Magazine Diario personale

A te uomo.

Da Posacostantino
A TE UOMO.
A TE UOMO.Uomo, che fai piangere il mondoa volte sei una bestiacon le antenne fuori posto,mentre pensidi essere più di un re.Uomo, tu che prendi e calpestihai alzato le tue colonnesu una terra che non potràmai essere tua.Uomo, circondato da quei murihai sollevato tante polveri,mentre il vento, come sempreè ancora di te più forte.Uomo, trasformato da poeta,forse di te sono bellisolo quei versiche all'insaputa del tue stileresteranno sempre lìtra la mente ed il tuo cuore,mentre il mondo che non sa nullavuole di te fare soltanto un uomo.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog