Magazine Cinema

Tv-Movie of the day - Mine Vaganti

Creato il 07 marzo 2011 da Ludacri87

Tv-Movie of the day - Mine Vaganti

Sy SkyCinema 1 alle 21,10


5.0 su 10
"Mine vaganti" è, in fin dei conti, un film deludente da tutti i punti di vista. Ozpetek per rattoppare la distanza con il suo pubblico torna al suo primo amore: il film omosessuale. Ma non è Corsicato, tantomeno Almodovar. Ivan Cotroneo, bravo sceneggiatore, diventa vittima dello stesso regista. Questo film più che un atto di intelligenza o di vicinanza al mondo gay diventa una storia forzata, tipicamente corale, com'è nella tradizione cinematografica italiana, in cui tutto accade perchè nulla avvenga. Un pò come l'Italia di oggi, a quanto pare. Soprattutto dal punto di vista delle minoranze, con aperture e chiusure che non corrispondono mai a chiarezza. Come Pilato, Ozpetek, che nel genere ci bazzica e deve ringraziare una fetta del mondo lgbt per la sua affermazione, altrimenti tutt'altro che scontata, si lava le mani  e da una parte propone la tematica con argomentazioni corrette, dall'altra ne fà un punto di partenze per una baracconata fuori misura, poco intelligente e consapevole, tanto linda da piacer al grande pubblico, tanto carica di clichè da piacer anche a chi ama i Vanzina. Il risultato è irritante e soprattutto non fà che minare la credibilità di un regista che, da "Harem" alle "Fate Ignoranti" era riuscito ad emergere con uno stile profondamente social-politico, non perfetto, eccedente anch'esso nei clichè e nel melò facile, ma almeno sincero. Un giro di boa, "La finestra di fronte", in cui la coppia Bova-Mezzogiorno faceva altisonare scintille di noia e solo Massimo Girotti riempiva la scena. Va dato atto che il regista turco ci abbia provato a seguire strade diverse. "Cuore sacro" era poco riuscito ma almeno un tentativo coraggioso; "Un giorno perfetto" era, tolti gli attori, orrendo. A questo punto, box-office fermo, Ozpetek cerca di tornare al vecchio amore per i film che toccano la tematica omosessuale. Peccato che non ci sia un minimo di coinvolgimento e che il progetto sembri studiato a tavolino, dalla scelta dei protagonisti, Scamarcio e Preziosi, al recupero di grandi attrici come la Occhini e al solito pastiche corale, famigliare, della commedia all'italiana. Ozpetek ha perso anche lo stile, inteso come apparato formale, ed è diventato quasi un regista di fiction Rai. Gli consigliamo di dedicarsi a questo e di trattare altro, perchè Gus Vas Sant, Almodovar oggi, con tutti i loro discepoli, e Fassbinder tempo fa, sono altra roba. Dite a Fantastichini che recitare non significa gigioneggiare, alla Savino che lo studio compito è passato di moda, allla Grimaudo che il medesimo carattere ovunque, senza personalità, non permette di valutarla appieno. Brave la Ricci e la Occhini, Scamarcio non è il nostro Robert Pattinson. Nonostante la monoespressione. Preziosi sembra echeggiare un'antipatia mostruosa, ma nella prima parte del film, è il carattere migliore, per poi diventare invisibile senza ragione.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Mine Vaganti

    “Tutto quel che conta non ci lascia mai”   La frase qui sopra è ambigua, presa fuori contesto, ma anche nel film viene utilizzata in modo doppio durante un... Leggere il seguito

    Il 18 marzo 2010 da   Jackragosa
    CINEMA, CULTURA
  • Mine vaganti, una commedia colorata sulla famiglia

    Locandina di Mine VagantiIl cinema sotto le stelle della mia città la scorsa settimana mi ha dato modo di vedere un film che mi ero persa la scorsa primavera:... Leggere il seguito

    Il 09 settembre 2010 da   Sky9085
    CINEMA, CULTURA
  • Mine vaganti

    di Ferzan OzpetekCon MINE VAGANTI, ambientato in una Lecce solare e splendente, Ozpetek unisce l'ironia che da sempre lo contraddistingue alla profondità degli... Leggere il seguito

    Il 13 marzo 2010 da   Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA, MONDO LGBTQ
  • Mine Vaganti

    Premessa: gli ultimi film di Ferzan Ozpetek non mi sono piaciuti. Li ho ritrovati spesso ripetitivi e a volte confusi, senza novità, nonostante attori sempre... Leggere il seguito

    Il 05 aprile 2010 da   Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • Mine vaganti – la recensione di Sandro

    Ultimo appuntamento con le vostre recensioni prima della (breve) pausa estiva. Sandro ci parla di Mine vaganti di Ferzan Ozpetek. Leggere il seguito

    Il 04 agosto 2010 da   Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Film telecomandati - Mine vaganti

    Mine vaganti (2010) Regia: Ferzan Ozpetek In programmazione Giovedi 30 maggio ore 21.05 su Raitre. Tommaso torna nella casa familiare in quel di Lecce. Leggere il seguito

    Il 30 maggio 2013 da   Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Mine vaganti

    Da oggi una volta a settimana vi parlerò di uno dei film di Ferzan Ozpetek, che è uno dei miei registi preferiti.Oggi voglio consigliarvi : "Mine Vaganti". Leggere il seguito

    Il 26 ottobre 2012 da   Luluovertherainbow

Commenta