Magazine Bellezza

5 cose che... 5 libri per non dimenticare

Creato il 27 gennaio 2017 da Amaranthinemess @AmaranthineMess
libri per non dimenticare giorno memoria olocausto ebrei
Buongiorno a tutti, anche oggi presente con l'immancabile appuntamento con #5coseche che non sarà tuttavia il giochino simpatico di ogni settimana.
Ricorre infatti oggi, 27 gennaio, il Giorno della Memoria ossia il giorno dedicato a ricordare l'orrore che è stato l'Olocausto, la persecuzione delle persone di religione e cultura ebraica perpetrata da Italia e Germania a partire dal 1933, anno di entrata in vigore delle leggi razziali (in Germania, da noi arrivarono solo 5 anni più tardi...).
Con Twins Books Lovers e le altre ragazze del gruppo #5coseche abbiamo deciso di dedicare il post di oggi a 5 libri che aiutino a non dimenticare..

Quali sono i  5 libri sull'Olocausto che più vi hanno insegnato e commossoSe volete partecipare a questo "tag" iscrivetevi al "tag originale" di Twin Books Lovers e linkatemi i vostri post/video/foto!

- QUANDO HITLER RUBO' IL CONIGLIO ROSA-
Judith Kerr

5 cose che... 5 libri per non dimenticareIl primo titolo è legato indissolubilmente alla mia infanzia.
Quando Hitler rubò il coniglio rosa di Judith Kerr è un libro per ragazzi e parla di una famiglia di ebrei costretta a scappare per sfuggire alla persecuzione.
Il titolo si riferisce ad una scena del libro in cui Anna, la piccola protagonista del libro, costretta a scappare con la sua famiglia, dimentica il suo coniglietto rosa che è così perso per sempre: la perdita del coniglio diventa un nodo simbolico del libro, un momento dopo il quale nulla sarà più come prima.

- SE QUESTO E' UN UOMO -
Primo Levi

5 cose che... 5 libri per non dimenticare
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fangoChe non conosce paceChe lotta per mezzo paneChe muore per un sì o per un noVi sembrerà strano ma anche Se questo è un uomo di Primo Levi è un libro legato alla mia prima giovinezza: fu infatti la lettura che la prof di lettere decise di farci fare in terza media, è un libro che ho letto, pomeriggio dopo pomeriggio, con tutta la mia classe.
La scelta della prof è stata sicuramente un azzardo, ricordo ancora i gridolini di disgusto o stupore davanti a certe scene che Levi descrive con crudo realismo, però sono davvero contenta di aver letto quel libro con i miei compagni e alla "tenera età" di 13 anni.

- OGNI COSA E' ILLUMINATA-
Jonathan Safran Foer

5 cose che... 5 libri per non dimenticare
Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer è un punto di vista sicuramente originale sulla questione dell'Olocausto: il romanzo è ambientato ai giorni nostri e parla dell'autore (la vicenda è autobiografica) e del viaggio che nel 1999 dagli Stati Uniti lo portò in Ucraina, suo paese d'origine. Quel viaggio gli serviva per fare chiarezza, per capire un po' della propria storia e di quella della propria famiglia. Bellissimo romanzo ma anche bellissimo film :)

- L'AMICO RITROVATO -
Fred Uhlman


5 cose che... 5 libri per non dimenticare
L'amico ritrovato di Fred Uhlman è un libro piccolo piccolo, si legge in pochissimo tempo ma ha dentro una carica di pathos e di dolore incommensurabili.
Il libro parla dell'amicizia fra Hans, ebreo e Konradin. I due ragazzi sono compagni di classe e stringono una forte amicizia, contrastata però dalla famiglia di Konradin che odia gli ebrei.
Con l'avvento delle leggi razziali Hans deciderà di lasciare la Germania per trasferirsi in America e così perderà di vista l'amico Konradin. Solo molti anni più tardi lo ritroverà e sarà molto orgoglioso di lui.
Infine vi segnalo una cosa che ho scoperto solo di recente: questo libro fa parte della Trilogia del ritorno con Un'anima non vile e Niente resurrezioni, per favore.

- CRONACHE DI POVERI AMANTI -
Vasco Pratolini


5 cose che... 5 libri per non dimenticare
Ho voluto inserire Cronache di poveri amanti di Vasco Pratolini anche se non parla dell'Olocausto perché ci dà una descrizione realista e molto specifica di quello che è stato il fascismo in Italia: purtroppo ancora oggi esistono moltissimi negazionisti che sostengono che la persecuzione del popolo ebraico sia stata fatta solo dai nazisti. Ecco, non è vero, c'eravamo anche noi italiani.
Cronache di poveri amanti è un romanzo ambientato a Firenze negli anni del regime fascista e ci racconta degli abitanti di via del Corno, via di una zona popolare di Firenze.

Conoscete questi libri? Ve ne vengono in mente altri?
Fatemi sapere :)

5 cose che... 5 libri per non dimenticare

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :