Magazine Mondo LGBTQ

17 maggio: Oscar Wilde contro l’omofobia a Palazzo de Liguoro

Da Uiallalla
Da martedì 17 maggio, in occasione della Giornata Internazionale contro l’Omofobia, su napoligaypress.it sarà disponibile il Rapporto Omofobia 2011.

Dopo il tutto esaurito del 1° dicembre scorso, Roberto Azzurro ripropone, il 17 maggio nella suggestiva cornice di Palazzo de Liguoro, “Il primo processo di Oscar Wilde”. In tempi di accuse, tabù sociali e violenze, la Giornata Internazionale contro l’Omofobia sembra essere la collocazione ideale per mettere in scena il primo dei tre processi a cui lo scrittore, drammaturgo e poeta irlandese fu sottoposto: il proverbiale acume di Wilde rimarca, infatti, l’importanza della libertà e della salvaguardia dei diritti civili.

A causa delle notizie sulla sua vita privata emerse in questo primo processo, l’autore de “Il ritratto di Dorian Gray” verrà giudicato colpevole del reato di “sodomia” e “gravi indecenze” e condannato ai lavori forzati.

Ritenuti scabrosi e compromettenti, i verbali dei processi non vennero mai resi pubblici e scomparvero fino al 2000, quando vennero ritrovati tra gli archivi della British Library. Gli atti del processo, riadattati da Massimiliano Palmese e messi in scena da Roberto Azzurro, ci permettono oggi di assistere ad un “miracolo”: l’umorismo di un “gigante” della letteratura mondiale nelle vere risposte date al suo inquisitore.

Roberto Azzurro (Oscar Wilde) e Pietro Pignatelli (l’avvocato Edward Carson) ripercorrono i momenti salienti di un interrogatorio, in cui Wilde è costretto a rispondere dei suoi rapporti con omosessuali e ragazzi di vita, e lo fa di volta in volta negando, mentendo, scherzandoci sopra.

In scena anche: Fabrizio Cavaliere, Carlo Caracciolo e Marco Sgamato
Drammaturgia di Massimiliano Palmese (dall’omonimo libro edito da Ubulibri a cura di Paolo Orlandelli e Paolo Iorio). Progetto e regia di Roberto Azzurro.

Una produzione Medea.net, Napoligaypress.it, Ortensia T in collaborazione con AltArt

Orario spettacolo: ore 21.00. Biglietto: 10 euro. E’ consigliata la prenotazione.
Palazzo de Liguoro si trova in via Arena alla Sanità 12 a Napoli (nei pressi della Metropolitana, stazione Cavour)

Pe rinfo e prenotazioni: 338 6845443 | 339 8910163 | [email protected]


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Sfiducia al Palazzo

    Sfiducia Palazzo

    di David Incamicia Il 14 dicembre è finalmente arrivato. Una data attesa da molti come "il giorno del giudizio", come l'appuntamento con la storia, come l'ora... Leggere il seguito

    Da  David Incamicia
    SOCIETÀ
  • Rimini 150. Palazzo Lettimi

    Le bombe lo hanno scoperchiato. La città lo ha conservato come un rudere muto. Invece ha molto da raccontare. Come testimoniava la lapide dettata nel 1907 da... Leggere il seguito

    Da  Antonio_montanari
    SOCIETÀ
  • Palazzo (della) Fava

    «Bologna si rivela: vede la luce Palazzo Fava.Definitivamente restaurato e restituito alla città, inaugura il 28 gennaio 2011 come spazio espositivo articolato. Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Gli Oscar di Frankezze

    Oscar Frankezze

    Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    POLITICA, SATIRA, SOCIETÀ
  • Sono tornata a Palazzo

    Sono tornata Palazzo

    Oggi pomeriggio ho ceduto alla nostalgia, alla curiosità. Sono tornata a Palazzo. In realtà, dalla nefanda estate dello scorso anno, c’ero già tornata due volte... Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    SOCIETÀ
  • Palazzo Rosso? No, Palazzo Rotto!

    Palazzo Rosso? Rotto!

    Da Palazzo Rosso a Palazzo Rotto. Uno dei simboli di Alessandria non se la passa poi tanto bene. La facciata dove campegiano gli storici (ed unici) tre orologi ... Leggere il seguito

    Da  Lapulceonline
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Palazzo Cazzòli

    È ottobre, viene l'autunno, la tramontana grida,volano via i tre strati di paglia del tetto,passano il fiume, si sperdono sul greto.I fili alti restano ai rami... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