Magazine Politica

A ramallah , in palestina, strade dedicate a persone che hanno ucciso israeliani in attentati. per i plaestinesi sono martiri. polemiche da israele e usa

Creato il 19 aprile 2010 da Madyur

Un progetto per assegnare un nome e un numero civico a tutte le strade della capitale temporanea dello Stato Palestinese ha sollevato un contenzioso internazionale dimostrando una volta di più che israeliani e palestinesi vivono dentro bolle che non comunicano fra di loro : anzi, sembrano quasi incapaci di sentire uno la voce dell’altro.

8899C1627D

La disputa è cominciata due settimane fa , quando è arrivata a Ramallah , una troupe della televisione israeliana. Passando di fronte all’ufficio del primo ministro Fayyad e al cantiere del nuovo complesso presidenziale , i giornalisti hanno notato una strada intitolata a Yahya Ayyash.

Ayyash era considerato , negli anni ‘90, il più abile artificiere di Hamas , noto come l’ingegnere : con le sue azioni causò la morte di decine di israeliani , sugli autobus e per le vie affollate delle città dello Stato ebraico. Fu assassinato dalle forze di sicurezza israeliane : gli fecero arrivare un cellulare imbottito di esplosivo e quando rispose al telefono lo fecero saltare in aria.

I cartelli stradali non si limitano ad onorare Ayyash , ma forniscono anche una biografia “Yahya Ayyash , 1966-1996. Nato a Rafat (Nablus) , studiò ingegneria elettrica all’Università di Bir Zeit e militò nelle Brigate al Qassam ; Israele lo accusò di essere l’organizzatore di una serie di attentati ; fu assassinato a Beit Lahya (Striscia di Gaza) il 5 gennaio 1996”.

Dopo un’ora della notizia diffusa dalla televisione israeliana , l’ufficio del premier israeliano, Netanyahu , ha diramato un furioso comunicato stampa , definendo l’omaggio ad Ayyash una scioccante istigazione . Il Dipartimento dello stato americano ha lanciato una dichiarazione analoga : la glorificazione di terroristi danneggia gli sforzi di pacificazione.

L’Autorità palestinese replica che l’attenzione israeliana su una strada mira a distogliere l’attenzione delle sue vere preoccupazioni , e cioè la pressione internazionale contro la costruzione di insediamenti ebraici a Gerusalemme Est . L’autorità palestinese si è inoltre scagliata contro i nomi di centinaia di vie e di istituzioni israeliane che onorerebbero uomini che hanno commesso crimini contro i palestinesi.

Fra i nomi giudicati inaccettabili dai palestinesi spicca quello di Menachem Begin , ex primo ministro e premio Nobel , citando dalla dichiarazione del Governo palestinese “L’ex primo ministro israeliano Manachem Begin , responsabile dell’omicidio di palestinesi innocenti nel 1948 e tristemente noto per il ruolo nel massacro di Deir Yassin , ha musei , strade e molti luoghi pubblici dedicati a lui”.

Quando ci fu la visita di Joe Biden nella cittadina di el-Bireh era in programma una cerimonia per intitolare una piazza a Dala Mughrabi , che nel 1978 partecipò al dirottamento di un autobus in cui morirono 37 israeliani. Dietro richiesta americana , la cerimonia è stata annullata , anche se una cerimonia ufficiosa si è tenuta comunque. Sulla piazza al momento non c’è nessuna targa.

Ghassan Khatib , portavoce dell’Autorità palestinese , dice che personalmente considera inappropriato intitolare una strada a una persona come Ayyash , ma sostiene che non è appropriato nemmeno che l’autorità centrale si intrometta su questioni di competenza degli enti locali senza un chiaro insieme di linee guida su cosa sia definibile come istigazione “La recente uccisione di 4 palestinesi innocenti da parte delle forze israeliane è istigazione” dice “I posti di blocco , le umiliazioni e le vessazioni dell’occupazione istigano la nostra gente molto di più del nome di una strada”.

L’ammirazione di Ayyash in Palestina è molto diffusa. Nel 2007, ad esempio, l’Università di al-Quds , che molti considerano un ateneo moderato , ha indetto una settimana di iniziative per l’undicesimo anniversario della sua morte. Ahmad Abu Laban , il direttore cittadino di Ramallah, ha dichiarato che il Comune ha cominciato lo scorso luglio a installare targhe stradali e numeri civici in 500 strade. Ha detto che i nomi delle strade sono stati scelti da una commissione e che non si pente nulla “Non accetto che qualcuno mi ordini di rimuovere dei nomi, siamo orgogliosi dei nostri martiri”

madyur

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog