Magazine Lifestyle

Stefanel SS12 | L’incontro con i fashion bloggers

Creato il 30 marzo 2012 da Chiaradalben

Stefanel SS12 | L’incontro con i fashion bloggers

Sono veneta, trevigiana per la precisione.

Nata in una zona piena di aziende moda che hanno fatto la storia degli anni ’80. Ponte di Piave (TV) è per me un paese familiare ma è anche sede dell’azienda Stefanel.

Mercoledì 28 marzo sono stata invitata presso lo store di Milano in galleria Vittorio Emanuele per conoscere alcuni rappresentanti dell’azienda e farmi raccontare la collezione.

Stefanel si è sempre distinto per una grande qualità nella maglieria, il punto cardine delle sue collezioni, e anche nella primavera/estate 2012 i tessuti e i materiali la fanno da padrone. Linee pulite, capi classici ma rivisitati con dettagli di tendenza. I parka in tessuto tecnico si notano in mezzo a camicie e abiti più tradizionali. Le maglie in lurex hanno catturato la mia attenzione tanto quanto dettagli fluorescenti. L’obiettivo di Stefanel è quello di innovarsi pur mantenendo saldi i valori dell’azienda.

La palette colori spazia dal beige e rosa al nero, marrone, cammello e grigio e si accende di giallo, verde e arancione.

La mia sceltà è ricaduta sul color arancione che spiccava, assieme al verde, in una distesa di rosa e bianco.  Qui sotto potete vedere l’abito che ho scelto.

Coe ha scritto Simona qui, sulla qualità non si scherza e a entrambe è venuto spontaneo raccontare il nostro legame affettivo, seppur nato da ricordi diversi, con il brand di Treviso.

Se non avessi scelto l’abito arancione, avrei optato per un abito dalla forma ad uovo in crochet suilla tonalità del beige

Io e Simona Melani nel momento della scelta.

Stefanel SS12 | L’incontro con i fashion bloggers



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

COMMENTI (1)

Da Patty
Inviato il 01 maggio a 23:57
Segnala un abuso

Si, le linee Stefanel sono veramente bellissime, certo che pero poi con la qualita non so se ci siamo, ho visto certe meglie in tessuto pregiato, parlo di filati di seta, di pura lana vergine, di lino, che solomsfiorandoli con le mani si rovinavano, come toccare un paio di calze per capirci... Non so come sia possibile, ne ho parlato con la commessa e mi dava ragione, che si effettivamente certi filati bisogna avere molta cura nel maneggiarli, peccato pero perche bastando un nonnulla per rovinarli, assomigliano a dei capi usa e getta. Nonostante questo le collezioni Stefanel sono bellissime, se fossi in loro punterei un po di piu nella qualita dei filati. Mi chiedo dove sia in questi casi il responsabile qualita....ma c e poi???

Commenta