Magazine Maternità

33a settimana di gravidanza

Da Guidamamme

Eccoci alla 33a settimana di gravidanza. Il vostro bimbo è ormai quasi pronto per conoscervi!

Lo sviluppo del piccolo è quasi completo. Sistema immunitario e cervello continuano a maturare. Se il vostro bambino dovesse nascere adesso, potrebbe essere già in grado di respirare da solo, poiché lo sviluppo del sistema respiratorio è ultimato. Infatti, la maggior parte dei bambini nati nella 33a settimana non presenta problemi.

Intanto, l'utero continua a crescere e contiene ormai circa un litro di liquido amniotico. La quantità di liquido amniotico è un fattore molto importante al fine di stabilire il benessere del piccolo e dell'apparato urinario. Per verificare tale quantità, occorre effettuare un'ecografia.

La mamma potrebbe sentire bisogno di urinare spesso. Si tratta di una cosa del tutto normale, poiché il piccolo preme sulla vescica. Se però la minzione è accompagnata da una sensazione di bruciore o vi è comparsa di febbre, attenzione poiché potrebbe trattarsi di un' infezione urinaria.

E' possibile, inoltre, che la mamma possa soffrire di anemia. Se si tratta di una forma lieve, non c'è da preoccuparsi. Tuttavia, è necessario fare attenzione se i valori superano determinati limiti. Ad ogni modo, per cercare di prevenire questo disturbo, è consigliabile assumere cibi ricchi di calcio, ferro e acido folico.

Un altro fattore a cui prestare particolare attenzione, soprattutto in questo periodo, è l' igiene orale. Il bambino assorbe molto calcio e questo può tradursi in una maggiore fragilità dei denti. Per questo motivo, mantenere una buona igiene orale e prendersi cura dei propri denti è importante ora più che mai.

Esami

Tra la 33a e la 37a settimana di gravidanza è possibile effettuare i test per il virus dell'epatite B, dell'epatite C e dell'HIV. Potrebbe, inoltre, essere necessario sottoporsi agli esami delle urine e del sangue, in modo da controllare i livelli di glucosio e albumina.

Sintomi della 33a settimana di gravidanza

I sintomi più comuni:

  • Aumento di peso sempre più evidente
  • Contrazioni uterine
  • Affaticamento
  • Stitichezza
  • Anemia
  • Emorroidi
  • Gonfiore degli arti
  • Dolori articolari
  • Denti fragili
  • Maggiori perdite vaginali
  • Bruciore di stomaco
  • Mal di schiena
  • Difficoltà respiratorie
  • Riduzione del sonno

Gravidanza 33 settimane: cosa fare e cosa non fare

Ecco alcuni consigli per quanto riguarda i comportamenti da adottare durante la trentatreesima settimana di gravidanza:

  • Preparare la valigia per l'ospedale: A questo punto della gravidanza, sarebbe opportuno iniziare a preparare la valigia con tutto l'occorrente da portare all'ospedale. Meglio prepararsi in anticipo e non aspettare l'ultimo momento!
  • Scegliere l'ospedale e il tipo di assistenza che si desidera: E' arrivato il momento di valutare la scelta della struttura ospedaliera, così come l'assistenza che si desidera ricevere. Ad esempio, è possibile consultare un anestesista per considerare la scelta di ricorrere all'epidurale durante il parto.
  • Adottare un regime alimentare sano: E' importante mangiare in modo sano ed equilibrato. In quest'ultimo trimestre è particolarmente importante assumere alimenti ricchi di acido folico, vitamina C, proteine, ferro e calcio.
  • Mantenere una buona igiene orale: Mantenere una buona igiene orale va sempre fatto, ma ora in particolare. Ricordate di sottoporvi a regolari controlli dal dentista, in modo da evitare carie e infezioni che potrebbero comportare danni per il bambino.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines