Magazine Arte

55.Biennale di Venezia: Love Me, Love Me Not (Azerbaijan)

Creato il 28 maggio 2013 da Fasterboy

Faig Ahmed, Untitled, 2012, Thread InstillationVenezia – Arte Contemporanea dall’Azerbaijan e dai Paesi Vicini. Evento Collaterale della 55. Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia: Love Me, Love Me Not è una straordinaria esposizione di arte contemporanea dell’Azerbaijan e dei paesi vicini che mette in mostra i lavori più recenti di 17 artisti provenienti da Azerbaijan, Iran, Turchia, Russia, e Georgia. Prodotta e supportata da YARAT Contemporay Art Organization, un’organizzazione no-profit per l’arte contemporanea con sede a Baku, e curata da Dina Nasser-Khadivi, la mostra sarà aperta al pubblico dall’ 1 Giugno al 24 Novembre 2013 presso la Tesa 100 dell’Arsenale Nord della 55. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia.

Artisti in mostra:
Faig Ahmed (Azerbaijan) – Rashad Alakbarov (Azerbaijan) – Afruz Amighi (Iran) – Kutluğ Ataman (Turchia) – Shoja Azari (Iran) – Rashad Babayev (Azerbaijan) – Mahmoud Bakhshi (Iran) – Ali Banisadr (Iran) – Ali Hasanov (Azerbaijan) – Orkhan Huseynov (Azerbaijan) – Sitara Ibrahimova (Azerbaijan) – Aida Mahmudova (Azerbaijan) – Taus Makhacheva (Russia) – Farhad Moshiri (Iran) – Farid Rasulov (Azerbaijan) – Slavs and Tatars (‘Eurasia’) – Iliko Zautashvili (Georgia)

“Ogni opera presente in questa mostra ha il ruolo di offrire al visitatore una nuova prospettiva sulle nazioni rappresentate nel padiglione, con il puro intento di dare una più profonda comprensione dell’area a cui fa riferimento. Esporre le opere di questi artisti in un’unica mostra mira fondamentalmente ad interrogarsi sulla propria percezione della storia e della geografia. L’arte promuove il dialogo e la Biennale di Venezia ha dimostrato di essere  la migliore arena di scambio culturale”, spiega la curatrice Dina Nasser-Khadivi.

Il titolo della mostra Love Me, Love Me Not, si riferisce alle vacillanti relazioni tra i paesi che circondano l’Azerbaijan e a quelle tra l’artista e gli osservatori dell’opera, oltre che al il titolo del lavoro esposto del noto collettivo Slavs e Tatars.

Love Me, Love Me Not è prodotta da YARAT Contemporary Art Organization, un’ organizzazione no-profit dedicata alla promozione e valorizzazione dell’arte contemporanea in Azerbaijan.

Il catalogo:
Edito dalle curatrici Dina Nasser-Khadivi e Farah Rahim Ismail, include tra gli editor:
- Nada Raza, Assistente Curatrice presso Tate Modern
- Nicholas Cullinan, Curatore di Arte Moderna e Contemporanea presso il Metropolitan Museum of Art 
- Negar Azimi, Scrittrice e Senior Editor presso Bidoun Projects 
- Monica Steinberg, Studentessa PhD presso The Graduate Center, City University of New York 
- Suad Garayeva, Scrittrice e Curatrice specializzata nell’Arte Contemporanea di Russia, Asia Centrale e  Caucaso 
- Slavs and Tatars, Collettivo Artistico “Euroasiatico”

Dettagli della Mostra
Titolo: Love Me, Love Me Not
Luogo: Arsenale Nord, Tesa 100, Venezia, Italia
Press Preview: 30 Maggio, 11.00-14.00
Date della Mostra: 1 Giugno fino a 24 Novembre (apertura al pubblico)
Vaporetto: per raggiungere l’Arsenale Nord le fermate più vicine sono Bacini e Celestia (linee del vaporetto 5.1, 5.2, 4.1, 4.2). Durante le vernici sarà attivo un servizio gratuito di boat shuttle dall’Arsenale.
Accesso: cliccando il link sotto per aprire la mappa con la posizione delle due fermate del vaporetto e della Tesa 100.
Mappa

Sito: www.loveme-lovemenot.com
Twitter: Segui @LMLMN_Yarat
Facebook: https://www.facebook.com/YARAT.LMLMN?fref=ts

YARAT Contemporary Art Organisation:
Fondata nel 2011 da Aida Mahmudova, YARAT Contemporary Art Organisation è un’organizzazione no-profit dedicata a promuovere l’arte contemporanea in Azerbaijan e a creare una piattaforma nazionale e internazionale per l’arte azera.
Di base a Baku, YARAT (in azero significa CREARE) realizza la sua missione attraverso un programma continuo di mostre, eventi educativi e festival. YARAT facilita il dialogo e lo scambio tra network artistici nazionali e internazionali, come fondazioni, gallerie e musei. Una serie di residenze rappresentano un’ulteriore opportunità verso il dialogo e la cooperazione globale culturale.
Le iniziative educative di YARAT includono lezioni, seminari, corsi di perfezionamento e il progetto Young Artist Project ARTIM (in azero significa PROGRESSO). ARTIM mira a incoraggiare la generazione futura dei talenti artistici dell’Azerbaijan a intraprendere una carriera nelle arti e dà ai giovani professionisti l’opportunità di esibire I loro lavori in un contesto professionale.
Creata a partire dall’impegno di YARAT verso la crescita delle infrastrutture locali dedicate all’arte, YAY Gallery è uno spazio espositivo commerciale. In linea con ciò, YAY (in azero significa CONDIVIDERE) divide ogni ricavo delle vendite tra YARAT e gli artisti e supporta un gran numero di artisti nazionali e internazionali.

La Curatrice:
Dina Nasser-Khadivi è consulente e curatrice indipendente specializzata in Arte Contemporanea di Medio Oriente, Iran e di alcune aree del Caucaso. Dopo essersi specializzata nell’Arte Orientalista del XIX e XX secolo presso Christie’s, nel 2006 ha iniziato a lavorare con l’arte contemporanea di Medio Oriente e Iran, sviluppando una piattaforma internazionale per gli artisti attraverso l’organizzazione di numerose iniziative di promozione, come per esempio il determinante simposio An Introduction to the world of Iranian Modern and Contemporary Art, che ha avuto luogo presso Solomon R. Guggenheim Museum di New York, Houston Museum of Fine Arts e Museum of Contemporary Art (MOCA) di Los Angeles nell’autunno 2010. Attraverso progetti che spaziano tra la curatela di collezioni private e la consulenza alle maggiori istituzioni, Dina divide il suo lavoro tra New York, Londra, Ginevra e Dubai.
Negli ultimi tre anni, l’avvicinamento di Dina verso la regione del Caucaso è stato motivato da un’affinità verso la popolazione e la cultura dell’ Azerbaijan, un paese vicino all’Iran in cui è nata, e da un interesse per gli artisti della crescente scena dell’arte contemporanea azera, soprattutto di Baku.

Per informazioni per la stampa e immagini contattare:
Lightbox Communication 
Elena Pardini | Tel +39 348 33 99 463 | Email [email protected]
Claudia Malfitano | Tel +39 346 5401118 | Email [email protected]
Teresa Sartore Senigaglia | Tel +39 349 6609573 | Email [email protected]

 


Booking.com ti consiglia: alloggiare a Venezia


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Love Poems

    Love Poems

    Every body knows about love. Love is very sweet feeling if you want to feel it. Love poetry show your heart’s deepest feelings and even gives you a way to... Leggere il seguito

    Da  Giulitam
    ARTE, CULTURA
  • Love Wallpapers

    Love Wallpapers

    Description: Love Wallpapers Widescreen Love Wallpapers from the above resolutions. If you don’t find the exact resolution you are looking for, then go for... Leggere il seguito

    Da  Giulitam
    ARTE, CULTURA
  • Love Quotes

    Love Quotes

    are among the best ways and gifts of showing your love and since they are words that prove wisdom they remained throughout the years as famous sayings people... Leggere il seguito

    Da  Giulitam
    ARTE, CULTURA
  • My Love

    Love

    lyrics,my love,my love in french,my love sia lyrics,my love in spanish,my love madame butterfly,my lovely sam soon,my love justin timberlake,my love is your... Leggere il seguito

    Da  Giulitam
    ARTE, CULTURA
  • ANDREA BIANCONI: LOVE ME TENDER a cura di Luigi Meneghelli

    ANDREA BIANCONI: LOVE TENDER cura Luigi Meneghelli

    Si è inaugurata qualche giorno fa, ma si può visitare fino a luglio. Se capitate a Verona, merita! ANDREA BIANCONI: LOVE ME TENDER La Giarina Arte... Leggere il seguito

    Da  Roberto Milani
    ARTE, CULTURA
  • SSiCk - Love Is Not A Sin: il video

    SSiCk Love Sin: video

    Love Is Not A Sin è il secondo video estratto dall'ottimo EP "Shift" di SSiCk, una delle realtà più interessanti del panorama indipendente italiano (potete... Leggere il seguito

    Da  Ant
    ARTE, CULTURA
  • love rain

    love rain

    quasi sempre, quando guardo un dorama, sono dibattuta fra due sentimenti contrastanti: la curiosità di vedere come va a finire e il desiderio che non finisca... Leggere il seguito

    Da  Guchippai
    CULTURA