Magazine Sport

“Abbiamo devoluto la quota del fantacalcio per l’emergenza Coronavirus”

Creato il 24 marzo 2020 da Agentianonimi

Un’idea dal nulla. Un piccolo gesto. Un gruppo di ragazzi della provincia di Modena decide di devolvere l’intera quota di questa annata del fantacalcio a sostegno della lotta al Coronavirus. Il racconto della storia

“E’ solo un piccolo gesto. Speriamo che altri ci seguano…”

Il Fantacalcio è diventato per le giovani generazioni di pallonari più importante del calcio stesso, un gioco che ogni anno conta migliaia di partecipanti. Purtroppo anch’esso ha subito un duro colpo con lo scoppiare di questa epidemia e ul conseguente stop alla Serie A. Questo brusco stop del campionato (e del fantacampionato a catena) ha anche un senso logico, era innegabile pensare ad una sua prosecuzione in questo momento di fragilità del paese in primis per i tifosi e in secundis per le squadre.

In questo ambiente saturo di paura e preoccupazione un gruppo di ragazzi della provincia di Modena, più precisamente di Campogalliano, ha deciso di devolvere l’intera quota dell’annata a sostegno delle istituzioni locali. E così un giovedì mattina qualsiasi si trasforma in un assembramento su Whatsapp per cercare di organizzare l’operazione nei suoi dettagli: dai primi sì quasi istantanei, alla definizione della cifra totale da donare, fino a trovare l’addetto al bonifico e l’associazione scelta per la donazione (ASL di Modena, ndr).

Questi ragazzi lanciano un chiaro messaggio: “Per fronteggiare e passare indenni l’epidemia-Coronavirus in questo momento è giusto spostare l’attenzione dal fantacalcio per concentrarsi su altro di più importante. C’è chi ora lotta per il proprio bene e chi si sacrifica per quello altrui, perchè noi dobbiamo rimanere distanti da questa realtà? Per questo motivo abbiamo deciso di attuare una piccola, anzi infinistesima, rinuncia per affiancarci ai nostri concittadini in difficoltà.

E’ un dato di fatto che ormai questo fantacampionato sia falsato, nel senso che a questa data si sarebbero dovuto giocare già alcune partite con tutte i possibili incroci del caso. La ripresa del campionato a maggio/giugno racconta già uno scenario differente rispetto a quanto sarebbe accaduto senza l’emergenza. Per carità è giusto il rinvio e sono altrettanto giusti i provvedimenti attuati dalla federazione, ma è palese che abbia alterato le sorti della Serie A. Aldilà di questioni legate all’emergenza, che valore avrebbe una vittoria al fantacalcio? Quanto sarebbe meritata la vittoria per il vincitore?

Vogliamo, l’imperativo è d’obbligo, essere anche d’esempio per i nostri coetanei affinchè chi come noi è appassionato di fantacalcio rinunci al premio di questa stagione in favore di chi ha bisogno. Si tratta di una piccola rinuncia che potrebbe crescere esponenzialmente qualora altri si uniscano alla nostra iniziativa. Tornerà il momento in cui potremmo ritornare a schierare il nostro 11 ogni domenica, quando avremmo sconfitto il Coronavirus. Andrà tutto bene!

Un ringraziamento del sottoscritto a questi compagni di ventura, nonchè miei avversari al fantacalcio: Alessandro G. Alessandro R., Andrea D., Andrea M., Dario, Davide, Emanuele, Francesco, Marco, Mirko, Nicolò.

Di Gianluca Zanfi (Twitter @GianlucaZanfi)

L'articolo “Abbiamo devoluto la quota del fantacalcio per l’emergenza Coronavirus” proviene da Agenti Anonimi.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog