Magazine Cultura

‘A Befana

Creato il 06 gennaio 2020 da Cultura Salentina

di Giuseppe Cambò
‘A Befana
"La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte..."
'A facce de 'na vecchia strutta e stracca
ca cu' 'na scupa se ggira a terra, tutta;
a tutte 'e vanne la sannu niura e bbrutta,
ma cu' lla manu sempre pronta intra 'lla sacca.
Quante fiate, me ricordu, m'hannu dittu
me rrimagnu 'ncucujatu 'ntra 'llu lettu:
"Me raccumannu, cu nu' vviti e senti;
crammane poi, se no', nu' ttrovi gnenti!".
Iddhra pareddhra ggira pe' llu munnu
e sente tante lacrime e lamenti
de ggente ca pe' guai sta senza sonnu,
travajata ci de guerra e ci de stenti.
Diventati grandiceddhri ne spiecanne
ca ddhra vecchia ete sulu fantasia,
ca de veddhri li ricali ne calanne,
li ccattanne sempre 'a mamma cu' lla zzia.
Nu' putiti ccitire 'ntra 'na bbotta
'na cristiana ca spettanne tuttu l'annu;
ca pe' quantu la dicinne niura e bbrutta,
mai n'ave lassati cu' llu cannu!
Era bellu spettare 'u giurnu dopu
cu' zzumpi susu 'u lettu 'mprima vviti;
o cu essi cu' ll'amici e cu lli chieti
se l'ha purtata 'a palla oppuru 'u pupu!
E 'nu te scurnare, se teni fiji moi,
cu lli ssetti susu ll'anche e cu lli canti
ddhre parole ca t'hannu ditte i toi
e ca l'imu 'ntise certu tutti quanti:
"La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte
e la cuffia alla romana: vivi viva la Befana"

Poesia segnalata dalla Giuria del Concorso Letterario Caffè Blues Post già pubblicato nel gennaio 2012

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog