Magazine Viaggi

7 mila miglia intorno al mondo #31: ed ecco la Namibia

Creato il 21 marzo 2015 da Nonsoloturisti @viaggiatori

Le tappe precedenti:

Ora la nuova squadra di avventurieri ha preso in carico i veicoli e le attrezzature ed è pronta per la traversata dal Sudamerica fino in Kenya. Le offerte raccolte da questa tappa verranno destinate all'organizzazione non governativa di cooperazione internazionale CESVI, che tra una grande varietà di progetti in Africa punta anche ad accrescere la disponibilità del cibo e l'accesso ad alimenti nutrizionalmente adeguati e a migliorare la conservazione dei viveri. CESVI lotta da anni contro la fame nel mondo attraverso progetti di sviluppo nel Sud e campagne di sensibilizzazione e educazione nel Nord del mondo. Partendo dalle sue competenze in tema di sicurezza alimentare, lancia la nuova campagna Food Right Now per educare e sensibilizzare la cittadinanza sul tema della lotta alla fame e sulla promozione del diritto al cibo per tutti.

Dal diario di Paolo Brovelli È già Namibia. Anche qui, Africa candeggiata di bianco con contorno di township, che per noi comincia con la visione (offuscata) del Fish River Canyon, il secondo più largo del mondo (ma solo secondo i locali!). Un'ansa piena di balze di roccia e vuota di acque, in questa stagione che secca la gola. Qualcuno ha inventato, nei pressi, un Roadhouse, dove relitti d'auto americane tipo beat generation, raccolti nel mare di sabbia, si mescolano a un tripudio di targhe e manifesti di vecchi film, emuli di motel da Route 66. Dal confine, tutto è pista bianca, polvere e sabbia. E forature!
Prima delle dune di Sossivlei, nel deserto del Namib (patrimonio UNESCO), quelle rossiccie, mastodontiche, dei dépliant, sono già tre! Per fortuna abbiamo gomme di scorta e buona volontà. E andiamo avanti! Bianchi come la strada, arriviamo la sera nei camping, piantiamo le tende tra quelle dei turisti del nord Europa e roboanti camion-avventura, e ci sciacquiamo il viaggio di dosso. Lüderitz, Walvis Bay e Swakopmund sono l'eccezione. Pure in fondo a una pista, ci accolgono con vie, negozi, schiaffandoci in faccia l'umido e fresco oceano. Ma niente bagnanti, per queste spiagge da pinguini. Non paghi di sabbia e di pietra, domani cerchiamo un altro deserto. La Skeleton Coast. Ma questa sarà un'altra avventura. Mirabile, è la visione del mare di dune. Straniante, l'effetto sulla mente del viaggiatore che, pur consapevole, le scorge da lontano. Dinosauri di sabbia antichi come il mondo. Perla del deserto del Namib, vecchio di ottanta milioni di anni, l'erg di Sossivlei ospita alcune tra le dune più alte del pianeta, come la Big Daddy, con più di 300 m la maggiore, rossiccia di residui ferrosi come le sue sorelle, che arrivano a perdita d'occhio fino al mare.
7 mila miglia intorno al mondo #31: ed ecco la Namibia
Deserti di sabbia, deserti salati, deserti petrosi. Spigoli aguzzi, polvere rossa di ferro, croste di lava. Il Namib, la Skeleton Coast, e poi i massicci montuosi, che s'ergono, primedonne, scenici, solinghi, sull'altopiano dello zoccolo africano (500-1200 m). Il Brandeberge, il monte più alto del paese (2573 m). Lo Spitzkoppe, che da sud par la mandibola d'un coccodrillo. Le Table Mountains, tavolati di roccia come quella, orfana, di Città del Capo, o come le ambe d'Etiopia. I canyon foderati d'eruzioni verticali levigate come canne d'organo. Il paesaggio namibiano è minerale, con qualche ciuffo verde acacia, con rovi e arbusti che foran le gomme. E i suoi poco più di due milioni di abitanti si perdono nelle poche città dileguate oltre le savane o nelle fattorie d'eremiti al centro di proprietà grandi come regioni. E cintate con recinti che non risparmiano nemmeno le piste ("Keep the gate close", richiudere il cancello!).
Tra i sassi, nel bush, a fior di terra, ecco che sbucano tronchi vecchi d'eoni, d'alberi antichi dilavati da chissà dove, chissà quando, in una valle ch'era un lago di pascolo di brontosauri. È la Foresta Pietrificata, nel Damaraland, ora terra di bantu damara, zona di popolamento antico dove i boscimani di mille generazioni fa, originari abitanti ora scacciati, s'incontravano (a Twyfelfontein, ora sito UNESCO) per parlar della caccia, per adorare gli dei di natura, per celebrare le prede della loro atavica sopravvivenza. E i macigni d'arenaria rossiccia portano i segni da loro tracciati nei convivi, nelle notti di luna. Una mappa, coi pozzi, che ora non ci sono più, gli elefanti, le giraffe, gli orici, incisi col quarzo dai primi artisti del genere umano, quattro, cinque, seimila anni fa. E il dio leone, con la coda che saluta chissà chi, con la sua mano sciamanica. Leggi la puntata precedente: il Sudafrica delle ostriche e dei diamanti
Con l'entusiasmo di bambini, ma con la parsimonia degli adulti, ci arrampichiamo all'alba sulla duna 45, un'ottantina di metri, "la più fotografata del mondo", dicono, quanto basta per assaporare questo panorama del Cretaceo, protetto dall'UNESCO per quanto è vario e antico. E per sentirsi piccoli come i granelli di sabbia su cui siamo seduti.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine