Magazine Salute e Benessere

2020 – good vibrations

Creato il 10 gennaio 2020 da Nike
2020 – GOOD VIBRATIONS
2020 – GOOD VIBRATIONS
Un messaggio per l’anno in corso (e in corsa)
“Via le scarpe basse, via le orride ballerine, via gli stivali rasoterra. Da oggi solo altezze aeree. Da oggi si sale su, ci si slancia e si ondeggia e si affonda di più sul cemento. Ché anche la musica la segui meglio e i capelli scivolano ondosi e la gonna trova quel perfetto punto della gamba in cui fermarsi e i tendini sparano in su e senti che potresti, davvero, arrivare dovunque, e tutti lo noterebbero, che arrivi. Le ginocchia così meravigliosamente elastiche. E la caviglia, sì, bellissima riflessa nello specchio del negozio sotto casa, fra il nero e la luce del sole e dell’ombra.”

Anche se non porterò mai la gonna (mai dire mai…), ne ho avuto conferma dal blog di tal Gaia: quest’anno devo volare alto, a costo di scivolare.E questo vale anche per te.“La punta pivottante si sradicò dalla curva superiore, ruotando di novanta gradi fino a toccare la superficie d’appoggio, per poi rotolarvisi sopra e scomparire nel buio. Senza rumore. Priva dello stiletto, la sovrastruttura eccentrica venne meno, atterrando non priva di grazia sulla pista ancora pulsante di vita superiore. Con rumore.Marzia si rialzò e riprese il breve viaggio, recuperando lo svantaggio sulle altre ragazze. La musica degli Oasis, eccessiva ma energizzante, continuava a martellare. Compulsiva, più un tapis roulant che un tappeto sonoro. Ma era quella giusta – concordia discors – per l’ora e la controra. Chiodo scaccia chiodo.” (dal mio Gocce di pioggia a Jericoacoara).

