Magazine Attualità

2 passi per essere felici con un armadio minimalista

Creato il 07 giugno 2018 da Gloria Vanni @gloriavanni

Come essere felici con un armadio minimalista

Questo articolo nasce da una mail di Mirian, studentessa di Fashion Styling allo IED che mi chiede di contribuire al suo progetto di tesi il cui tema è il minimalismo. Minimalismo che, partendo dalla moda, si propone come stile di vita. Ringrazio Mirian per avermi invitata a ritornare sul tema che ho già trattato ma non considero esaurito.

Dedico questo post all’armadio minimalista. A come realizzare un guardaroba con pochi capi, stirati e profumati, di buona qualità e pronti da indossare. Di fronte al quale risulta impossibile essere colti da stress, panico e pensieri come «Non ho nulla da mettermi!».

Eliminare è il primo passo minimalista verso la felicità

[Toc]Possedere il minimo indispensabile è la chiave anche tra cassetti, ripiani e grucce. Lo spunto di partenza è semplice: la necessità di ritornare, dedicarsi all’essenziale, eliminando ciò che è superfluo. Less Is Sexy! Così, quello che può sembrare un banale cambio di stagione o riordino dell’armadio, diventa un vero cambiamento di vita. Con un guadagno che non è solo di spazio ma anche di qualità di vita.

Il primo passo di questo cambiamento di vita prevede l’eliminazione del superfluo. Infatti, non è ciò che possediamo che definisce chi siamo. Svuota l’armadio e metti tutto sul letto o per terra. Guarda attentamente ciò che hai. Poi, via tutto senza esitazione, dai vecchi jeans a quanto non hai indossato negli ultimi 6 mesi. Perché la verità è che se non hai avuto bisogno di questi capi per questo tempo, puoi farne a meno per sempre.

Anche quando hai solo l’essenziale la vita è degna di essere vissuta. Sempre.

L'armadio minimalista inizia con l'eliminazione del superfluo

È il momento di scegliere il tuo stile

[Toc]Scegliere il proprio stile è il secondo passo dell’armadio minimalista. Io ho puntato sul classico perché è quello che più mi si addice e non passa mai di moda. Uno stile fatto di capi versatili e compatibili tra loro che mi consentono abbinamenti semplici e veloci. Con pochi colori – bianco, nero, beige, blu, grigio – più qualche macchia di marrone e blu petrolio.

Il mio consiglio è gioca con gli abiti, fai le prove di fronte allo specchio, dimentica ciò che ti piace e impara a valutare ciò che ti sta davvero bene. Scegli i colori che ti fanno sentire a tuo agio. Il grigio ti spegne? Scartalo e punta su tinte neutre come il bianco e il nero. Anche i tessuti sono un criterio di selezione: pochi capi ma di qualità e tessuti naturali. Quindi, lana e cashmere per l’inverno; cotone, lino, seta per l’estate.

Come vivere felici senza essere tutti Fumio Sasaki

[Toc]Tre magliette, quattro pantaloni, quattro paia di calzini, tre paia di scarpe e un computer: sono i compagni dell’editor giapponese Fumio Sasaki, autore del libro Fai spazio nella tua vita. Come trovare la felicità con l’arte dell’essenziale
. La verità è che non esistono regole per diventare minimalista, né standard per definirsi tale a pieno titolo. Il minimalismo è una scelta di vita che assume un significato diverso per ognuno. Steve Jobs per esempio indossava solo jeans (Levi’s modello 501), dolcevita neri di Issey Miyake e sneaker New Balance.

Certo, il guardaroba minimalista semplifica la vita. Aiuta a mantenere ordine nella propria mente su ciò che siamo. Ci educa a distinguere quello che veramente contribuisce alla nostra felicità da quello che è superfluo e non ci fa stare bene. Il concetto alla base del minimalismo è semplicità. Io aggiungo leggerezza.

Felicità minimalista? Ognuno ha la sua!

Il guardaroba minimalista riduce anche il numero di lavatrici. Oltre a meno danni all’ambiente, significa dunque più tempo libero cui si aggiunge quello che fino a ieri dedicavi a shopping e scelta dell’outfit quotidiano. Da oggi indossi ciò che sei.

Sai qual è per me il bello del minimalismo? Le poche cose che hai sono tutte speciali. Buona vita, buona estate e ci rivediamo in autunno!

Vuoi approfondire il minimalismo? Ecco cosa leggere:

1. Laura Dossena. Le seduzioni del minimalismo
2. Come vivere meglio con meno, con solo ciò che importa
3. Come eliminare qualcosa ogni giorno prima di traslocare


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog