Magazine Informazione regionale

26 febbraio 2020 “Di chi è Roma? Città merce vs bene comune” al Palazzo Merulana

Creato il 25 febbraio 2020 da Esquilino

26 febbraio 2020 “Di chi è Roma? Città merce vs bene comune” al Palazzo Merulana26 febbraio 2020 ore 18,00

PALAZZO MERULANA

Di chi è Roma? Città merce vs bene comune | Con la proiezione di “Le case che eravamo” di Arianna Lodeserto

Proseguono gli incontri di Collettiva!
In questo secondo appuntamento del 2020  rifletteremo su trasformazioni urbanistiche, accumulazione immobiliare e finanziaria, “overturism” e “gentrification”, a partire dal documentario di Arianna Lodeserto Le case che eravamo (2018).

Attraverso materiali d’archivio, il cortometraggio ripercorre i primi cinquant’anni di attività dell’Istituto Autonomo Case Popolari e le lotte per il diritto all’abitare.
La pellicola offre una panoramica sui primi cinquant’anni di attività dell’Istituto, che avevano creato a partire dalla fine degli anni 40 una vera e propria «città nella città»,  per far fronte a quello che si presentava e si presenta ancora come il problema “più grave, tra quelli che si prospettano alla città di Roma”: il problema edilizio.
E come si compone la città, oggi? Chi ne resta escluso? Chi resiste esplorando rotte alternative?

Uguaglianza, diritti e libertà nell’abitare la città e gli spazi pubblici: durante l’incontro ci interrogheremo sul come dare vita a città aperte e porose, dinamiche, che favoriscano la cooperazione e le trasformazioni urbanistiche a misura e in favore del cittadino.

Proiezione del documentario Le case che eravamo, di Arianna Lodeserto

A discuterne ci saranno:

Paolo Berdini, urbanista, già assessore all’Urbanistica e ai lavori pubblici
Alessandro Coppola, ricercatore Politecnico di Milano, curatore di Roma in transizione
Sarah Gainsforth, giornalista e autrice di Airbnb città-merce
Lorenzo Romito, architetto, Stalker/NoWorking

modera
Giuliano Battiston, Collettiva

Partecipazione gratuita fino ad esaurimento posti disponibili
Info allo 0639967800
[email protected]


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog