Magazine Cultura

5 Cose che.. : 5 Graphic Novel che vorrei leggere

Creato il 10 gennaio 2020 da Roryone @colorelibri
5 Cose che.. : 5 Graphic Novel che vorrei leggere
Buongiorno a tutti Lettori e ben trovati!

Il nuovo anno relativo al blog inizia, per me, oggi e quale modo migliore per riprendere se non con una delle mie rubriche preferite? Nuovamente con l'appuntamento fisso del venerdì, mi ritrovo davanti ad uno schermo luminoso e ad una tastiera con mille e più idee in testa circondate da un unico grande dubbio: fare o non fare una piccola TBR per questo 2020? E perché non creare una via mezzo cercando di far fronte a tutte le mie esigenze? Ecco allora che l'argomento odierno del 5 Cose che.. viene in mio soccorso.Questa mattina parliamo, infatti, dei5 Graphic Novel che vorrei leggere.

5 Cose che.. : 5 Graphic Novel che vorrei leggere
1. KOBANE CALLING di ZEROCALCARE (Bao Publishing). Sia Kobane Calling che Zerocalcare, come credo tutte le opere e gli autori che qui verranno citati, non hanno sicuramente bisogno di presentazioni, ma qualcosa in merito a questo titolo in particolare è doveroso dirlo. Il fumetto è un reportage grafico del viaggio che lo stesso Zerocalcare ha intrapreso e che l'ha portato al confine tra Turchia e Siria, a pochi chilometri dalla città di Kobane (da cui il titolo dell'opera), tra i militanti curdi, militanti in opposizione alle forze dello Stato islamico. Una lettura sempre più attuale che ad oggi, ma ancora per poco, non è purtroppo presente tra le fila dei miei fumetti. Il prossimo acquisto? Quasi sicuramente.
2. PERSEPOLIS di MARJANE SATRAPI (Rizzoli Lizard). Definito da chiunque l'abbia letto un vero e proprio capolavoro, uno di quelli veri ed inoppugnabili, Persepolis rappresenta purtroppo una delle mie lacune più grandi. Fumetto storico ed autobiografico, narra la vita dell'autrice, dall'infanzia all'età adulta, mettendo in evidenza importanti e fondamentali questioni sociali, soprattutto inerenti all'Iran. La storia ha, insomma, tutte le caratteristiche per divenire una di quelle ferite al cuore e all'anima che così tanto io amo leggere: sarà probabilmente uno dei prossimi recuperi.
3. LE MALERBE di KEUM SUK GENDRY - KIM (Bao Publishing). È una delle uscite più recenti targate Bao ed è entrato fin da subito nella mia lista desideri. Le malerbe, che porta la firma di una fumettista coreana, promette una narrazione intima, lacerante ed incredibilmente intensa che tutti, probabilmente, dovrebbero trovare la forza di leggere, un giorno. Personalmente è un recupero che tenterò, finanze permettendo, di fare quest'anno, perché il richiamo, nonostante il dolore che già solo sfogliandone le pagine traspare, è forte, ammaliante e a tratti destabilizzante. 
4. V PER VENDETTA di ALAN MOORE. (Rizzoli). Presente nella mia libreria già da qualche tempo, ho sempre avuto nei confronti della storia di V per Vendetta una sorta di paura all'approccio, vuoi per l'intensità della narrazione, dei temi trattati e per le conseguenze che sono certa la sua lettura avrà su di me, sebbene del film io ne sia follemente innamorata e lo riguardi ogni qualvolta sia possibile farlo. Quest'anno ho deciso, però, di provare a mettere da parte il timore reverenziale che tutt'ora sento presente nel mio io profondo per entrare finalmente nel mondo geniale di Alan Moore.
5. LA LEGA DEGLI STRAORDINARI GENTLMEN di ALAN MOORE e KEVIN O'NEILL (Bao Publishing). Ultimo fumetto entrato a far parte della mia libreria nonché uno dei primi acquisti di questo nuovo anno, la nuova edizione de La lega degli straordinari gentlemen, curata in maniera eccezionale dalla casa editrice indipendente milanese, rappresenta una di quelle serie e, soprattutto, uno di quegli autori (Alan Moore) che non possono, forse, mancare nel bagaglio culturale di ogni amante appassionato del mondo dei fumetti. E siccome quest'anno lo vorrei dedicare, tra le altre cose, a recuperi vari, questo primo volume entra di diritto nella lista dei Graphic Novel che vorrei leggere nei prossimi mesi.
5 Cose che.. : 5 Graphic Novel che vorrei leggere

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog