Magazine Ecologia e Ambiente

13/12/2018 - Efficienza energetica: Come risparmiare energia con gli elettrodomestici di ultima generazione

Creato il 13 dicembre 2018 da Orizzontenergia

Come risparmiare energiaenergia
Fisicamente parlando, l'energia è definita come la capacità di un corpo di compiere lavoro e le forme in cui essa può presentarsi sono molteplici a livello macroscopico o a livello atomico. L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale è il joule (simbolo J)
con gli elettrodomestici di ultima generazione

L’utilizzo razionale dell’energia in ambiente domestico consente, oltre ad ottimizzare gli sprechi, anche di ridurre l’impatto sull’ambiente e di ottenere un risparmio economico. Stanno aumentando i casi di nuclei familiari che per ottenere risparmi energetici ed economici, ricorrono a tariffe di “energia verde” o che dotano la propria abitazione di impianti rinnovabili in modo da autoprodurre l’energia necessaria; sono sicuramente esempi virtuosi ma non eliminano la necessità di utilizzare razionalmente l’energia elettricaenergia elettrica
Forma di energia ottenibile dalla trasformazione di altre forme di energia primaria (combustibili fossili o rinnovabili) attraverso tecnologie e processi di carattere termodinamico (ovvero che coinvolgono scambi di calore) che avvengono nelle centrali elettriche. La sua qualità principale sta nel fatto che è facilmente trasportabile e direttamente utilizzabile dai consumatori finali. Si misura in Wh (wattora), e corrisponde all'energia prodotta in 1 ora da una macchina che ha una potenza di 1 W.
. Si stima che in una classica abitazione, dotata di elettrodomestici base, il consumo totale di energia elettrica derivi per il 75% dall’utilizzo di elettrodomestici, mentre il restante 25% è dato dalla produzione di acqua calda sanitaria e dall’illuminazione. Una delle principali azioni che consente di ottimizzare la risorsa energia, deriva dalla scelta di elettrodomestici di ultima generazione cha abbinano funzionalità innovative, ad un alto livello di efficienza energeticaefficienza energetica
Con questi termini si intendono i miglioramenti che si possono apportare alla tecnologia per produrre gli stessi beni e servizi utilizzando meno energia, con conseguente riduzione dell' impatto ambientale e dei costi associati.
che consente di ottimizzare i consumi domestici di energia elettrica.

air conditioning.png
Negli ultimi anni abbiamo assistito al lancio sul mercato di numerosi elettrodomestici di questo tipo: basti pensare ai recenti modelli di condizionatori presenti sul mercato in grado di produrre sia caldo che freddo, a seconda della stagione di utilizzo, che rispetto ai modelli più obsoleti (molto energivori) hanno drasticamente ridotto l’impatto sulla bolletta dell’energia elettrica.  I climatizzatori sono i più classici esempi di apparecchi utilizzati per il raffrescamento ed il riscaldamento degli ambienti domestici; solitamente vengono integrati agli impianti di riscaldamento tradizionali (termosifoni) ed in zone caratterizzate da inverni non troppo freddi possono anche sostituirli.

In commercio li troviamo solitamente nei reparti dei grandi elettrodomestici e differiscono tra loro per potenzapotenza
Grandezza data dal rapporto tra il lavoro (sviluppato o assorbito) e il tempo impiegato a compierlo. Indica la rapidità con cui una forza compie lavoro. Nel Sistema Internazionale si misura in watt (W).
, consumo energetico e principio di funzionamento. Le tipologie sul mercato fanno riferimento a soluzioni mobili e fisse e per entrambe le tipologie, esistono le versioni monoblocco e split dotati o non dotati di inverterinverter
Dispositivi atti a modificare la velocità  di un motore elettrico modulandone la frequenza di alimentazione in base al carico richiesto, ovvero adattando il funzionamento del motore alle necessità  del momento evitando, quindi, sovradimensionamenti e sprechi.
. Acquistare un condizionatore con una classe energetica alta (da A+ fino ad A+++) comporta inizialmente una maggiore spesa rispetto all’acquisto di un condizionatore di classe energetica bassa, ma garantisce un notevole risparmio in bolletta oltre ad una consistente riduzione delle emissioni di CO2CO2
Gas inodore, incolore e non infiammabile, la cui molecola è formato da un atomo di carbonio legato a due atomi di ossigeno. È uno dei gas più abbondanti nell'atmosfera, fondamentale nei processi vitali delle piante e degli animali (fotosintesi e respirazione).
. Per fare un esempio pratico supponiamo di voler acquistare un condizionatore di classe A: rispetto ad un condizionatore di classe C avremo un risparmio annuo in bolletta del 30% e le emissioni di CO2 verrebbero ridotte sempre del 30%.

