Magazine Astronomia

Un nuovo studio sui ricchi geyser di Encelado

Creato il 27 marzo 2013 da Aliveuniverseimages

Encelado N00165314 13 12

Encelado N00165314 13 12
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

geyser di Encelado, i getti che si sprigionano dal polo sud della piccola luna ghiacciata di Saturno, sono stati scoperti in questi nove anni di missione dalla sonda della NASA Cassini: vere e proprie eruzioni di ghiaccio che arrivano da fratture nella crosta, causate probabilmente dalle azioni mareali esercitate dalla forza di attrazione gravitazionale di Saturno.

Osservati dalla Cassini nel 2005, non si limitano ad essere un'attività circoscritta alla luna ma influenzano l'intero sistema: fini particelle di ghiaccio e a base di carbonio vengono immesse nello spazio ed entrano in orbita intorno a Saturno, alimentando il flebile anello E in cui orbita Encelado stessa.

Dei getti di Encelado se ne è parlato nuovamente in occasione del 44° Lunar and Planetary Science Conference tenutosi a Houston in Texas: queste fontane zampillanti arriverebbero da un mare salato di acqua liquida, situato 10 chilometri sotto il ghiaccio che ricopre la superficie della luna.

Enceladus N00165323 N00165322 N00165321 N00165320 cl1 cl2

Enceladus N00165323 N00165322 N00165321 N00165320 cl1 cl2
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

Provengono da profonde fessure chiamate "tiger stripes", ripetutamente studiate dalla sonda Cassini, la quale non solo ne ha individuato l'intrigante composizione di ghiaccio, sali e composti organici ma ha rilevato anche che queste fessure sono sorprendentemente calde, 180 ° Kelvin (-93,15° Celsius), oltre il doppio rispetto al resto della superficie della luna.

Ma da dove proviene tutto il materiale espulso sparato nello spazio? Questo è stato un dilemma per diverso tempo: potrebbe arrivare dalle sollecitazioni ed attriti che scaldano le tiger stripes oppure da un oceano di acqua liquida sotterraneo.

Enceladus N00161054 - 55

Enceladus N00161054 - 55
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

Gli scienziati sono fiduciosi che quest'ultima ipotesi sia quella corretta.
In un abstract dal titolo "
How the Jets, Heat and Tidal Stresses across the South Polar Terrain of Enceladus Are Related" i ricercatori segnalano che la quantità di riscaldamento causato dalle azioni mareali non è affatto sufficiente a causare le temperature osservate; mentre ritengono che l'energia termica viene spinta verso l'alto, insieme al vapore acqueo in pressione nel mare sottostante, riscaldando le zone intorno a questi camini e, allo stesso tempo, contribuendo a mantenerli aperti.

Enceladus N00182092-162gif-movie

Enceladus N00182092-162 gif-movie
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

Con 98 getti singoli osservati finora, la luna di Saturno, non solo potrebbe nascondere un vasto mare, con calore e salinità simile agli oceani terrestri, potenzialmente ospitale per la vita sotto la sua superficie ghiacciata ma immette costantemente questo materiale nello spazio dove può essere facilmente studiato, un potenziale target per le missioni future.

Carolyn Porco, del team della Cassini, ha dichiarato:
"To touch the jets of Enceladus is to touch the most accessible salty, organic-rich, extraterrestrial body of water and, hence, habitable zone, in our solar system"

[Toccare i getti di Encelado significa toccare il corpo extraterrestre di acqua salata, ricca di sostanze organiche, più accessibile e di conseguenza la zona più abitabile del nostro Sistema Solare]


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una TAC alla tuta di Parmitano

    L’astronauta dell’ESA Luca Parmitano mostra il boccaglio che eviterà agli astronauti di sperimentare gli stessi problemi che ha avuto quando il suo casco ha... Leggere il seguito

    Il 09 dicembre 2014 da   Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Partire insieme a Samantha

    Samantha Cristoforetti, astronauta ESA, abbraccia la sua tuta spaziale. Un abbraccio dolcissimo! Crediti: ESA/NASADue giorni al lancio. Leggere il seguito

    Il 21 novembre 2014 da   Sabrinamasiero
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Le occasioni perse di "Interstellar"

    Dettagli--> Pubblicato Giovedì, 20 Novembre 2014 17:49 Scritto da Marco Di Lorenzo Se ne parlava da tanto...All'inizio lo avrebbe dovuto dirigere Spielberg... Leggere il seguito

    Il 20 novembre 2014 da   Aliveuniverseimages
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Le stelle mancanti degli ammassi globulari

    Gli ammassi globulari sono grandi insiemi di centinaia di migliaia di stelle orbitanti intorno al centro galattico. In passato si riteneva che questi oggetti... Leggere il seguito

    Il 20 novembre 2014 da   Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Samantha Cristoforetti: la Donna delle Stelle

    Samantha Cristoforetti nell’intervista a RaiNews. Crediti: RaiNews, NASA?ESAPer la sua prima missione nello spazio, RAI 3 dedicata a Samantha Cristoforetti e... Leggere il seguito

    Il 20 novembre 2014 da   Sabrinamasiero
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Missione Futura: prima italiana nello spazio

    L’astronauta dell’ESA Samantha Cristoforetti indossa la sua tuta pressurizzata Sokol al Centro Gagarin Addestramento Cosmonauti, in Russia. Crediti: ESA–S. Leggere il seguito

    Il 19 novembre 2014 da   Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE
  • Philae è in volo verso la cometa

    L’elenco dei compiti che attendono gli strumenti di bordo di Philae durante l’avvicinamento alla cometa e a touchdown avvenuto. Crediti: ESA/ATG Medialab E... Leggere il seguito

    Il 12 novembre 2014 da   Media Inaf
    ASTRONOMIA, RICERCA, SCIENZE

Commenta