Splash.Lo scorso anno ho rischiato il naufragio, ma quest’anno devo (devi) restare a galla, rimettermi sulla rotta e navigare nelle acque del Logos e dello Spirito. Con il simbolo (la tua capacità di immaginare e visualizzare il futuro e renderlo presente)come ciambella di salvataggio. Helzapoppin’.Onda su onda, tra zapping e spleen, schiuma di saudade e folate di stimmung: insomma, esci dal tuo “cerchio magico” (che magico non è) e da’ corpo ai tuoi sogni. Per dirla con il mio conterraneo Raffaele Carrieri, poeta d’altri tempi (sempre attuale) e di altri luoghi: “se non hai considerazione per i sogni, non partire…”Poni l’attenzione al qui e ora e l’intenzione – e la tensione (distesa, wu wei) – al futuro adveniente.
New moon o eclipse?Cerca il sole sorgivo e continua a fantasticare nella twilight zone… dove attorno a te non c’è nessuno. Nessun ricordo. Sogna un destino diverso!“Quello che veramente ami è la tua vera eredità, strappa da te la vanità … cerca nel verde mondo quale posto possa essere il tuo … strappa da te la vanità… (Ezra Pound).Hai vagato sin troppo tempo nel buio come un caino segnato (e trasognato), nei coni d’ombra terracquei e nelle atre profondità plutoniche. Ma adesso è il kairòs, il momento fatidico, l’attimo figgente: cerca di spiccare il volo, anche a costo di inciampare sui sassi del passato e di scivolare, impaludarti, scontrarti con il treno del presente. Forse finora, per dirla alla Céline, il lato teatrale del disastro ti entusiasmava. Ma ora è il momento di spingersi verso nuove thule (prima c’erano state, al massimo, solo tulle, pizzi, fiori artificiali).
Apri quella porta!Porte di corno, d’avorio, d’oro. Non è solo questione di sogni. Occorre un cambiamento di segno. Signum aeternitatis. Volevo uccidere la noia, tirare il collo alle mie paure… Tiravo calci alle porte per entrare nella vera conoscenza e succhiarne il midollo. Poi ho aperto la porta alla mia essenza e allo Spirito è sono riuscito ad allineare – se non altro, tra cadute e rialzate, sono sulla strada – ambiente, comportamenti, capacità, valori, identità e vision/mission (parlo dei “livelli neurologici” di Robert Dilts – rinvio ai miei libri, in particolare a PNL Transpersonale).
”Meglio essere un delinquente che un borghese” aveva dichiarato lapidariamente il giovane Ernst Jünger. Prima pietra. La seconda: “…e mentre io guardo la tua pace, dorme quello spirto guerrier ch’entro mi rugge.”Conclusione (foscoliana. Ai limiti del fosco, e del bosco): svegliati guerriero, ma punta alla pace!E poi solo i delinquenti sanno far bene all’amore…(direbbe, eretica, l’eterea arya, librettista dell’eros sublime). Non delinquo, nemmeno sdilinquisco – e non giaccio nemmeno in deliquio: sto sulla diaccia (o ignea?) linea di confine tra mondo e iper-mondo (per il momento ‘inter-loquisco’). Sarò stato metrosexual (nella recherche nottaiola, meno in quella vitaiola), ma non sognavo Beckham. La rete non mi ha mai preso (me lo ripeto spesso, per non farmi irretire). Specie ora che sono per la penna: un indiano metropolitano indeciso tra gli sneakers e i tacchi a spillo. Pensa differentemente, vedi le cose in altri modi!
E attenzione ai fatti:“I fatti sono semplici, i fatti sono fatti / I fatti sono pigri, i fatti sono matti / I fatti dipendono dal punto di vista / Se non fai attenzione ti portano fuori pista.”Sì, lo so, ci sono ancora delle resistenze, la fusione è ancora in fieri Cellofan esterno: la corazza ‘genitoriale’ (la ‘crosta sociale’). Cellofan interno: la ‘calamita’ gravitazionale del ‘bambino represso’ (che di tanto in tanto prende il posto del fanciullino, anche se hai quarantanni), neghittosamente accidioso, col dito perennemente in bocca, sempre cullato dal dèmone di mezzogiorno.Non voglio essere un notaio dell’esistenza, ma il profumiere dell’essenza.Ne sento la fragranza, lo Spirito mi ha colto in flagrante, il Cristo interiore sta crescendo,io sto crescendo alla sua statura… Il suo stiletto ha inciso l’anima, lo spirito fa capolino dalla ferita aperta. Soffro (solo per poco), però vado avanti. Non posso ritirarmi, non è nel mio stile. Il Mito echeggia (e occhieggia – mi fa occhei), il pasto è nudo e io ho fame.
Il bosco mi attende, lì sul meridiano zero. Devo attraversarlo… sono un viandante del Mito, non un passante della Storia. Basta con ground zero, voglio essere un anarca, un ribelle (al limite, un gangsta). Non ho nulla spartire con gli imbelli. Sono uno spartano (spero, non un imbecille). E (me lo impongo) soprattutto, un delinquente (bello, pulito, né captivus né incattivito). Ma non voglio gettare l’angelo con l’acqua sporca…“Bisogna fiutare il diavolo da lontano... in tutti gli angoli... attraverso il mondo... tra i sottili paragrafi di qualsiasi fatto quotidiano apparentemente innocente... il segno del pollice, furtivo... appoggiato... segnaletico... la parola favorevole... lusingatrice... la messa in valore, francamente pubblicitaria... il denigramento sedicente imparziale... Nulla è indifferente.”
Devi fare la differenza.Io ho tirato le somme: la filosofia, la teologia, la spiritualità, la stessa PNL, mi aiutano a riflettere sulla realtà, ma con la scrittura esploro mondi diversamente possibili (anche l’impossibile). Risultato: tra un colpo di Thor, una sventagliata del flabello di Margherita la mistica, un bel po’ di strisciate del flagello di Céline – e soprattutto, grazie a un multiplo provvidenziale flash tra le sinapsi, moltiplicatesi a dismisura – ecco che stai tirando fuori l’essenza, quella che ti fa comunicare con Dio (sia il Divino sia il Cristo dentro di te). Ora potrai volare alto.Per rinascere devi uscire dalla torma. “Non vedi che il cielo, grave di presentimenti, s’oscura e tace?” Se prima eri ‘in fieri’, ora comici a sentirti proprio in forma: ma sì, vuoi proprio infierire… A colpi di clava. Un po’ Stirner un po’ Fight Club. “Chi è sicuro del valore della propria causa non sente il bisogno della sua vittoria: il valore della causa ne segna già il trionfo.”Infierire. Non solo sfiorare, ferire, interferire. Turbare, non solo tubare. Devi uscire dalla tua comfort zoneSì, ora vuoi avere la tua fighting chance! Diventare leggenda(e tuttavia invecchiare…). E danzare sul mondo (a suon di tromba) e… ridere, ridere, ridere (il romanzo come terapia?). Riso dionisiaco-nicciano e witz surrealista-freudiano: un po’ di seltz nell’acqua bassa del mondo (se non altro, del mio mondo).   La mia ‘missione’? È anche la tua: “Non essere limitato da ciò che è più grande, essere contenuto in ciò che è minimo, questo è divino.”Spara e poi punta… (in un mondo che cambia – come dice Robert Dilts – prima devi sparare, poi eventualmente correggi il tiro: l’importante è prepararsi ad agire e poi…).2020: Tu sei leggenda!

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog