Magazine Ecologia e Ambiente

07/03/2018 - Ambiente: Crolla l'ultima quercia monumentale in Campania

Creato il 07 marzo 2018 da Orizzontenergia

Aveva resistito ai venti, alla siccità, alle piogge e alle malattie  ed era stata testimone silente della storia e delle vicende umane per quasi 200 anni.

Alberi Monumentali d'ItaliaAbbarbicata al limite della ripida scarpata che sormontava il rivo Lavinola, all’interno del Parco Regionale dei Monti Lattari, appena dopo il ponte che segna il confine geografico tra il comune di Piano di Sorrento e quello di Meta, era stata lasciata in sito anche dopo i lavori della costruzione della strada statale 163.

Purtroppo da oggi questo angolo di paesaggio della penisola sorrentina avrà un vuoto che resterà incolmabile: sotto la scrosciante pioggia la storica roverella (Quercus pubescens) è infatti scivolata rovinosamente giù, forse a causa della frana del 14 febbraio scorso.

E’ una notizia tristissima – confessa Claudio d’Esposito Presidente del WWFWWF
Organizzazione che promuove la tutela e la conservazione della natura attraverso la preservazione della diversità biologica a livello di geni, specie ed ecosistemi. Il WWF sostiene numerose iniziative a favore della sostenibilità ambientale, contro l'inquinamento e l'uso irrazionale dell'energia e delle risorse, coinvolgendo l'opinione pubblica e volontari di tutto il mondo.
Terre del Tirreno
 –  l’esemplare di roverella era di recente stato censito dal WWF assieme all’amministrazione comunale e, dopo l’assurda eliminazione della storica araucaria che vegetava da 130 anni in una proprietà (la terza per dimensioni dell’intera Campania), quella quercia, con una circonferenza del tronco superiore a 4 metri e i suoi 15 metri di altezza, era uno degli ultimi alberi secolari degni di apposizione di vincolo monumentale (ai sensi della Legge n.10 del 2013) dell’intero territorio metese".

Appena appresa la notizia del crollo della quercia, e vista la situazione dell’alberoalbero
Organo meccanico attraverso cui si trasmette un moto rotatorio.
scivolato con tutto l’apparato radicale, il WWF Terre del Tirreno ha contattato il primo cittadino di Meta concordando un sopralluogo sul sito per verificare la possibilità di recuperare la pianta, rialzandola nell’alveo o tentando uno spostamento in altro sito.

"Il sindaco Giuseppe Tito si è dimostrato assolutamente disponibile - ha detto D'Esposito - Non sarà facile, viste le dimensioni della pianta - dal peso di circa 20 tonnellate - ma abbiamo il dovere di tentare”.

Fonte: WWF


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog