Magazine Cultura

Accettare l'assenza, perdere il conto delle pecore, salvare dall'abbandono, dimostrarsi ragionevoli e non cambiare mai del tutto. Io, l'amore e l'oroscopo.

Creato il 15 gennaio 2014 da Charlotteforever25

L'ho aspettata praticamente tutto il giorno, il 6 gennaio. Ma niente. Le ho mandato messaggi, fatto telefonate, mi sono messa in ginocchio a implorarla (ti prego, vieni) e anche a ricattarla: oggi o mai più. Se ne è fregata altamente e non mi ha fatto il dono della sua presenza. L'influenza, la più bella dell'anno, quella che arriva il 6 gennaio e prolunga per un altro paio di giorni le vacanze - giusto il tempo per disfare l'albero senza subire traumi troppi grossi - non è venuta. Lì per lì, l'ho presa male, ma sono una persona ragionevole per la mia tenera età e ho accettato l'assenza. E poi i patti erano chiari: oggi o mai più. Mai più. Perfetto. 
Accettare l'assenza, perdere il conto delle pecore, salvare dall'abbandono, dimostrarsi ragionevoli e non cambiare mai del tutto. Io, l'amore e l'oroscopo.Tutti quelli che si stano indignando per il fatto che è assurdo e immorale e inconcepibile che una persona desideri avere la febbre, forse non hanno mai veramente subito il trauma da rientro. Io ne ho sempre sofferto. Mi ricordo i 6 gennaio del 1985, 1986, 1987 e così via, ero una bambina distrutta all'idea di tornare a scuola, non tanto perché odiassi la scuola - in fondo non l'ho mai odiata davvero - quanto perché erano finiti i giorni in cui la mamma e papà e le nonne e la zia e lo zio e i cugini li avevo sempre tutti intorno. In più potevo vedere le amichette, rigorosamente femmine, quando volevo; potevo guardare i cartoni animati, giocare a Ok il prezzo è giusto - io ero la Zanicchi e M. tutti i concorrenti della puntata. Si andava avanti per ore e i concorrenti, ovviamente, cambiavano -; potevo vestire e svestire le bambole a tempo indeterminato e andare a dormire proprio quando avevo sonno, non quando era ora di andare a dormire essendo poi costretta a restare nel letto con gli occhi sbarrati a contare le pecore. E' stato proprio allora che ho capito che contare le pecore è del tutto inutile. Puoi anche arrivare a mille pecore senza prendere sonno. Tanto vale stare svegli a fare altro, dicevo io. Ma i miei genitori non erano d'accordo: preferivano che andassi a dormire per sentire un po' di silenzio e manco un perché. 
Accettare l'assenza, perdere il conto delle pecore, salvare dall'abbandono, dimostrarsi ragionevoli e non cambiare mai del tutto. Io, l'amore e l'oroscopo.
Ci sono cose che restano addosso, anche se uno ha un cervello adulto ed è una persona vera. A me è rimasto il trauma da rientro. E un rapporto conflittuale con i miei capelli che sono inddisciplinati in proporzione diretta con l'aumento degli anni. Comunque l'influenza non è venuta e io ho ricominciato la mia vita normale che prevede molti incastri, diversi salti mortali e anche un bel po' di stress provocato dalla precarietà costante a cui in tanti siamo condannati. Vittimismo? Giammai.Forse era per questo che mi piaceva di stare in pausa: per non pensare. Perché non pensare - specie alle cose che preoccupano - si può. E si vive in modo molto più sano, quel modo sano che conduce al centenario felicemente. Perché io che parlo tanto di centenario e di come si fa a campare cent'anni, penso anche che voglio diventare centenaria a patto di arrivarci in un certo modo. 
Accettare l'assenza, perdere il conto delle pecore, salvare dall'abbandono, dimostrarsi ragionevoli e non cambiare mai del tutto. Io, l'amore e l'oroscopo.
Se devo campare altri 60 anni da esaurita, tanto vale campare di meno. Poi con gli anni si cambia. Anche idea e punto di vista. E quelli che una volta erano problemi ora non lo sono più. Ad esempio ora non ho più bisogno di visualizzare 1890 pecore che saltano la staccionata per dormire, mi basta mettermi a pancia in sotto col braccio sotto il cuscino e svengo serenamente senza manco una pecora in giro. Dormo così profondamente che temo sempre che la sveglia potrebbe svegliare tutto il condominio tranne me. Ma questo non lo considero affatto un problema. E mi rendo conto che sempre meno cose rappresentano un vero problema. Essere stressati è un problema, però. Dover fare 732 cose in un giorno non lo è, ma lo potrebbe diventarlo qualora io un giorno, decida di liberare la mamma che è in me. Ma non è un pensiero di questi giorni. Nel frattempo ho imparato a fare il tiramisù, le ciambelline, il pollo al curry, la torta di mele e vari risotti. Roba che torna sempre utile.
Accettare l'assenza, perdere il conto delle pecore, salvare dall'abbandono, dimostrarsi ragionevoli e non cambiare mai del tutto. Io, l'amore e l'oroscopo.
Ho imparato anche a essere meno permalosa, più precisa, più ordinata. Ho imparato a non sbattere le porte in faccia, né a sbatterle (urlando) dietro di me. Ho imparato che la crema che metto sul viso si mette anche sul decollete e che diecimila passi al giorno, qualunque vita tu faccia, sprovocano ispirazione. Ho imparato che certe volte l'amore ti fa mettere al posto numero 2 e tu manco te ne accorgi. Ho imparato a chiedere scusa e a prendere le critiche nel verso giusto (il più delle volte, ora non esageriamo). Il tempo è sempre nella lista "da fare" ma mi sto impegnando in proposito. Ho imparato a chiamare le cose col loro nome e quindi ieri ho salvato dall'abbandono alcuni capi brutalmente buttati sugli scaffali di H&M. Li ho portati a casa, ho dato loro lo spazio di cui hanno bisogno e mi sono sentita solidale. Ho imparato che la cioccolata appena sveglia mi mette di buonumore e se mi lasciano per più di tre giorni senza scrivere, meglio non incontrarmi, in quei giorni. C'è dell'altro: prendo con abbastanza filosofia i cambi di programma, parlo tanto ma un po' meno e non salto il pranzo. Nonostante questo, vorrei essere più buona e più paziente, ricevere quel sì, anzi quei sì; dormire di più prendere la vita con swing anche nei giorni un po' di merda e avere la febbre il 6 gennaio 2014. Chi nasce tondo, in fondo, per quanto si sforzi di essere quadrato, non lo sarà mai completamente. 
Accettare l'assenza, perdere il conto delle pecore, salvare dall'abbandono, dimostrarsi ragionevoli e non cambiare mai del tutto. Io, l'amore e l'oroscopo.
ARIETESe la tua paura più grande è che tua moglie ti rovesci una pentola di acqua bollente mentre dormi, sappi che probabilmente sei molto paranoico e che non basterà un oroscopo per farti invertire la rotta. Tuttavia qualcosa puoi fare: comportarti con tua moglie come se fosse una principessa (così stai più tranquillo); evitare di trattare il genere umano con sufficienza (moglie inclusa); concentrarti sulle cose che ti stanno veramente a cuore; non affidarti alla fortuna, non dare sempre la colpa agli altri. Tantomeno al destino. La responsabilità, questa settimana, è tua. Su, sarà memorabile. In senso buono.TOROAndare a guardare le foto di quando avevi 16 anni e miliardi di capelli non è un reato. Però se poi ti prende male, non ti stupire. Scommetto che quando ne avevi sedici, di anni, ti sentivi bello come un lavandino. Ora invece pagheresti oro per tornare indietro. Tanto non funziona, di tornare indietro, dico. Ma oggi sei più saggio e sai che tra dieci anni sentirai nostalgia di come sei adesso e pure delle energie che hai. Vivilo bene, allora, l’oggi. E, dopo tanto filosofeggiare, la bella notizia: mela vuole abbonarsi a te per altri 100 anni. Troppi? GEMELLICucinare una cena speciale quando si è da soli è dura. Ma ci sono momenti in cui bisogna prendersi cura di sé, se si vuole che anche gli altri si prendano cura di noi. Si tratta di conseguenze. Questa settimana, Gemelli, dovrai prenderti cura di te. Se dimostrerai a mela e al cosmo intero che ti vuoi bene, tutto il resto arriverà da solo. E’ molto semplice. E ne vale la pena. Assai. Ah! Togliti quel muso: t’invecchia.
Accettare l'assenza, perdere il conto delle pecore, salvare dall'abbandono, dimostrarsi ragionevoli e non cambiare mai del tutto. Io, l'amore e l'oroscopo.
CANCROAd aprile a Milano celebrano la prima giornata senza il rumore. L’iniziativa è nata da un’idea di base: siamo perennemente sottoposti a bip, ring, driiiiiiiiiiiiiiiiiiiin, brum e via dicendo e tutto questo ci distrae dalle cose importanti, tipo noi stessi, la metà della mela, le nostre esigenze vere e ci siamo capiti. Secondo i promotori della giornata in questione, una volta arrivati a casa, non si dovrebbe subito accendere la televisione o la radio, quando si sta a cena con altre persone bisognerebbe evitare di guardare il telefono continuamente e cose simili. Non so se tutto questo porterà nella tua vita ciò che desideri, di sicuro, prendere certe buone abitudini, ti aiuterà a sentirti alla grande. Cioè come vuoi sentirti tu. Quindi: shhhhhhhhhhhhhh!LEONEHai aspettato i saldi per comprare quel cappottino tanto carino e poi te lo hanno portato via sotto il naso. Hai creduto che mela ti avrebbe stupito con un gesto eclatante o con una dichiarazione da sturbo invece lei è stata tiepida ieri e oggi. Son cose che succedono. E fanno anche abbastanza innervosire. Ma fai una cosa che nessuno si aspetterebbe da te: non ti innervosire. Non ti arrabbiare. Non sbraitare. Non ti lamentare. Non rompere. Passa sopra a certe cose con la nonchalance che Virgilio consigliava a Dante nel limbo. Insomma, sii superiore. Il tuo sforzo non sarà vano: il cosmo, infatti, ti porterà libertà (dai pensieri nocivi o impuri), amore (anche eterno, volendo), intelligenza superiore (che torna sempre utile). Fico, no?!VERGINEQualcuno ha infranto il tuo sogno. Perdonarlo? Mai, dici tu. Invece perdona. Ma ricorda il nome dei tuoi nemici, diceva Kennedy. Così da un lato dimostri di essere un umano saggio, dall’altro alleni la memoria. Poi fai in modo pure che gli altri non si approfittino più di te e la prossima volta che qualcuno entra nella tua vita, imponigli di pulirsi le scarpe. Non è facile perdonare, ma tanto nutrire rabbia è peggio. In più fa anche invecchiare. Tu, invece, devi restare giovane per affrontare passioni struggenti, amori immensi, avventure stratosferiche che porteranno emozioni adolescenziali. Il tutto senza acne. Mica poco.
Accettare l'assenza, perdere il conto delle pecore, salvare dall'abbandono, dimostrarsi ragionevoli e non cambiare mai del tutto. Io, l'amore e l'oroscopo.
BILANCIACi sei cascato: ti sei messo a leggere su internet quante calorie hai ingerito durante le feste e ora sei depresso. Errore. Mai sapere la verità sulle calorie. Per certe cose è bene illudersi. Scopri quali e poi illuditi. Non fa male. Ma a mela non mentire, mai. Dai. Per smaltire la ciccia, balla, invece di andare in palestra e fai l’amore, invece di andare in palestra. E pure l’adrenalina e gli ormoni si rimettono in movimento. Anche loro, se non lo sai, se lo meritano. Buon divertimento. SCORPIONENorvegia: rana rimane congelata per andare a cercare la sua metà della mela. Non è una storia tenerissima? Sì. In più dimostra che l’amore è il più grande motore. Hai dieci minuti di tempo per riprenderti dopo la triste storia della rana innamorata e un’ora per fare un gesto d’amore verso la tua, di metà della mela. Non ti sei accorto che ti fa ringiovanire, battere il cuore, commuovere, sperare, sognare come il primo giorno? Ecco. Questa settimana avrai anche la dimostrazione tangibile che il lavoro non è tutto nella vita. C’è anche altro. Che merita il tuo tempo. Sorridi, ti aspettano giorni un po’ swing, un po’ rock, un po’ alternative. Fai le scelte giuste. SAGITTARIOQualcuno dice che le storie a distanza siano le più semplici da gestire. Falso. Ancora non l’ho vista, ma so che la mia amica S., appena tornata da una lunga trasferta col suo cavaliere che vive lontano, avrà una faccia abbattuta. A lei dell’amore piace anche la quotidianità. Che poi, se ci pensi, è proprio l’amore. Quello di tutti i giorni. Che si mischia alla vita qualunque che diventa bella perché c’è l’amore. E’ vero, ci sono andata pesante col romanticismo. Per questa settimana, seguimi. E fallo anche tu, sii romantico. Ama. Ma resta pure coi piedi per terra. Ama. Anche quando mela ha le ruzze. Ama. Pure sei stanco. Ama. Pure se mela la mattina ha i capelli come uno scopettone. Sarà tutta salute.
Accettare l'assenza, perdere il conto delle pecore, salvare dall'abbandono, dimostrarsi ragionevoli e non cambiare mai del tutto. Io, l'amore e l'oroscopo.
CAPRICORNOOrmai se non ti fai le selfie (gli autoscatti col cellulare) e poi le pubblichi sui social non sei nessuno. Meglio. In base ai presagi astrali, una ventata di culo e tempismo ti ha preso in pieno e ora hai di meglio da fare che non le foto con la faccia sexy. Ora che l’apparenza è l’ultimo dei tuoi pensieri, sei finalmente la persona fighissima che eri un tempo e che avevi dimenticato di nascondere dentro. Resta così. Non ti montare la testa, sii generoso quando diventerai miliardario, accetta la verità anche quella che non ti piace e non ti ubriacare per festeggiare tutte le buone notizie che arriveranno. Ogni tanto bevi pure acqua. Con affetto. ACQUARIO“Il matrimonio è l’abito da sposa. Dopo ovviamente c’è il marito” diceva il regista Jean Anouilh.  Se te lo dico, Acquario, è perché mi pare che ultimamente tu stia facendo poca attenzione alla questione delle priorità. Ora, però, è tempo di riordinarle onde evitare che ti confondano le idee definitivamente. Una volta spostato quello lì e l’altro qua, ecco che tutto sarà rassicurante. Prenderti una vacanza dalla parte più meditativa di te ti semplificherà la vita. Prenderti una vacanza dal lavoro sarà dura, ma non disperare: tra qualche mese (leggi agosto) ci riuscirai. L’amore ti fa tremare le ginocchia. Resta in piedi.  PESCIIl trauma più grande dopo le vacanze non è ricominciare le lezioni di danza e accorgerti che il tuo corpo non reagisce più come venti giorni fa; non è nemmeno il fatto che i jeans ti impediscono di piegarti e nemmeno quello di sapere che le prossime vacanze sono lontanissime: il problema è sentire la sveglia e seguirla. Ma lei resterà il tuo incubo per tutta la settimana. In compenso, se ti può consolare, accadrà quanto segue: tornerai il ballerino flessuoso che eri (o altro, se la danza non fa per te); i jeans torneranno a farti respirare e le vacanze arriveranno prima del previsto. Insieme a un bel po’ d’amore e a un lavoro, perché no. Ma di quelli senza tredicesima. Fanne un uso consapevole.
Accettare l'assenza, perdere il conto delle pecore, salvare dall'abbandono, dimostrarsi ragionevoli e non cambiare mai del tutto. Io, l'amore e l'oroscopo.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Io e te

    Salve a tutti!Questa domenica d'agosto il mio "consiglio di lettura" riguarda il romanzo, ma forse è più corretto definirlo racconto lungo, "Io e te" di... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    CULTURA, LIBRI
  • Review: Io e te

    Review:

    Io e te by Niccolò Ammaniti My rating: 5 of 5 stars Lorenzo è un ragazzo problematico che non riesce a legare con i compagni e, più in generale, che non lega co... Leggere il seguito

    Da  Paperottolo37
    CULTURA, LIBRI
  • E io pago!

    pago!

    Tutti a casa !di Mario GiordanoMondadori 155 e 17,00isbn 9788804629436Che rabbia! Che dannata rabbia ti procura la lettura di certi libri, per carità saggi... Leggere il seguito

    Da  Luigiderosa
    CULTURA, LIBRI
  • Io ho un sogno...

    sogno...

    Sono passati cinquant'anni, eppure rimane uno dei discorsi più belli mai pronunciati. Sto parlando del famoso "I have a dream" di Martin Luther King" a cui... Leggere il seguito

    Da  Marcodallavalle
    CULTURA, LIBRI, TALENTI
  • Ma io volevo dirvi ...

    volevo dirvi

    ..e insomma, un sacco di novitá ultimamente. Spero vi stiano piacendo tutte: vediamo se vi piace anche quella di oggi.... Questa è l'ora in cui di solito qui su... Leggere il seguito

    Da  Hermosa
    DIARIO PERSONALE, PER LEI
  • Io sono tu

    sono

    Regia: Seth GordonInterpreti: Jason Bateman, Melissa McCarthyTrama: Sandy Patterson spende e spande per tutti i negozi di Miami usando la carta di credito di... Leggere il seguito

    Da  Beatrixkiddo
    CINEMA, CULTURA
  • ANCORA IO - Lisa Genova

    ANCORA Lisa Genova

    altro libro finito, oggi, Il gusto proibito dello zenzero, e immediato nuovo inizio, con Ancora io, di Lisa Genova.anche questo consigliato e prestato dalle... Leggere il seguito

    Da  Maria Chiara
    DIARIO PERSONALE, TALENTI