frigorifero smart.jpg
Tra gli elettrodomestici di nuova generazione va segnalata la capacità di “comunicare” con altri elettrodomestici o con un device principale (smartphone, tablet, smart watch etc.). I frigoriferi di ultima generazione ad esempio sono in grado di fare uno screening di quali alimenti al proprio interno contengono, così da consentire al proprietario, che si trova fuori casa, di organizzare al meglio la propria cena o di comprare gli alimenti necessari prima di tornare a casa.

I frigoriferi rappresentano circa il 22% dell’energia utilizzata per gli ambienti domestici; tra i nuovi modelli presenti sul mercato una delle funzionalità più ricercate dai consumatori fa riferimento alla funzione “vacanza” ad esempio: questa funzione consente di limitare al massimo i consumi dell’elettrodomestico per tutto il periodo in cui non si è in casa. Molto richiesti anche i modelli a “congelamento rapido” per quegli alimenti che necessitano maggiori attenzioni di conservazione. Tra le funzionalità aggiuntive che dispongono alcuni modelli di frigorifero troviamo anche la funzione “dispenser”, in grado di produrre cubetti di ghiaccio pronti all’uso senza avere un impatto troppo rilevante sul consumo dell’elettrodomestico. Tra i consigli principali per ottimizzare i consumi si segnalano: non aprire troppo spesso il portellone, non modificare spesso la temperatura interna e ubicare l’elettrodomestico in un ambiente soggetto a pochi sbalzi di temperatura.

lavatrice.png
Un altro elettrodomestico che impatta notevolmente sul consumo di energia elettrica domestico è la lavatrice. Anche in questo caso sono presenti sul mercato nuovi modelli dotati di intelligenza artificiale che rispondono a determinati input anche se non ci si trova in casa. Alcuni modelli già sul mercato hanno installati al proprio interno assistenti vocali che rispondono, a voce o tramite chat, a determinate domande dell’utenteutente
Soggetto che consuma elettricità o gas.
: si possono chiedere consigli su quale sia il miglior programma per lavare determinati capi d’abbigliamento, su quale sia la temperatura giusta di lavaggio.

Tra i vari modelli in commercio alcuni hanno anche la funzione di Energy Monitoring con cui è possibile, tramite app installata su un device, misurare il consumo di energia elettrica durante tutte le fasi di lavaggio. Si stima che le lavatrici incidano circa per l’11% sul consumo domestico di energia elettrica. Oltre ad utilizzare l’apparecchio nelle fasce orarie più convenienti in base alla tariffa sottoscritta, vige il consiglio di farsi guidare nell’utilizzo dall’apparecchio stesso.

In generale si può notare come la tendenza principale sul mercato degli elettrodomestici di ultima generazione sia quella che ruota attorno al concetto di domotica e di smartness. Quante volte ci siamo ritrovati nella situazione di avere dei cibi avanzati senza sapere come cucinarli? Il software di alcuni forni o fornelli di ultima generazione è la soluzione a questo problema: basta fotografare con lo smartphone il cibo in eccedenza ed il software ci consiglierà tutte le ricette che potranno essere cucinate.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog