezine
Sol Negro - Dawn Of A New Sun - Chaos Records &l;
  • HOME
  • recensioni
    • Indie
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Pop / Folk
    • Elettronica
    • Metal
  • articoli
  • news
  • libri
  • interviste
  • podcast
    • Rock n Roll
    • Black Music
    • Elettronica
  • 7 pollici
  • Fumetti
  • LivE Reports
  • IyeLab
    • Iye Comics
    • Iye Art
    • Iye Stories
  • archivio
    • Archivio2012
    • Archivio2011
    • Archivio2010
    • Archivio2009
    • Archivio2008
    • Archivio2007
  • chi siamo
  • contatti

Recensione

Home > Recensioni > Sol Negro - Dawn Of A New Sun

http://www.iyezine.com/media_foto/2013/solnegro.jpg metal Dawn Of A New Sun Sol Negro

Sol Negro - Dawn Of A New Sun

5 Dicembre 2013 A cura di:

Stefano Cavanna

Sol Negro - Dawn Of A New Sun

Sol Negro
Dawn Of A New Sun

2013 - Chaos Records
Voto : 7.50 / 10

Tag: blackmetal blackmetal doommetal doommetal heavymetal heavymetal

2013-12-05 00:00:00 Stefano Cavanna

Dawn Of A New Sun, terzo album dei Sol Negro, vede la luce anche in formato digitale dopo essere stato pubblicato lo scorso anno solo in musicassetta ed in edizione limitata.

Francamente, non so quante persone abbiano ancora la possibilità di ascoltare musica su tale supporto e, al di là del fascino vintage che può rivestire il possesso di un simile oggetto prodotto ai giorni nostri, resta innegabile il limite relativo alla distribuzione e alla divulgazione della musica prodotta.
Da accogliere positivamente quindi, l’iniziativa presa dalla Chaos Records con la pubblicazione di un lavoro di sicuro valore nel più diffuso formato in Cd, peraltro racchiuso all’interno di un booklet piuttosto curato.
I Sol Negro sono fondamentalmente la creatura del musicista messicano José Luis "Sangreth" Rodriguez, il quale ormai da diversi anni risiede a Seattle, città che i più giovani identificano con il fenomeno grunge e i più attempati con il luogo che ha dato i natali a un certo Jimi Hendrix… ; tutto ciò non va a influire in alcun modo nel sound proposto in Dawn Of A New Sun, che si rivela invece un’interessante mix dei vari generi estremi, mostrando sfumature che vanno dal proto-black dei Venom fino al doom, arrivando a coverizzare un brano storico dei Paradise Lost.
Un full-length inciso per finire su una musicassetta non può essere, già a livello d’intenti, un qualcosa che punti tutto sulla pulizia o la raffinatezza dei suoni e, infatti, i Sol Negro ci consegnano un lavoro grezzo, lineare, irrimediabilmente obsoleto ma dannatamente affascinante.
La voce di Sangreth è un rauco rantolo che, magari, non sarà il massimo dell’espressività ma ben si adatta a suoni che conservano quella patina di genuinità capace di far passare in secondo piano le piccole imperfezioni disseminate qua è là nel lavoro; l’intensità, la forza evocativa dai caratteri quasi ancestrali che emana la musica dei Sol Negro vanno ben oltre queste considerazioni puramente formali.
Se No Fear To Die tiene fede al suo titolo “manowariano” mostrando il volto più epico della band , la ritmica sgraziata di 9th Conjuration riporta a sonorità novantiane con una chitarra che tesse linee melodiche davvero coinvolgenti; Nuclear Sentinel è la traccia più black-oriented del lotto, mentre la conclusiva Where Flies the Raven a tratti richiama alla memoria i nostri The Black, per la timbrica del basso e della chitarra solista.
La cover di Dead Emotions (per dovere di cronaca “Dead Emotion” nella tracklist di “Gothic”) è piuttosto aderente alla versione originale e rappresenta il doveroso omaggio ai Paradise Lost, una delle band che hanno segnato uno stile musicale indicandone la strada maestra a innumerevoli seguaci.
I Sol Negro, in definitiva, dimostrano di infischiarsene delle mode portando avanti con la dovuta calma (il ritmo di un full-lenght ogni cinque anni non si può certo definire frenetico) un discorso musicale fortemente radicato alle origini del metal estremo; qualcuno potrà bollarla come un’operazione nostalgica oppure una maniera subdola di sopperire ad eventuali carenze tecniche o compositive: io vedo in tutto questo, invece, solo passione ed integrità artistica e, per quanto mi riguarda, basta e avanza per definire Dawn Of A New Sun un ottimo disco che la frangia meno trendy degli appassionati non si deve assolutamente far sfuggire.
Tracklist:
1. No Fear To Die
2. 9th Conjuration
3. Dead Emotions
4. Nuclear Sentinel
5. They Came From Darkness
6. The Passage Without Light
7. Where Flies the Raven
Line-up :
Tyburn - Drums
Carl - Bass
Sangreth - Guitar/Vocals
Tannoth - Lead Guitar
SOL NEGRO – Facebook

Commenti:

Al momento non ci sono commenti. Lascia il primo commento completando il form qui sotto.

Cosa ne pensi ? Lasciaci un commento.....

Nome* Email Commento* La capitale d'italia?* (write 'roma' minuscolo)

Secondo noi potrebbe piacerti anche:

Filii Nigrantium Infernalium - Pornokrates: Deo Gratias

Filii Nigrantium Infernalium - Pornokrates: Deo Gratias

Root - Viginti Quinque Annis In Scaena

Root - Viginti Quinque Annis In Scaena

Pest - The Crowning Horror

Pest - The Crowning Horror



Sol Negro - Dawn Of A New Sun

Altre Sezioni:
Netlabels
Tour Diaries
Cinematic Blog
Riviera 2011

In Your Eyes:
Contatti
Chi Siamo
Sitemap
Iscriviti alla Newsletter
Web Design

Social:
Facebook
Gruppo di Facebook
Twitter
Feed Rss


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine