Magazine Cinema

73mo Locarno Film Festival: Vision Award per Ryuichi Sakamoto

Creato il 25 febbraio 2020 da Af68 @AntonioFalcone1
73mo Locarno Film Festival: Vision Award per Ryuichi SakamotoRyuichi Sakamoto (Wikipedia)

Verrà conferito al compositore, musicista e artista, Ryuichi Sakamoto il Vision Award Ticinomoda, alla 73esima edizione del Locarno Film Festival (515 agosto).
Il maestro giapponese, uno dei compositori contemporanei più influenti al mondo per aver aperto nuove prospettive al cinema grazie alla forza del suo talento, sarà ospite in Piazza Grande giovedì 6 agosto, mentre il pubblico e gli ospiti del Festival avranno anche l’occasione di assistere a un incontro con l’artista allo Spazio Cinema, che si terrà il giorno successivo (venerdì 7 agosto).
Inoltre, Sakamoto improvviserà dal vivo al pianoforte sul film di Yasujirō Ozu Tōkyō no onna (Una donna di Tokyo, 1933), in programma nel pomeriggio di giovedì 6 agosto, nell’ambito della Retrospettiva dedicata all’attrice e regista Kinuyo Tanaka. Lili Hinstin, direttrice artistica del Festival, ha sottolineato come Sakamoto, innovatore musicale capace di fondere generi, dal pop al jazz, fino alla techno, e tradizioni culturali differenti, abbia saputo regalare alla Settima Arte alcuni dei motivi e dei momenti musicali che più hanno lasciato traccia nella memoria collettiva, impreziosendo il lavoro di maestri quali Bernardo Bertolucci, Nagisa Oshima, Pedro Almodóvar e Brian De Palma: “Ryuichi Sakamoto possiede il potere paradossale dei più grandi artisti: riesce a far convivere il minimalismo con la più folle densità emotiva, a far esistere il suono attraverso il silenzio e, quando compone per il cinema, a contraddire – e quindi ad arricchire – l’intenzione evidente di intere sequenze. È più che un onore accogliere un tale genio al Festival di Locarno.”

73mo Locarno Film Festival: Vision Award per Ryuichi Sakamoto(IMDb)

La consegna del Vision Award Ticinomoda sarà l’occasione per rivedere sul grande schermo alcuni dei titoli più significativi ai quali Sakamoto ha lavorato, che saranno proiettati nel corso del Festival: Merry Christmas Mr. Lawrence (Furyo, Nagisa Oshima, Regno Unito/Giappone/Nuova Zelanda, 1983); The Last Emperor (L’Ultimo imperatore, Bernardo Bertolucci, Cina/Italia/Regno Unito/Francia, 1987); The Revenant (Revenant – Redivivo, di Alejandro González Iñárritu, Stati Uniti/Hong Kong/Taiwan, 2015).
Nato a Tokyo nel 1952, Ryuichi Sakamoto ha studiato composizione dall’età di undici anni, appassionandosi tanto a Claude Debussy che al rock inglese. Artista in continua ricerca, dopo la laurea in composizione all’Università delle arti di Tokyo ha indirizzato il proprio interesse verso l’elettronica e altri generi musicali. Nel 1978 è entrato a far parte della Yellow Magic Orchestra, una band di pop elettronico che ha avuto un’influenza imprescindibile sulla musica dei decenni successivi.
L’esordio al cinema è avvenuto nei panni di co-protagonista, insieme a David Bowie, del citato film di Nagisa Oshima Merry Christmas Mr. Lawrence uscito nel 1983, di cui ha anche composto le musiche, tra cui il noto tema Forbidden Colours. Con Oshima, Sakamoto ha lavorato anche successivamente nel film Gohatto (Tabù – Gohatto,1999).

73mo Locarno Film Festival: Vision Award per Ryuichi Sakamoto
(IMDb)

Nel 1988, grazie alle musiche di The Last Emperor (L’Ultimo imperatore) di Bernardo Bertolucci, realizzata con David Byrne e Cong Su, ha vinto un premio Oscar per la migliore colonna sonora e un Grammy Award per il miglior album di musica originale per un film, mentre nel 1991 un Golden Globe per la colonna sonora di The Sheltering Sky (Il tè nel deserto, 1990), sempre di Bertolucci.
Il suo lavoro nella musica per il cinema include anche i film Little Buddha (Piccolo Buddha, Bertolucci, 1993); Tacones lejanos (Tacchi a spillo, Pedro Almodóvar, 1991); Snake Eyes (Omicidio in diretta, 1998) e Femme Fatale (2002) di Brian de Palma;  The Revenant (Revenant – Redivivo, Alejandro González Iñárritu, 2015). Nel 2017, Sakamoto ha pubblicato l’acclamato ambient album Async ed è stato protagonista del documentario Ryuichi Sakamoto – Coda, che racconta la realizzazione del disco e la sua carriera.
Tra le sue composizioni più recenti, vi sono le musiche per il film “tattile” The Staggering Girl (2019) cortometraggio di Luca Guadagnino prodotto in collaborazione con il direttore creativo della maison Valentino, Pierpaolo Piccioli, così come quelle per i film Proxima (2019, Alice Winocour) e Minamata (2020, Andrew Levitas), in presentazione alla Berlinale 2020. Da diversi anni Sakamoto è impegnato in prima persona come attivista ambientale, attraverso la sua fondazione per la difesa delle foreste MoreTrees. (Fonte: comunicato stampa)


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines