Magazine Attualità

Workshop di Confcooperative Puglia “Fare cultura è un’impresa”

Creato il 18 maggio 2017 da Yellowflate @yellowflate

Workshop di Confcooperative Puglia “Fare cultura è un’impresa”Si terrà lunedì 22 maggio a Bari, alle ore 15.30 presso la nuova sede di Via Zaccaro 19 a Mungivacca, il workshop dal titolo "Fare cultura è un'impresa" organizzato da FederCultura Puglia, che riunisce le cooperative di settore di Confcooperative. Interverranno Loredana Capone, Assessore regionale al Turismo, Aldo Patruno, Direttore del Dipartimento Turismo della Puglia, Mauro Paolo Bruno, Dirigente regionale della Sezione economia della cultura, e Pierfelice Rosato del Dipartimento di Scienze dell'economia dell'Università del Salento.

I lavori saranno aperti da Piero Rossi, Presidente di Confcooperative Puglia, che sottolinea l'importanza strategica del settore per l'economia regionale: "La cultura è un volano di sviluppo economico del nostro territorio e le imprese culturali possono generare buona occupazione. L'obiettivo è creare un sistema sostenibile sotto tutti i punti di vista: naturalmente economico, ma anche ecologico, etico ed estetico quindi sociale".

A coordinare l'incontro sarà Mimmo Bracciodieta, Presidente di FederCultura Puglia e Vice nazionale con delega al Mezzogiorno, che spiega: "Il focus sarà sulle nuove forme di sostegno della Regione, che impongono alle imprese del settore culturale di affrontare il cambiamento. Compito della nostra Federazione è accompagnare le consociate verso questo nuovo percorso che condividiamo e che impone un nuovo metodo di programmazione pluriennale. E' necessario riempire di contenuto i contenitori culturali per metterli a valore nella logica dell 'Economia della Bellezza . Nell'occasione, appunto, verrà presentato lo sportello di affiancamento e supporto alle imprese anche nell'accesso ai finanziamenti pubblici. La cooperazione ha le capacità e le competenze per svolgere un ruolo da protagonista nella valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale pugliese".


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine