Magazine Cucina

10, 11 Maggio 2014 Anteprima Vini della Costa Toscana. La tredicesima edizione.

Da Tatianadigrazia
10, 11 Maggio 2014  Anteprima Vini della Costa Toscana. La tredicesima edizione.
Si è conclusa Domenica 11 Maggio la tredicesima edizione di Anteprima Vini della Costa Toscana, una delle manifestazioni enogastronomiche più attese con più di 80 viticoltori presenti al Real Collegio per un totale di 400 etichette in esposizione. Un percorso tra degustazioni, sapori, storie, cene, dibattiti, laboratori del gusto e show coking, banchi d’assaggio, gastronomia del territorio, ospiti stranieri, mostre il tutto ispirato all’alta qualità dei vini della Costa Toscana. L’inusuale caratteristica dell’anticipazione rende l’evento del tutto unico e originale: ad Anteprima Vini si assaggiano e si valutano i vini giovani, spillati dalle botti. Per questa edizione è di scena la vendemmia 2013 che, dopo l’affinamento in botte prima e in bottiglia poi darà vita, con il giusto invecchiamento, a prodotti eccellenti. E’ stato possibile assaggiare anche campioni di intere annate aspettando che escano sul mercato, muovendoci da una sala all’altra alla ricerca di prodotti raffinati e ricercati o dell’etichetta nota.Grande il ruolo di Oliviero Toscani, nella duplice veste di produttore e fotografo ad aprire le porte a questa meravigliosa edizione con la presentazione del libro dedicato ai produttori della Costa Toscana dal titolo “I sessantacinque grandi Cru della Costa Toscana”, un racconto di parole, tracciate dal giornalista Francesco Merlo con la prefazione di Salvatore Settis.Veramente importante è stata la presenza di ospiti stranieri. Quest’anno è stata la volta della Galizia, una regione tutta da scoprire, una Spagna “alternativa”: fresca, verde, celtica e oceanica, da assaporare nel bicchiere, nei profumi e nei sapori dei suoi vini.La Galizia è una delle regioni più intriganti dal punto di vista enoico in Spagna ed anche una delle meno conosciute, grazie alla varietà di microclimi e di suoli, dalla umida alla ventosa costa oceanica alle ripide montagne del canyon del fiume Sil- vanta più di 70 vitigni autoctoni. La zona più interessante da visitare è forse la Ribeira Sacra, patrimonio dell’UNESCO, con le sue estreme pendenze e vecchie vigne ad alberello. Spostandoci verso la costa oceanica con le sue imponenti spiagge si entra nel regno albarino, Rias Baixas. La leggenda racconta che il vitigno è stato portato in Galizia nel medioevo da monaci tedeschi in pellegrinaggio sul Cammino di Santiago e che è parente del Riesling renano. Un vino sapido e fresco, minerale e profondo. Altrettanto intriganti e originali sono i vini delle altre tre denominazioni: Monterrei, Ribeiro, Valdeorras. La degustazione è stata  guidata da Nicoletta Dicova.Da New York il lucchese Cesare Casella della Salumeria Rosi è stato uno dei protagonisti dei cooking show. Proprio l’internazionalità della cucina toscana è il tema degli incontri con gli chef “Andata e ritorno: Chef Toscani nel mondo, Chef del Mondo in Toscana” un viaggio intorno al mondo visto attraverso le esperienze e i piatti di importanti cuochi stellati: la creatività e la tradizione di Valentino Cassanelli del Principe di Forte dei Marmi, da Modena a Londra, da Milano fino alla Costa Versiliese, accompagnato dal Sommelier Sokon Nderno; il Diavolo e L’acqua santa: Igles Corelli e Loretta Fanella, da Villa Rospigliosi di Spicchio (Pistoia). E poi c’è stato, dal cuore della Brianza, Enrico Bartolini (Dèvero, Cavenago- provincia di Monza- Brianza), con la partecipazione de Sommelier del Devero, Pino Savoia; mentre racconterà la sua esperienza nel mondo attraverso un viaggio che ha toccato le Corti Reali di Giordania, Arabia Saudita e Lussemburgo, lo chef toscano Michele Martinelli della Locanda Martinelli di Nibbiaia (Livorno). E, per finire, il gelato con la Gelateria de’ Coltelli (Pisa e Lucca)  e di Mirko Tognetti, della Cremeria Opera di Lucca. E’ stata Eleonora Cozzella, giornalista dell’Espresso ed esperta di Food & Wine a condurre gli incontri con gli Chef organizzati da Anna Morelli “ Cook Inc”, con il supporto di Lido Vannucchi.Poi è stata la volta dei laboratori organizzati in collaborazione con la sezione AIS di Lucca che hanno focalizzato l’attenzione sui vini che hanno fatto la storia della costa: “ La  Costa Toscana dieci anni dopo: la grande annata del 2004 (parte prima)”  con la conduzione di Richard Baudains e  “ La Costa Toscana dieci anni dopo: la grande annata del 2004 (parte seconda) con degustazione a cura di Leonardo Taddei.Insolito e accattivante “SwingWine” è stato il concerto-laboratorio tra vino e musica dal vivo che ha coniugato la musica d’autore con i grandi vini, da Duke Ellington e George Gershwin a cura del musicologo ed enogastronomo  Giovanni Bietti.Per chiudere con un finale effervescente c’è stato un “Verticale di un vertice di Franciacorta: gli spumanti Bellavista” a cura di Mattia Vezzola.Non solo vino, anche l’olio è stato un protagonista d’eccellenza di questi due giorni grazie a due seminari di degustazione tenuti dal Maestro d’olio Fausto Borella; “ Degustare l’extravergine: come riconoscere un olio buono da uno difettoso” e  “L’eccellenza nell’olio d’oliva: itinerario de gustativo tra extravergini della Costa Toscana”.C’è stato anche uno spazio OFF legato ad Anteprima che si è svolto al di fuori del Real Collegio con due appuntamenti a “quattro mani”. Il primo presso il Ristorante “’L’imbutoCristiano Tomei,f ondatore di Vipore da decenni top chef della scena enogastronomica di New York, ha incontrato Cesare Casella, chef  Viareggino trapiantato a Lucca, e il secondo al Ristorante “Del Teatro” Maurizio Marsili, ha incontrato  Enrico Bartolini, già insito di due stelle Michelin, Enrico è tornato nelle sue terre. Due Chef accomunati dall’attenzione per le cotture , la selezione della materie prime e una grande cura dei particolari.Una menzione speciale va a Michela Lombardi che ha allietato la serata di sabato, proponendo una suadente musica live durante una serata- evento con degustazione dei vini della Costa e aperitivo Goumet a cura di Damiano Donati.Infine, tra un bicchiere e l’altro le prelibatezze gastronomiche di Artigiani del Cibo presenti ad “Anteprima vini”.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines